la road map

Se anche Telegram si fa la sua criptovaluta (Gram) e una Blockchain e lancia la più grande ICO di sempre

Telegram è pronta a lanciare la più grande ICO di sempre (500 milioni di dollari) per vendere ‘Gram’, la sua criptovaluta con la quale sarà possibile effettuare pagamenti via app. L’mPayment attraverso le chat è il trend, renderlo sicuro con la blockchain è la sfida di tutti.

di Luigi Garofalo | @LuigiGarofalo |

Telegram sta partorendo Gram, la sua criptovaluta con una propria piattaforma blockchain, Telegram Open Network (Ton), per effettuare, in modo sicuro, sia i pagamenti direttamente in chat sia altri servizi. La notizia è stata data da TechCruch, che presenta Ton come una blockchain di “terza generazione, con capacità superiori a quella che è a monte di Bitcoin e Ethereum”.

 L’altra notizia, più clamorosa, è che Telegram sarebbe pronto a lanciare la più grande Initial Coin Offering (ICO) di sempre per raccogliere 500 milioni di dollari vendendo la propria criptovaluta​ Gram in cambio di euro e dollari. L’offerta iniziale della nuova moneta dovrebbe essere lanciata già tra due mesi, secondo una road map trapelata in queste ore, e la nuova criptovaluta avrà un valore di circa 1,20 dollari.

Perché Telegram vuole creare una propria Blockchain?

 

La blockchain di Telegram dovrebbe essere operativa dal primo trimestre 2019, ma perché crearne una propria? Perché l’app di messaggistica vuole trasformarsi in una piattaforma multiservizi utilizzabile anche da terze parti che utilizzano Ton per effettuare pagamenti, ma anche altre operazioni, per esempio come stipulare un atto notarile per pagare l’acquisto di una casa senza l’intermediazione della banca.

È questa una caratteristica principale della blockchain, la catena dei blocchi che autogoverna, per esempio anche il Bitcoin, elimina i costi di intermediazione. La Blockchain, in sostanza, è un libro mastro. Ma è basato su un algoritmo, accessibile e leggibile per intero da qualunque computer in tutto il mondo. Nessuno lo può manipolare da solo, nessuno lo può attaccare se non ha dalla sua la metà più uno di tutti gli utilizzatori del mondo. Ogni titolo di proprietà e ogni transazione fra due parti finisce condensata in un codice nel suo sistema condiviso. Da allora non è più modificabile. Di ogni piccolo valore diventa possibile per tutti ricostruire la storia, passaggio dopo passaggio. Tutto è tracciabile e grazie agli strumenti crittografici per ogni transazione è garantita la massima sicurezza.

 

I vantaggi di Gram e della Blockchain di Telegram

I vantaggi della criptovaluta nativa di Telegram che ‘viaggia’ in una sua blockchain potrebbe essere diversi:

  • Indipendenza da governi e banche.
  • No fee, come richiesto dalle altre piattaforme FinTech.
  • Velocità, sicurezza e privacy (grazie alla crittografia) per le transazioni dei micropagamenti e per lo spostamento di grandi capitali.

 

E così, mentre Telegram ha già una tabella di marcia che potrebbe partire tra due mesi, Facebook con l’inizio del 2018 ha dichiarato che inizierà a studiare le criptovalute “per ridare centralità alla sua community”, ha dichiarato il fondatore Mark Zuckerberg.

Tutto questo cosa ci dice? Che i pagamenti via chat sono il trend di quest’anno, come si legge nel nostro eBook I Tech Trend 2018  e renderli sicuri grazie alla blockchain è la sfida di tutti. Ott, banche, ecc…

 

Pagamenti con le chat. Come si fa con Facebook, WhatsApp e WeChat

 

L’mPayment attraverso le chat è il futuro trend perché gli utenti si “fidano” delle famose app di messaggistica (Messenger, WhatsApp, WeChat e Telegram) perché utilizzate da anni e tante volte al giorno.

 

I pagamenti con WeChat

Come si sa WhatsApp non è l’unica app che consente di inviare gratuitamente messaggi e altri contenuti multimediali, per esempio la più utilizzata in Cina (circa 800 milioni di utenti), è WeChat, del gigante tecnologico cinese Tencent, che con WeChat Pay consente i pagamenti con l’app, anche in Italia.

 

I pagamenti con Messenger di Facebook

Negli Stati Uniti l’11 aprile 2017 Facebook ha introdotto i pagamenti nei gruppi di Messenger: “se stai raccogliendo i soldi per la cena o per pagare la benzina per un viaggio in compagnia di amici, il modo più facile e sicuro per farlo è inviare e ricevere denaro con Messenger”.

Ecco come funziona: si apre Messenger e clicca sull’icona del dollaro, si digita la somma da chiedere o inviare e poi si selezionano gli amici. La prima volta che si utilizza la funzione viene chiesto di collegare il profilo a una carta di debito Visa o Mastercar, sui dispositivi Apple con il touch ID basterà l’impronta digitale.

Presto arriverà anche in Europa per la quale Facebook ha già una licenza bancaria.

 

 

I pagamenti con WhatsApp

WhatsApp ha avviato una sperimentazione in India: i pagamenti avvengono tra privati, proprio come ci si scambia i messaggi in chat. Il mercato indiano è particolarmente interessante perché conta nel Paese oltre 200 milioni di utenti all’app di messaggistica.

 

E tu affideresti il tuo conto corrente a Facebook, WhatsApp, Telegram o WeChat?

 

© 2002-2018 Key4biz

Instant SSL