L'annuncio

Linkem diventa Opnet. Davide Rota ‘Operatore 5G wholesale only, puntiamo sui Verticals’  

di |

Linkem cambia nome e diventa Opnet, il primo operatore 5G wholesale only specializzato in soluzioni ad alto valore aggiunto per i Verticals e le applicazioni industriali. Davide Rota: 'Il possesso della rete non è più strategico. La rete dovrebbe essere pubblica, gli operatori dovrebbero rinunciare alla proprietà del network e mettere insieme le forze per realizzare le nuove infrastrutture 5G'.

Nuova vita per Linkem, che dopo lo scorporo della rete in seguito alla fusione dell’attività retail con Tiscali ha cambato nome oggi in Opnet. La società offrirà accesso wholesale only e neutrale alla sua rete FWA 5G, per accelerare lo sviluppo industriale del paese e puntando sullo sviluppo di Verticals, reti private e bolle 5G dedicate. “Il possesso della rete non è più strategico. La rete dovrebbe essere pubblica, gli operatori dovrebbero rinunciare alla proprietà del network e mettere insieme le forze per realizzare le nuove infrastrutture 5G del paese”, ha detto il presidente di Linkem e amministratore delegato di Tiscali, Davide Rota. Alla presentazione di Opnet oggi a Roma c’erano anche l’amministratore delegato di Linkem Massimo Arciulo e Gabriella Mauro, UBB Positioning and Competitive Analysis presso Linkem.

Leggi anche: 5G Italy, Righi (Linkem): ‘Il 5G deve portare valore con i Verticals’

5G e uso locale dello spettro. Il ruolo delle ‘non telco’ per creare i Verticals

Davide Rota: ‘Obiettivo Verticals e applicazioni industriali’

Davide Rota, Presidente del Gruppo e Amministratore Delegato di Tiscali ha dichiarato “Sono orgoglioso di essere qui oggi per testimoniare un’ulteriore trasformazione dell’Azienda che ho fondato ormai 20 anni fa. Impegnati da anni nel supportare la trasformazione digitale di famiglie, imprese e pubbliche amministrazioni, siamo convinti della necessità per il Paese di avere una rete 5G aperta a tutti affinché la tecnologia possa esprimere tutto il proprio potenziale in termini di innovazione. Il punto cruciale non è offrire servizi di connettività più performanti ai clienti finali, bensì abilitare soggetti diversi dagli operatori TLC allo sviluppo dei verticali e delle applicazioni industriali, dalla logistica alla sicurezza dei luoghi sensibili. Faccio i miei migliori auguri a Massimo Arciulo e a tutti i colleghi con cui abbiamo costruito una storia di successo destinata a continuare”.

L’ad Massimo Arciulo: ‘Continuità con Linkem per lo sviluppo del 5G e delle reti private’

Massimo Arciulo, Amministratore Delegato di Linkem “La nuova identità aziendale testimonia un’importante discontinuità rispetto al passato in termini di posizionamento, ma la squadra di Opnet porta con sé i valori, le competenze e la managerialità che hanno distinto il Gruppo Linkem in termini di vocazione al successo, posizionandolo sulla frontiera tecnologica e di mercato. Grazie agli investimenti programmati per il potenziamento e l’espansione della nostra rete 5G e per lo sviluppo delle reti private, Opnet intende contribuire alla trasformazione digitale del Paese con l’obiettivo di abilitare la competitività delle imprese, dell’industria e delle pubbliche amministrazioni offrendo soluzioni integrate ad alto valore aggiunto. Ringrazio Davide Rota per la rinnovata fiducia e tutti i colleghi che ogni giorno fanno la differenza grazie alla propria competenza, entusiasmo e professionalità”.

Insomma, connettività aperta, sviluppo di Verticals e reti private, rete aperta e neutrale in ottica wholesale only, apertura verso clineti non telco e Pmi, PA e università.

Gabriella Mauro: ‘La nostra rete 5G aperta a tutti anche per le bolle 5G’

“La nostra brand identity cambia dopo la fusione con Tiscali – dice Gabriella Mauro, UBB Positioning and Competitive Analysis di Linkem, entrata in azienda dalla prima ora – L’obiettivo è fornire soluzioni ad alto valore aggiunto, l’accesso alla rete è neutrale  e siamo la prima rete 5G aperta a tutti, anche per lo sviluppo di bolle 5G”.

Opnet, guidata da Massimo Arciulo da marzo 2022, è impegnata nella creazione di valore per i propri clienti e per i territori in cui opera grazie alla costante evoluzione tecnologica della propria infrastruttura in termini di capacità e in ottica di abilitazione della trasformazione digitale. Attraverso il proprio business e la propria visione Opnet contribuisce ad accelerare la creazione di valore per l’ecosistema nel suo insieme. Questo modello si basa sulla messa a disposizione di terze parti del mondo telco, ma non solo, dell’infrastruttura, del know how tecnologico e di tutti gli asset della Società.

Leggi anche: 5G e reti locali. Cosa si è detto al Fubinar della FUB (video integrale)

5G e reti locali