DVB-H in banda S: Alcatel stringe accordo con Archos per la Tv mobile

di Raffaella Natale |

Archos produrrà il primo lettore multimedia del mondo adattato alla Unlimited Mobile Tv di Alcatel.  

Francia


Alcatel - sede

Alcatel prosegue spedita verso la Tv mobile, continuando a stringere intese che vanno in questo senso. Ultimo nell’ordine di tempo l’accordo strategico con Archos.

La società svilupperà il primo lettore multimedia del mondo adattato alla Unlimited Mobile Tv di Alcatel, una soluzione di mobile broadcast che utilizza un’architettura di rete ibrida, terrestre e satellitare, per la trasmissione di canali video in mobilità in qualità digitale.

I terminali Archos compatibili con la banda S (satellitare) dovrebbero essere disponibili per il quarto trimestre 2007.

 

La soluzione in banda satellitare permette la copertura completa del territorio con la Mobile Tv , a livello di singola nazione e continentale, anche indoor. Inoltre, questa soluzione è compatibile con il DVB-H (Digital Video Broadcasting-Handheld) in UHF, cosa che permette anche lo sviluppo di terminali mobile TV dual mode UHF/Banda S.

 

Alcatel, da sempre all’avanguardia nelle tecnologie che hanno cambiato il nostro modo di comunicare (fibra ottica, DSL, applicazioni UMTS,…), è pioniera nelle tecnologie abilitanti l’integrazione tra il mondo delle TLC ed il mondo dei Media.

Giusto alcuni giorni fa ha siglato un altro accordo importante con Samsung, sempre per lo sviluppo di terminali mobili compatibili con l’evoluzione dello standard DVB-H in banda S.

 

Le due società, come riferisce il management, collaboreranno ai test di interoperabilità per la messa a punto di soluzioni end-to-end e servizi di Mobile Tv di elevata qualità.

 

Entrambe le compagnie si impegnano nel processo di standardizzazione di questa soluzione all’interno del Forum DVB, nell’ambito del gruppo ad hoc DVB-SSP (Satellite Services for Portable devices – servizi satellitari per terminali portatili) e uniranno le forze per rendere disponibile sul mercato la soluzione congiunta. In una prima fase, l’accordo copre l’Europa, dove lo spettro in banda S è disponibile.

 

La Tv mobile viaggia già sulle reti 3G, cosa che potrebbe creare dei problemi di sovraffollamento quando saranno sviluppate tutte le offerte: con diversi milioni di clienti, le reti potrebbero in effetti essere rapidamente sature.

 

Il DVB-H sembrava la soluzione pronta a sistemare ogni cosa ma, per alcuni, si tratta di una tecnologia che presenta dei limiti legati agli alti costi, ma anche alla qualità, che diventa scarsa quando ci si trova all’interno degli edifici.  

 

L’idea, alla base del progetto Unlimited Mobile TV, è quindi quella di adattare il DVB-H alle frequenze satellitari in S-band (2,17 – 2,22 GHz), per evitare il problema del sovraffollamento nella banda televisiva UHF che molti carrier europei pensano di usare nella Tv mobile. La banda UHF oltretutto è adiacente alla banda S satellitare.

 

La soluzione ibrida è attualmente in fase di sperimentazione in Francia, in collaborazione con Orange e CNES (agenzia spaziale francese), oltre che con SFR (operatore mobile francese del gruppo Vodafone).

Si prevede la possibilità di realizzare le infrastrutture per la componente terrestre già a partire dalla seconda metà del 2007 e la disponibilità della copertura satellitare nei primi mesi del 2009, grazie alla collaborazione con Eutelsat.

 

A livello europeo il progetto Unlimited Mobile Tv si sarebbe già visto riservare tre frequenze 5 MHz su banda S. Attribuendo un solo canale per la trasmissione diretta via satellite sulla Francia (artificio che consente di usare le altre due frequenze per coprire i Paesi limitrofi come Germania o Spagna), i due canali restanti potrebbero essere messi a vantaggio dai trasmettitori terrestre per distribuire sulle città programmi supplementari.  

 

Per i programmi trasmessi via satellite e digitale terrestre, i rischi di interferenze sarebbero tra l’altro ridotte, grazie alla modulazione OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplex). Per migliorare la qualità del segnale captato, i partner del progetto puntano anche a integrare la ricezione in diversità nei futuri terminali mobili. L’uso della banda S consente, infatti, di sistemare due antenne (e due circuiti di ricezione) nello stesso terminale.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia