Telefonia VoIP: la nuova sfida per gli operatori del fisso

di |

Mondo



I profitti della telefonia fissa, gi&#224 ridotti al lumicino dalla telefonia mobile, cominciano ora a subire anche la concorrenza della telefonia su Internet che, secondo gli analisti, potrebbe finalmente costringere gli operatori a rivedere i loro modelli economici.

Anche stavolta, sono gli autori del famigerato KaZaa a far venire gli incubi alle telecom mondiali: la societ&#224 londinese infatti ha lanciato lo scorso settembre Skype, un software che utilizza la tecnologia peer-to-peer per telefonare gratuitamente via Internet.

¿Quando la gente comincer&#224 veramente a capire la convenienza della telefonia VoIP non credo che gli operatori delle linee fisse avranno pi&#249 molto da fatturare¿, ha dichiarato Niklas Zennstrom di Skype.

Telefonare con Internet, certo, non &#232 ancora la moda del momento ma c¿&#232 da dire che il software &#232 stato scaricato pi&#249 di 6,5 milioni di volte in 5 mesi, grazie soltanto al passaparola degli utenti. Senza aver avviato alcuna campagna pubblicitaria, la societ&#224 rivendica 2,4 milioni di utenti regolari.

Secondo Zennstrom, i telefoni fissi cominceranno ad andare in disuso, cos&#236 come il fax sta cedendo il posto alle messaggerie elettroniche.

Skype potrebbe superare per popolarit&#224 anche KaZaa, che sul suo sito afferma di essere la tecnologia pi&#249 scaricata del Web.

L¿idea non &#232 certo una novit&#224: la tecnologia VoIP &#232 nata circa 10 anni fa e di software simili a Skype ne esistono gi&#224 a decine ¿ tra i pi&#249 noti Net2Phone e Free World Dial-Up ¿ ma, dichiarano gli sviluppatori, la forza del loro prodotto nasce dal fatto che Skype, a differenza dei concorrenti, funziona con ogni tipo di firewall, NAT (Network Address Translation) e router, senza necessit&#224 di altre configurazioni, grazie al sostegno della rete peer-to-peer FastTrack sviluppata da KaZaa. Solo alcuni firewall aziendali che autorizzano solo connessioni TCP potrebbero impedire a Skype di connettersi.

La gratuit&#224 del servizio deriva dal fatto che la societ&#224 non ha infrastrutture da mantenere e gli utenti pagano solo il costo della connessione a Internet.

Altre societ&#224, come Vonage e 8×8, offrono invece un numero di chiamate illimitato verso gli Stati uniti e il Canada per una tariffa che varia da 20 a 35 dollari mensili

Anche Skype durante il primo semestre di quest¿anno dovrebbe lanciare un servizio simile, fatturando il costo delle chiamate verso un numero fisso

La qualit&#224 delle chiamate non &#232 ancora delle migliori, ma la forte crescita della banda larga, che permette una connessione permanente per un compenso fisso mensile, dar&#224 sicuramente un nuovo impulso anche allo sviluppo e all¿ottimizzazione dei servizi vocali.

¿Pensiamo che il VoIP rappresenti la transizione finale verso un ambiente di comunicazioni dominato dal protocollo Internet (IP). &#200 un fattore molto importante che potrebbe significare la morte dei sistemi telefonici che abbiamo conosciuto finora¿, dichiara Uberto Ferrari, analista di UBS.

Gli operatori di linea fissa, dunque, davanti ad un bivio: il loro modo di concepire il business dovr&#224 infatti fare i conti con un numero sempre maggiore di utenti che reclamano telefonate meno care.

Ferrari fa riferimento alle compagnie aeree: le uniche a registrare profitti sono le cosiddette ¿no-frills¿, cio&#232 quelle che offrono un servizio senza ¿fronzoli¿ e dunque a basso costo.

Il risparmio sui costi generato da questo tipo di tecnologia sta infatti cominciando a sedurre le imprese che operano in diversi Paesi: tra esse, ad esempio, la Volvo e il laboratorio AstraZeneca, che prevedono di trasferire le loro chiamate sulla Rete, convinte anche dal livello di sicurezza garantito dalla tecnologia. Skype, ad esempio, utilizza l”Advanced Encryption Standard a 256-bit, adoperato anche dalle organizzazioni governative Usa: tutte le chiamate, dunque, sono codificate sia in emissione che in ricezione.

Dal momento che trasportare la voce sul web non molto pi&#249 complicato che inviare una eMail, gli operatori non devono pensare di trarre profitto dalle singole chiamate, ma devono concentrarsi sulla vendita di accessi alla rete.

L¿unico modo perch&#233 gli operatori sopravvivano e continuino a registrare profitti, dunque, &#232 la diversificazione delle offerte: e cos&#236, Telecom Italia, France T&#233l&#233com e tutti i big del settore farebbero bene ad aggiungere al loro pacchetto, oltre alla telefonia fissa e mobile, anche quella su Internet.

Tra gli operatori europei, l¿ultimo in ordine di tempo a lanciare un servizio VoIP &#232 stata TeliaSonera che ha offerto un pacchetto a un prezzo inferiore delle tariffe del fisso.

La telefonia su Internet nel prossimo futuro, ¿¿dovrebbe diventare tanto importante quanto la telefonia mobile oggi¿, ha dichiarato Tomas Holmstrom della societ&#224 svedese.

Alessandra Talarico

Per ulteriori approfondimenti, leggi:

Decolla il mercato VoIP

La telefonia su Internet mercato in ascesa. Anche BT si lancia nel VoIP

Le aziende tornano a scommettere sul VoIP

Operatori e aziende concordi: il VoIP nel futuro delle comunicazioni aziendali. Studio IDC

Telecom Italia punta sulla telefonia VoIP. Prima in Francia, poi in Italia

Telefonia VoIP: in Europa e negli Usa si discute di una possibile regolamentazione del settore

Usa, il governo prende di mira il VoIP: fomenta il terrorismo