Endemol scuote il mercato media. Quale futuro per l’azienda olandese?

di Raffaella Natale |

Europa


Grande Fratello

OK dei soci Endemol all’acquisto delle azioni non ancora detenute in Endemol France con un’operazione, annunciata a gennaio, che attribuisce alla società un valore di 450 milioni di euro. Di questi, 194 milioni dipenderanno dalla performance di Endemol France, legata alla realizzazione del business plan 2007-2010.

Nel corso dell’assemblea, il management ha indicato di “non sapere” di un avvio formale del processo di vendita del 75% di Endemol detenuto da Telefonica, ma l’approvazione dell’acquisizione di Endemol France spiana la strada all’operazione.

Gert Smit, chairman del gruppo olandese, ha aggiunto: “…Al momento non siamo a conoscenza di alcun processo formale di vendita”.

 

Secondo la stampa spagnola, il magnate australiano Rupert Murdoch potrebbe essere interessato all’acquisto di Endemol. Secondo il Times, nelle prossime settimane Telefonica potrebbe mettere in vendita Endemol, dopo aver dato il mandato a Merrill Lynch.

 

Dall’Italia, anche Pier Silvio Berlusconi ha confermato l’interesse per Endemol. Il vicepresidente di Mediaset ha ammesso che “…ci sarebbe una coerenza industriale“, ma “…il prezzo rimane una variabile fondamentale”.

Sulla possibilità di un’alleanza con il fondatore John De Mol, Berlusconi Jr ha dichiarato: “…Ci conosciamo da molto tempo e su molte cose ci capiamo, è vero, ma la società venduta a 5 miliardi ora ne vale  2,3” .

 

La vendita di Endemol si inserisce in una serie di possibili dismissioni allo studio da parte del gruppo spagnolo: tra queste rientra Airwave, la radio di della controllata O2 in Gran Bretagna, e il 10% circa detenuto in Portugal Telecom, qualora Telefonica dovesse decidere di aderire all’Opa lanciata da Sonaecom.

 

Gli introiti consentirebbero al gruppo spagnolo, che ha recentemente ammesso l’esistenza di contatti con Pirelli per il possibile acquisto di una quota di minoranza di Olimpia, di raccogliere i fondi per condurre operazioni anche al di là degli 1,5 miliardi di euro indicato come tetto per 18 mesi per condurre acquisizioni, al netto delle dismissioni, dal management di Telefonica nel maggio dello scorso anno.

 

All’epoca il presidente di Telefonica, Cesar Alierta, aveva indicato che le acquisizioni, dopo quelle di 02 e di Cesky Telecom, erano congelate: “…in tale area – aveva detto – investiremo nel periodo 2006-2007 non oltre 1,5 miliardi e non emetteremo nuove azioni. E’ tempo di concentrarsi su quanto già fatto e lo faremo. Vi è spazio solo per acquisizioni di minore importanza”.

 

L’operazione Endemol consentirebbe a Mediaset di rafforzarsi sul mercato media, dove è pronta a fare concorrenza a Sky Italia con una nuova offerta per  la Pay TV. Berlusconi ha annunciato: “…stiamo pensando a offerte innovative sia tecnologicamente, sia commercialmente indirizzate a chi vorrà avere una Tv sempre più moderna”.

 

Ma anche apertura alla telefonia, Berlusconi ha commentato: “…Oggi c’è la possibilità di essere operatori virtuali. Quindi, come Tim, Vodafone e Wind offrono servizi voce e contenuti Tv, non è da escludere che noi, oltre alla Tv, potremo fornire voce e altri servizi sui telefonini e via banda larga”.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia