Finanza

La Banca centrale Europea elogia le criptovalute. Perché?

di |

La Banca Centrale Europea riconosce la crescente influenza globale delle criptovalute, soprattutto nelle economie emergenti.

La Banca Centrale Europea riconosce la crescente influenza globale delle criptovalute, soprattutto nelle economie emergenti.

Le criptovalute sono degli strumenti che attirano la speculazione, le transazioni transfrontaliere e vengono usate come riserva di valore stabile nelle regioni colpite dall’inflazione.

La BCE sostiene che questo trend in crescita delle criptovalute pone potenziali rischi finanziari, soprattutto nelle economie meno sviluppate con valute instabili.

E così, udite udite, La Banca Centrale Europea (BCE) sta ora tessendo le lodi delle criptovalute. Sì, avete sentito bene. In un mondo in cui le monete digitali sono in gran parte viste con scetticismo, l’ammiccamento della BCE alle criptovalute è a dir poco un colpo di scena finanziario.

È come guardare un banchiere della vecchia scuola che indossa un visore per la realtà virtuale e si tuffa nell’universo blockchain.

Fenomeno globale delle criptovalute: oltre la speculazione

Nel suo ultimo rapporto di ricerca, la BCE riconosce che le criptovalute hanno trasceso il loro status di nicchia iniziale, diventando un fenomeno globale con un punto d’appoggio particolarmente forte nelle economie emergenti e in via di sviluppo (EMDE). Questo fascino diffuso deriva da una varietà di fattori.

Nelle economie in cui le opzioni di investimento tradizionali sono limitate, le criptovalute offrono un’alternativa interessante per gli investimenti speculativi.

Inoltre, nelle regioni afflitte dall’inflazione e dal deprezzamento delle valute nazionali, le valute digitali come Bitcoin emergono come una riserva di valore più stabile.

Tuttavia, la storia non si esaurisce nelle speculazioni. La versatilità delle criptovalute nel facilitare le transazioni transfrontaliere rappresenta un’altra attrattiva significativa.

Soprattutto nei paesi emergenti, sono utilizzate per aggirare i controlli sui capitali e ridurre il costo delle rimesse. Questa utilità poliedrica delle criptovalute sta rimodellando il modo in cui vengono percepite e utilizzate in tutto il mondo.

Svelare i fattori trainanti dell’adozione delle criptovalute

L’adozione di Bitcoin e dei suoi consimili non è soltanto una questione di tendenze di mercato. È un trend strettamente legato a vari fattori economici e istituzionali. Nei mercati emergenti, il deprezzamento delle valute nazionali, in particolare dopo la pandemia di COVID-19, ha catalizzato un’impennata nel trading di Bitcoin.

Questo cambiamento suggerisce una crescente dipendenza dalle criptovalute come mezzo di scambio e riserva di valore nelle economie che stanno vivendo un calo del potere d’acquisto della loro valuta nazionale, sostiene la BCE.

Inoltre, la relazione tra il trading di valute digitali e i sistemi finanziari tradizionali è intricata. Gli studi rivelano una correlazione negativa tra la prevalenza dei servizi bancari, dei sistemi di pagamento digitali e l’intensità del trading di criptovalute.

Ciò indica che nelle regioni in cui i servizi finanziari tradizionali sono sottosviluppati, c’è una maggiore propensione ad adottare le criptovalute, soprattutto tra le popolazioni più giovani e più esperte di tecnologia.

Navigare attraverso l’instabilità finanziaria e le criptovalute

La crescente popolarità delle criptovalute, soprattutto nei mercati emergenti con valute instabili, evidenzia potenziali rischi per la stabilità finanziaria.

Mentre la volatilità intrinseca delle criptovalute come Bitcoin potrebbe scoraggiarne l’uso come riserva di valore standard, la BCE afferma che il futuro potrebbe vedere l’ascesa di asset crittografici più stabili, come le stablecoin.

Questi potrebbero essere sempre più utilizzati per le transazioni quotidiane e come riserva di valore, compensando l’assenza di solide alternative finanziarie.

Questo scenario sottolinea il concetto di “criptoizzazione”, in cui le criptovalute potrebbero sostituire le valute nazionali nei paesi con un’inflazione elevata, mettendo in discussione l’efficacia delle politiche di gestione dei flussi di capitale.

La BCE sottolinea inoltre che il passaggio a scambi decentralizzati e peer-to-peer (P2P) nelle economie meno sviluppate indica ulteriormente il mutevole panorama delle transazioni finanziarie, che potrebbe avere profonde implicazioni sulla stabilità finanziaria globale.

Il discorso di fondo è che non si tratta di esaltare la BCE o qualsiasi altra istituzione. Ma si tratta di riconoscere un cambiamento nella marea finanziaria. Come appassionati e osservatori, il nostro ruolo è quello di navigare in questo cambiamento con un occhio attento, comprendendo le complessità e le potenzialità che derivano da questa era digitale. Il viaggio delle criptovalute è tutt’altro che semplice, pieno di colpi di scena, che richiedono sangue freddo e un approccio equilibrato.