Pagamenti mobili: accordo tra GSMA ed EPC per accelerare lo sviluppo di servizi contactless

di Alessandra Talarico |

Viviane Reding soddisfatta: ‘Grazie all’accordo l’Europa avrà un ruolo di primo piano’.

Europa


NFC

La GSM Association, associazione che riunisce 750 operatori mobili di 250 Paesi, ha annunciato un accordo di collaborazione con lo European Payments Council – che rappresenta 8 mila banche della Ue, della EEA (European Economic Area) e della Svizzera – per accelerare lo sviluppo e l’utilizzo dei servizi di pagamento mobili.

 

Sia la GSMA che l’EPC ritengono che questa collaborazione cross-industry aiuterà gli istituti finanziari a offrire servizi migliori, supportati dalle infrastrutture degli operatori tlc.

Questi servizi saranno facilitati dall’introduzione di un ‘Trusted Service Manager‘ che aiuterà banche e operatori a distribuire, configurare e attivare le applicazioni di pagamento.

La GSMA, attraverso l’iniziativa Pay-Buy-Mobile, e l’EPC lavoreranno inizialmente alla definizione del set minimo di requisiti necessari a interfacciare il Trusted Service Manager con le banche e gli operatori.

 

L’iniziativa ‘Pay-Buy Mobile’ mira a incoraggiare un approccio comune per l’integrazione della tecnologia wireless Near Field Communications (NFC) nei cellulari, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza della fatturazione e delle informazioni personali contenute sulla SIM card degli utenti.

 

La tecnologia, NFC, sviluppata da Philips e Sony, ha un raggio d’azione fino a circa 10 centimetri e permette uno scambio di dati tra dispositivi elettronici in maniera touch-based, cioè non appena li si sfiora.

Diversi gli ambiti applicativi: il peer to peer, dove l’NFC è usato per attivare la comunicazione tra due dispositivi differenti; il ticketing e il payment con l’utilizzo di telefoni cellulari per effettuare prenotazioni e pagamenti senza contanti.

 

Le applicazioni mobili NFC ‘contactless’ permettono dunque agli utenti di effettuare piccoli pagamenti, come l’acquisto di un biglietto per il treno, il bus o la metropolitana, di entrare a un concerto o a una partita semplicemente passando il cellulare davanti a uno scanner.

 

Ma per accelerare il decollo dei servizi NFC sul mercato mobile bisogna garantire l’interoperabilità e la standardizzazione dei servizi, oltre che la trasparenza dei costi e la facilità d’uso.

La trasparenza e la sicurezza delle transazioni verranno assicurate attraverso l’utilizzo di una carta SIM / Universal Integrated Circuit Card (UICC) abbinata alla tecnologia NFC.

 

A questo scopo, 7 operatori mobili – AT&T, FarEasTone, KTF, Orange, SFR, Softbank e Turkcell – stanno conducendo dei test sui servizi contactless UICC-based e saranno presto affiancati da altri 7 player.

 

L’accordo tra la GSMA e l’EPC è stato salutato con soddisfazione dai Commissari Ue Charlie McCreevy (mercato interno e servizi) e Viviane Reding: “Portare maggiore competizione nel mercato dei servizi di pagamento è sempre stato tra i miei obbiettivi e simili accordi servono a mostrare le possibilità offerte in questo campo dalle nuove tecnologie e da approcci innovativi”, ha dichiarato McCreevy, ricordando che questo è anche lo scopo della Payment Services Directive, che entrerà in vigore alla fine del 2009.

 

“Gli accordi industriali volontari da parte dell’industria mobile sono sempre i benvenuti quando portano concreti benefici ai consumatori e assicurano parità di condizioni per le aziende europee, nel rispetto delle leggi sulla concorrenza”, ha concluso la Reding, convinta che questa nuova alleanza porrà l’Europa all’avanguardia nel settore dei pagamenti mobili.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2024 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia