PA digitale

18App, che fine ha fatto il Bonus cultura per i nati nel 2000?

Per tutti coloro che compiranno 18 anni quest’anno, “la procedura di registrazione non è ancora attiva”. Per i nati nel 1999, invece, c’è l’invito a registrarsi entro il 30 giugno e a spendere i 500 euro entro il 31 dicembre prossimo.

di Flavio Fabbri | @FabbriFlav2 |

Ad inizio anno, la possibilità di iscriversi alla piattaforma 18app e ricevere il Bonus cultura di 500 euro per i nati nell’anno 2000 sembrava sarebbe stata attivata attorno a marzo. In realtà non solo questo non è accaduto, ma al momento non si sa neppure quale sarà la prossima data utile.

 

Sul sito 18app.italia.it il Bonus in questione è ancora quello destinato ai nati nel 1999, con l’invito a registrarsi entro il 30 giugno e di spendere l’ammontare della somma entro il 31 dicembre prossimo.

Per tutti coloro che compiranno 18 anni quest’anno, invece, “la procedura di registrazione non è ancora attiva”.

 

Nonostante il Bonus cultura sia stato confermato per i ragazzi che compiono 18 anni nel 2018 e nel 2019, dalla legge di Bilancio 2018 (è la terza promozione dell’iniziativa introdotto nel 2016 dal Governo Renzi), ad oggi, per avere la data certa per l’attivazione delle iscrizioni, manca ancora la pubblicazione del decreto attuativo in Gazzetta Ufficiale.

Un passaggio fondamentale che magari potrebbe essere favorito proprio dal nuovo Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti.

Banner Tiesse

 

Appena sarà possibile, comunque, come già spiegato a gennaio dalle pagine di Key4biz, i 500 euro saranno generati elettronicamente attraverso la piattaforma web 18App.italia.it, alla quale occorre registrarsi mediante SPID (il Sistema Pubblico di Identità Digitale).

 

Sul Bonus cultura, infine, una piccola riflessione è stata proposta dal sito web Skuola.net e ripresa dall’Ansa. È stato riscontrato nel tempo un sempre più basso contributo previsto per la valorizzazione delle eccellenze, come nel caso del contributo destinato ai diplomati che prendono il massimo dei voti all’esame di Stato (100 e lode).

Dai mille euro iniziali del 2007 (poi diventati 500 euro già nel 2011), si è passati, l’anno scorso, a 340 euro.

 

In compenso, un motivo valido per puntare al 100 e lode c’è ancora: “per chi vuole proseguire gli studi e andare all’università, alcuni atenei – nella lista figurano, ad esempio, la ‘Statale’ di Milano, la ‘Sapienza’ di Roma, quello di Palermo – prevedono diverse forme di agevolazioni (su tutte l’esonero dalle tasse per il primo anno) per le matricole che si presentano ai blocchi di partenza con il punteggio massimo. E a quel punto –  si legge nell’Ansa – sì che il premio maturità tornerebbe, indirettamente, davvero ricco”.

 

Leggi anche

18App, Bonisoli ‘Dal 2020 il Bonus Cultura sarà misura strutturale e non solo per 18enni’

 

18App, dietrofront del Ministro Bonisoli sul Bonus cultura ‘I fondi per il 2018 e il 2019 ci sono’

 

18App, il Ministro Bonisoli raddoppia. Ora vuole estendere il Bonus cultura anche ai 19enni

 

18App, spesa Bonus cultura a 110 milioni di euro

© 2002-2018 Key4biz

Instant SSL