Vodafone supera le attese e punta ai mercati emergenti. Siglato accordo con Yahoo! per la pubblicità mobile

di Alessandra Talarico |

Italia


Vodafone

La crescita nei mercati emergenti ha compensato il rallentamento delle attività sui mercati europei per Vodafone, che ha chiuso il primo semestre di quest’anno con ricavi in crescita del 4,1% a 15,6 miliardi di sterline e un margine operativo lordo in aumento del 2,8% a 6,24 miliardi.

Il gruppo, che ha superato le attese degli analisti, ha inoltre confermato gli obiettivi già comunicati per l’intero anno.

 

Le particolari condizioni di mercato in Germania e Italia, combinate ad alcune previste svalutazioni di asset, hanno tuttavia trainato al ribasso i risultati, producendo una perdita netta di 5,1 miliardi di sterline, (7,6 miliardi di euro circa), contro un utile da 2,77 miliardi dello stesso periodo di un anno prima.

 

Per il Ceo Arun Sarin, “questi risultati dimostrano che il gruppo riuscirà a raggiungere i suoi target per l’anno finanziario corrente. Le pressioni regolatorie e competitive in Europa sono state bilanciate dalle forti performance nei mercati sviluppati e negli Stati Uniti”.

La nuova strategia intrapresa a maggio – ha aggiunto – ha “registrato buoni progressi e la risposta ai nuovi prodotti e servizi è stata molto incoraggiante”.

 

Per quanto riguarda nello specifico la divisione italiana, la riduzione delle tariffe di interconnessione e la revisione del trattamento contabile di alcune tipologie di ricavi hanno pesato sui ricavi del primo semestre, pari a 4,13 miliardi di euro, in calo del 3,4%.

Sono cresciuti, invece, i ricavi da servizi, pari a 3,9 miliardi di euro, con una crescita organica nel semestre del 3,3%, in accelerazione al 4,3% nell’ultimo trimestre, a dimostrazione che i servizi di terza generazione cominciano a essere apprezzati e utilizzati dai clienti.

 

In particolare, i terminali Umts registrati alla rete Vodafone al 30 settembre, sono 3,6 milioni (in crescita del 25,8%), mentre i clienti totali della società hanno superato quota 25,1 milioni con un aumento dell’8,1% rispetto allo stesso periodo 2005 e attivazioni nette superiori a 1,1 milioni di unità.

In crescita del 9,7% anche il volume del traffico voce, sostenuto dalle promozioni estive sui servizi voce e di messaggistica, sottoscritte da 4,8 milioni di clienti.

I ricavi da traffico voce, ha reso noto il gruppo, si attestano a 3,2 miliardi di euro “con una dinamica influenzata oltre che dalla crescita dei volumi di traffico anche dalla intensa competizione sui prezzi unitari”.

 

L’offerta Vodafone Casa, per chiamare con il cellulare da casa tutti i numeri di rete fissa a zero centesimi con un contributo mensile di 9,99 euro, ha registrato, a fine settembre (era partita a maggio) 362 mila clienti.

 

I ricavi dati e multimedia sono aumentati del 5,7% a 692 milioni di euro. La loro incidenza sui ricavi da servizi nel semestre è cresciuta del 17,4% (15,9% nel semestre a settembre 2005).

 

L’Ebitda nominale ha tuttavia registrato un calo del 7%, a causa – ha spiegato Vodafone Italia in una nota – “di alcuni effetti straordinari come l’aumento dei costi per l’utilizzo del marchio Vodafone, della riduzione delle tariffe di interconnessione e della separazione contabile delle attività del Data Centre Sud Europa”.

Su base comparabile, l’Ebitda è dunque cresciuto dell’1% rispetto allo stesso periodo 2005.

 

Per l’intero anno, la crescita organica dei profitti mobili dovrebbe attestarsi in un range tra 5 e 6,5%, mentre l’Ebitda dovrebbe scendere dell’1% rispetto allo scorso anno.

 

Vodafone, si legge nella nota diffusa stamani, continuerà a focalizzarsi su “un approccio mobile centric, puntando molto sulla mobilità e la personalizzazione, rivendendo tecnologie a banda larga fissa in base alle necessità dei clienti”.

 

All’indomani delle dichiarazioni del Ceo di Google Eric Schmidt riguardo un futuro di servizi mobili gratuiti, sovvenzionati dalla pubblicità, Vodafone ha inoltre fatto sapere di aver siglato un accordo con Yahoo! per portare la pubblicità sui telefonini – per ora solo nel Regno Unito – in cambio di uno sconto sui servizi.

 

L’accordo con Yahoo! segue una serie di test effettuati con i clienti a partire dal mese di maggio. Ora Vodafone ha manifestato l’intenzione di sfruttare questa esperienza per portare vantaggi sia ai clienti che agli inserzionisti, che – secondo Nick Read, Chief Executive di Vodafone UK – “avranno a disposizione una proposta pubblicitaria eccezionale per i loro investimenti”.

 

L’iniziativa congiunta dovrebbe partire nella prima metà del 2007 e prevede, per i clienti che accetteranno di ricevere messaggi pubblicitari selezionati e mirati, l’applicazione di sconti su alcuni servizi, con una formula che potrebbe essere estesa anche ai principali servizi di Vodafone tra cui il portale Vodafone Live!, mobile games, mobile television e i servizi di messaggistica per immagini.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia