Bilancio

Vodafone Italia chiude l’esercizio con ricavi -1,6%. Cresce la divisione Business (+7,6%)

di |

Vodafone Italia chiude l’esercizio al 30 marzo con ricavi da servizi a 4.184 milioni di euro, in calo del 1,6% rispetto all’anno precedente. Cresce il segmento Business trainato da nuove connessioni e servizi per le Pmi.

Vodafone Italia chiude l’esercizio al 30 marzo con ricavi da servizi a 4.184 milioni di euro, in calo del 1,6% rispetto all’anno precedente, a causa della perdurante pressione sui prezzi nel segmento Consumer mobile. Un trend che è stato parzialmente compensato dalla forte domanda di connettività fissa Business e di servizi digitali per le imprese.

Vodafone Business ha registrato ricavi in crescita del 7,6% quest’anno, trainato dalla forte crescita della connettività fissa e dei servizi digitali.

A novembre 2023 Vodafone si è aggiudicata le gare pubbliche per le reti locali e i servizi mobili per la pubblica amministrazione.

A ottobre 2023 Vodafone Business e Snam hanno annunciato un accordo per la realizzazione di una rete privata 5G ibrida (Mobile Private Network), integrata nella rete Vodafone e quindi disponibile su tutto il territorio nazionale coperto.

A ottobre 2023 Vodafone ha concordato un’estensione del contratto MVNO wholesale con PostePay fino alla fine del 2028.

Il 15 marzo 2024 Vodafone Group ha annunciato di aver stipulato un accordo vincolante per la vendita di Vodafone Italia a Swisscom AG per un corrispettivo di 8 miliardi di euro. Il completamento dell’operazione è previsto per la prima metà del 2025, quando il bilancio di Vodafone Italia verrà assorbito in quello della casa madre Swisscom.

Il brand di Vodafone continuerà ad esistere per un periodo di cinque anni.

Vodafone Group

A livello di gruppo, i ricavi da servizi sono aumentati del 6,3%, con Europa, Africa e Business in crescita. Nel fiscal year 2023-24 i ricavi del gruppo Vodafone sono diminuiti del 2,5% a 36,7 miliardi di euro a causa delle cessioni di Vantage Towers, Vodafone Ungheria e Vodafone Ghana nell’anno finanziario precedente e movimenti avversi dei tassi di   cambio.

Il calo dell’utile operativo del 74,6% a 3,7 miliardi di euro riflette principalmente le cessioni di attività avvenute nell’esercizio finanziario precedente, in particolare la plusvalenza di 8,6 miliardi di euro derivante   dalla cessione di Vantage Towers.

Per l’anno fiscale 2025 Vodafone stima un Adjusted EbitdaaL rettificato pari a circa 11 miliardi di euro e un free cash flow pari ad almeno 2,4 miliardi di euro.

Margherita Della Valle, Ceo di Vodafone: “Un anno fa ho delineato i miei piani per trasformare Vodafone, inclusa la necessità di ridimensionare l’Europa per la crescita. Da allora, abbiamo annunciato una serie di transazioni e ora stiamo registrando una crescita in tutti i nostri mercati in Europa e Africa. Abbiamo ottenuto risultati leggermente superiori alle aspettative nell’anno finanziario, con una buona crescita organica dei ricavi dei servizi pari al 6,3% ed EbitdaaL in crescita del 2,2%. La nostra divisione Business, fattore chiave di crescita, ha registrato una crescita dei ricavi del 5,4% nel quarto trimestre. C’è ancora molto da fare nell’anno a venire. Incrementeremo gli investimenti nell’esperienza del cliente, miglioreremo la nostra performance in Germania e accelereremo il nostro slancio nel Business, continuando al tempo stesso a semplificare le nostre operazioni. Stiamo trasformando radicalmente Vodafone per la crescita”.

Leggi anche: Vodafone lascia l’Italia: ‘Frammentazione eccessiva, il capitale investito non rendeva’. Ma perché ha scelto Fastweb e non Iliad?