analisi di mercato

Come ha fatto Netflix a diventare la media company più potente al mondo

Recenti studi hanno evidenziato come negli Usa Netflix è più seguito della normale televisione, dei broadcast e di YouTube stesso. Ma come si sono trasformati da una società di noleggio di DVD alla più importante media company al mondo?

di Piero Boccellato | @pieroboccellato |

Netflix è il media più popolare per l’intrattenimento televisivo negli USA. L’azienda di Reed Hasting è la fonte di visione primaria per i contenuti video e televisivi in un recente sondaggio di Wall Street condotto da Cowen & Co, posizionandosi al primo posto rispetto alle tradizionali reti televisive via cavo e broadcast, nonché Amazon, Hulu, YouTube e altri concorrenti online.

 

Il sondaggio – che ha preso come campione 2.500 adulti americani – spiega come alla domanda Quali piattaforme utilizzi più spesso per visualizzare i contenuti video in TV?  il 27% ha indicato Netflix come piattaforma più utilizzata per vedere contenuti video e televisivi. YouTube si è fermato al 17%, la normale TV via cavo al 12.6 &, Hulu al 7,6 % e i vari broadcast all’ultimo posto, con il 7,5 %.

 

Guardando solo l’età tra i 18 – 34 anni, il divario tra Netflix e il resto della competizione è stato ancora più elevato. Poco meno del 40% dei millennial ha risposto a Netflix, seguito da Youtube (17%), Tv via cavo (12,6%), Hulu (7,6%) e Brodcast (7,5%)

 

 

Ma come ci sono riusciti? Come si sono trasformati da una società di noleggio di DVD alla più importante media company al mondo? Ecco alcune considerazioni.

 

Capacità di adattamento al mercato 

 

Fin dalla nascita, Netflix è stata costretta a combattere con i titani del settore e ne è uscita sempre più forte. Inizialmente, il competitor principale di Netflix era Blockbuster, in quanto nata come azienda di noleggio DVD. Nel 2007 però, per competere con l’avanzare di Internet, Netflix ha deciso di attivare il servizio streaming offrendo ai clienti la possibilità di guardare film e programmi tv online, stravolgendo completamente l’intero settore.

 

Il modello aziendale perfetto per i millennials

 

Nell’era digitale le persone vogliono vedere ciò che vogliono, quando vogliono, senza essere sottomessi alla programmazione della rete o ad interruzioni pubblicitarie.

 

I millennials guidano il cambiamento man mano che il consumo di intrattenimento diventa ulteriormente personalizzato. Netflix ha sfruttato la personalizzazione del suo contenuto su un livello 1-1, piuttosto che l’1-a molti della televisione tradizionale, facendolo sentire molto più su misura per i singoli utenti.

 

Inoltre Netflix ha dati infiniti sulle abitudini di visualizzazione per ciascun utente: cosa hai guardato, per quanto tempo lo hai guardato, che tipo di contenuti ti piace guardare, quando fai una pausa, quale tipo di contenuto passi da, ecc. Usando quei dati per servire e promuovere a un pubblico consente allo streamer di tenerli impegnati; la crescita degli abbonati è fondamentale, ma la conservazione è ancora più importante. La natura sempre più personalizzata della visione televisiva può essere utilizzata come strumento di crescita che aggancia il pubblico più a lungo.

 

13 miliardi di dollari in contenuti originali nel 2018

 

Le stime dicono che entro la fine del 2018, Netflix rilascerà 1000 contenuti originali per una spesa di circa 13 miliardi di dollari. Il primo semestre dell’anno ha già visto il servizio di streaming distribuire più di 935 ore di programmazione originale negli Stati Uniti.

 

Queste cifre sono straordinarie perché nessun’altra piattaforma può competere con la libreria di Netflix e questo prima ancora di arrivare al loro ampio catalogo di spettacoli e film esistenti.

 

Le ambizioni globali di Hastings e la conquista dell’India

 

A differenza delle televisioni, Netflix non è limitata dai confini. Al momento il servizio opera in 190 paesi e vanta 125 milioni di abbonati in tutto il mondo (56,71 milioni negli Stati Uniti). Eppure c’è ancora spazio per crescere grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie internet che hanno collegato i potenziali utenti molto più rapidamente di quanto previsto anche dall’azienda. In particolare in India.

 

“I prossimi 100 milioni di abbonati per noi provengono dall’India”, ha detto il CEO di Netflix Reed Hasting all’inizio di quest’anno al The Economic Times. Hastings ha osservato che l’India sarà “la nazione più redditizia grazie al boom degli ultimi anni di internet grazie alla diffusione del 4G.

© 2002-2018 Key4biz

Instant SSL