Ancora un anno di difficoltà per il settore Ict. A SAT Expo i dati di Federcomin per il 2003

di |

Italia



Il 2003 anno di transizione e occasione di riassetto per il settore Ict. Lo afferma la Federcomin, che a SAT Expo 2003 ha presentato alcune anticipazioni, tratte da dati Idc, sul mercato per il 2003. ¿C¿&#232 una fase economica negativa che genera un clima di incertezza ¿ ha affermato Pietro Varaldo, direttore generale di Federcomin. ¿Per le imprese italiane il ritardo si avverte maggiormente per le applicazioni pi&#249 sofisticate¿.
Varaldo ha quindi fornito i dati elaborati dalla Idc, relativi alla fine del 2003. Per le tlc, il mercato italiano dovrebbe attestarsi, alla fine dell¿anno, sui 40,55 mld di euro, +1,8% sul 2002. ¿Non &#232 molto, se consideriamo l¿inflazione ¿ ha commentato Varaldo ¿ ma &#232 comunque un minimo segno di ripresa¿.

All¿interno del dato sulle telecomunicazioni si registrano comunque andamenti differenziati. I servizi crescono del 3,5%, a 33 mld di euro; +1,8% per la rete fissa; +4,5% per la rete mobile, che arriva a pesare per il 12,8% sul totale del mercato.

Secondo i dati Idc, anche se lentamente si rafforzano i servizi 3G; entro fine 2004 si prevedono in Italia 3 mln di utenti Umts.
Situazione negativa, invece, per gli apparati, che nel 2003 fanno registrare complessivamente un ¿3,6%. A farne le spese maggiormente &#232 la rete fissa (-7,5%), mentre le rete mobile perde l¿1% rispetto al 2002.

Secondo Varaldo, questa contrazione deriva da una minore richiesta ma anche dalla pressione al ribasso sui prezzi.

Non molto dissimili da quelli delle tlc i dati relativi all¿Ict. In totale, nel 2003 il mercato &#232 cresciuto dell¿1,6%, anche qui una crescita modesta dunque. La componente hardware ha fatto registrare un +1,6%, mentre il software &#232 cresciuto del 2,9%. I servizi Ict crescono dell¿1,1%.

Varaldo ha affermato di attendersi riprese pi&#249 consistenti per il prossimo anno.

¿Il Paese deve prendere coscienza che l¿innovazione tecnologica deve diventare uno degli asset fondamentali. Alcune nostre proposte, contenute nel Piano di innovazione digitale, sono state incluse nel piano Stanca-Marzano e, da ultimo, anche nella Finanziaria 2004. E questo, al di l&#224 della assoluta inadeguatezza delle cifre messe a disposizione dal governo, &#232 un segnale¿.

Varaldo ha anche annunciato che Federcomin ha varato una legge quadro, che fissi dei principi guida per l¿innovazione tecnologica.

Oltre al convegno di Federcomin, la seconda giornata di SAT Expo 2003 ha visto una interessante serie di appuntamenti. A cominciare dalla seconda parte del meeting nazionale degli installatori, dedicato al progetto My Home di Bticino.

Del progetto Galileo si &#232 parlato in un convegno organizzato dall¿Esa (Agenzia spaziale europea) e Veneto Innovazione. Nel corso del convegno, il presidente di Padova Ricerche ha annunciato la creazione, nella citt&#224 veneta, del quarto Nap italiano, che permetter&#224 l¿interconnessione tra la rete terrestre internet e il satellite. Una infrastruttura strategica di tlc alla quale aderiscono numerosi grandi operatori, tra cui Telecom Italia, mentre ha gi&#224 manifestato il proprio interesse la tedesca Deutsche Telekom. Il nodo di accesso alla dorsale Internet permetter&#224 anche l¿interconnessione con la Rupa (rete unitaria pubblica amministrazione).

La seconda generazione dello standard Dvb &#232 stato al centro di un convegno a cura di Eutelsat al quale hanno partecipato esperti dell¿industria e del broadcasting. Presenti Mauro Bueti, Ceo di Mbi; Alberto Ginesi, Esa; Alberto Morello, direttore centro ricerche e innovazione tecnologica della Rai; Antonio Vernucci, Space Engineering. Roberto Campitelli, presidente di Hughes Network Systems Europe, ha fornito una interessante raffronto tra il Dvb-S2, nuovo standard che sar&#224 definito entro l¿anno, e l¿attuale Dvb. Secondo Campitelli, il nuovo Dvb permetter&#224 una maggiore economia di esercizio, in quanto l¿attuale capacit&#224 di un transponder per fast internet in banda Ka &#232 di 8.000 utenti, mentre con il Dvb-S2 si raggiungono 21.000 utenti. In banda Ku, con un transponder si passa da 8.000 a 13.600 utenti, mentre il costo annuale passa da 325 a 192 euro per utente. Questi valori, ha sottolineato Campitelli, vanno confrontati con il costo di un collegamento terrestre Adsl, che &#232 di 444 euro e sono dunque competitivi. Altri vantaggi del Dvb-S2 sono la maggiore flessibilit&#224 d¿uso per servizi diversi dalla tv broadcasting, quali fast internet diretto e interattivo e backbone Internet Per Campitelli, comunque, in Europa ¿non si vede ancora un utilizzo bidirezionale per il mercato consumer, poich&#233 conviene sempre il ritorno via cavo.¿

I nuovi servizi wireless sono stati affrontati in un convegno organizzato dalla rivista Wireless. Al termine &#232 stata presentata la prima mappa ufficiale dei wisp (wireless internet service provider) e degli hot spot in Italia. Con una distribuzione geografica che privilegia il nord e il centro, gli hot spot sono 524, suddivisi in: aeroporti e stazioni ferroviarie 29, hotel e catene alberghiere 139, bar, ristoranti e luoghi di ritrovo 149, altri (centri commerciali e sportivi, scuole, ecc. ) 187. Gli operatori che hanno presentato la dichiarazione di attivit&#224 sono 26.

Tra gli appuntamenti di questa seconda giornata di SAT Expo 2003, da segnalare anche il seminario ¿eLearning in Europa: le esperienze italiane e venete¿, nel corso del quale &#232 stato presentato il progetto europeo ¿Createl¿ che si propone di realizzare un ambiente virtuale per la gestione della conoscenza e della formazione per il lavoratori delle pmi in Europa, e la presentazione del libro del giornalista Michele Mezza ¿Media senza mediatori ¿ appunti e spunti sulla comunicazione di convergenza¿.

&#169 2003 Key4biz.it

Pierluigi Sandonnini

Consulta lo Speciale SAT Expo 2003realizzato da Key4biz.it

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia