Gli italiani e internet: 28 milioni navigano da casa, alla ricerca di news, amici e occasioni

di |

Italia


Internet

In media, gli italiani trascorrono 6 ore alla settimana su internet. Sono in particolare gli uomini più giovani (18-34 anni) a passare più tempo sul web, con una media di 8 ore settimanali.

Questi i primi dati di una nuova ricerca condotta da Research International per eBay.it.

 

La ricerca di informazioni è il principale motivo per cui ci si connette ad internet (91%), oltre a rappresentare l’attività più frequente che si svolge online e quella cui si dedica maggior tempo; segue il controllo della posta elettronica o la scrittura di eMail (8 italiani su 10), la lettura delle ultime notizie (57%), il divertimento e la socializzazione (37%). Circa il 23% degli intervistati ha dichiarato invece di navigare online per fare acquisti.

 

Ma da dove si connettono i nostri connazionali? Circa 28 milioni di italiani tendono a collegarsi ad internet tra le comode pareti di casa, soprattutto i giovani tra i 18 e i 34 anni. Gli italiani tra i 35 e i 44 anni, sia uomini che donne, si connettono invece prevalentemente dal luogo di lavoro.

 

La ricerca ha evidenziato che sono circa 18 milioni gli italiani che hanno visitato eBay, nella maggior parte dei casi per curiosare (62% delle donne contro una media nazionale del 56%), ma anche per fare acquisti (38%) oppure vendere (10%). I navigatori che si collegano ad eBay.it sono registrati al sito in media da 1 anno e mezzo, con un’anzianità di iscrizione maggiore per gli uomini rispetto alle donne (2 anni vs. 1 anno e mezzo), e restano collegati al sito in media un’ora e mezza a settimana.

 

Ma quanto incide la dimensione del proprio luogo di residenza rispetto al rapporto con internet? 

La ricerca ha evidenziato come l’atteggiamento degli italiani rispetto alla navigazione sul web possa variare anche a seconda delle dimensioni del luogo di residenza. A tale scopo, sono state analizzate più nel dettaglio tre città campione in rappresentanza dei grandi centri urbani (Milano, Firenze e Palermo) e tre città per i piccoli centri (Brindisi, Treviso e Pesaro).

 

Dai risultati ottenuti risulta che i centri con oltre 100 mila abitanti del nord ovest e del centro sono più attivi su internet (con 7 e 6 ore medie rispettivamente) dei centri più piccoli delle stesse aree geografiche (circa 5 ore settimanali). Sono in particolare Firenze e Palermo a condurre la classifica con una media con 8 ore settimanali online (Pesaro e Brindisi 6 ore medie settimanali).

 

La ricerca di informazioni utili è l’attività svolta con maggior frequenza a Treviso e Brindisi, più che a Milano, Firenze o Pesaro. Nei piccoli centri del nord, invece, la prima motivazione per l’uso del web è il controllo della posta svolto dal 60% degli abitanti (percentuali che scendono al 43% nel centro e al 48% nel sud). Chi vive al sud tende poi a chattare più spesso (11%) e dedicarvi maggior tempo rispetto ai connazionali del centro-nord.

 

Sono sempre gli abitanti del sud ad acquistare di più in internet come anche a partecipare più spesso alle aste online. A Palermo e Pesaro si utilizza di più eBay.it rispetto che a Milano. L’attività prevalente fatta su eBay.it è il curiosare, anche se nei piccoli centri si rilevano le percentuali più alte di quanti fanno attività di compravendita (circa il 38% vs. 30% dei grandi centri).

 

Se a livello nazionale i navigatori che si collegano ad eBay.it per fare ecommerce sono registrati al sito in media da 1 anno e mezzo circa, si raggiunge la punta di 2 anni circa nei grandi centri del nord. Nel dettaglio, Brindisi e Milano registrano l’anzianità maggiore (più di 2 anni), mentre la più giovane risulta Treviso (poco più di un anno).

 

Infine, nei piccoli centri rimangono connessi ad eBay.it anche fino a 2 ore e mezza a settimana.

 

“In questi primi 6 anni di presenza in Italia, eBay ha visto crescere in modo esponenziale il numero di italiani che si dedicano a fare ecommerce, raggiungendo ormai oltre 7 milioni di visitatori unici al mese”, ha spiegato Barbara Bailini, Community Manager eBay Italia.

La ricerca, ha concluso la Bailini “ha messo in luce un aspetto fondamentale: come eBay, con l’ampia vetrina che rappresenta, possa essere uno strumento di aiuto per chi, come le persone residenti nei piccoli centri, può incontrare qualche difficoltà nel reperire con i canali tradizionali alcuni prodotti”.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2024 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia