Data economy

Data center, Facebook chiude la causa BladeRoom sborsando 365 milioni di dollari

Gli avvocati di Mark Zuckerberg cercano subito l’accordo: troppo esposto il social network in questo momento, meglio pagare. Al centro della disputa documenti blindati da un accordo e indebitamente condivisi con altre aziende.

di Flavio Fabbri | @FabbriFlav2 |

A tanto ammonterebbe l’accordo raggiunto tra Facebook e il Gruppo BladeRoom a seguito della causa che andava avanti dal 2015 relativa il data center realizzato dal social network nella Lapponia svedese, a Lulea.

Il primo costruito da Facebook al di fuori dei confini degli Stati Uniti.

 

Una causa che la rete di Mark Zuckerberg, nell’occhio del ciclone per il caso datagate e Cambridge Analytica, ha voluto chiudere al più presto, soprattutto in un momento molto delicato in termini giudiziari e finanziari.

 

In questa ennesima brutta faccenda di condivisione di informazioni riservate su tecnologie strategiche è coinvolta anche la Emerson Electric, partner di Facebook, che al momento sembrerebbe, secondo indiscrezioni pubblicate da Data Economy, ancora sotto processo.

 

Banner Tiesse

L’oggetto della contesa sono dei documenti segreti in possesso della BladeRoom su innovative soluzioni tecnologiche per la realizzazione di data center di ultima generazione: più efficienti, facili da costruire, a basso consumo energetico e caratterizzati da alta flessibilità.

 

La rete sociale avrebbe condiviso queste informazioni sensibili con altre aziende, venendo meno agli accordi presi con BladeRoom.

Per lo scopo, Facebook si sarebbe servito della piattaforma Open Compute Project (OCP), nata appositamente per condividere tecniche e tecnologie utili alla realizzazione di server farm e data center in giro per il mondo.

 

L’obiettivo dichiarato dell’Open Compute Project, progetto peraltro nato nel momento in cui Facebook ha deciso di ridisegnare il proprio data center di Prineville, in Oregon, è di arrivare a progettare, grazie all’open source, strutture meno costose e in grado di funzionare utilizzando meno energia.

 

Hanno aderito alla piattaforma OCP, tra li altri, Google, Intel, IBM, Cisco, Huawei, Microsoft, Nokia, AT&T, Deutsche Telekom, Goldman Sachs, Alibaba.

 

Una tecnologia a quanto pare davvero disruptive, che avrebbe cambiato il mercato e che in effetti, a quanto si legge nell’articolo firmato da Antony Savvas, è stata subito oggetto di forti interessi da parte di numerose aziende.

 

Un danno non solo a livello competitivo per la BladeRoom, a partire dal mercato dei servizi cloud e della data economy, ma anche finanziario, perché a quanto pare tale illecita condivisione di informazioni riservate avrebbe fatto saltare un ricco accordo tra l’azienda proprietaria della tecnologia e Google, niente meno che uno dei più seri rivali di Facebook.

 

 

© 2002-2018 Key4biz

Instant SSL