Data protection

Tim, accordo con Google sul Cloud. Quali risvolti per i dati degli italiani?

di |

Il deal fra Tim e Google per l'offerta congiunta di servizi Cloud porta con sé alcuni potenziali risvolti in tema di protezione dati.

L’accordo fra Tim e Google per nuovi servizi Cloud ed Edge Computing è stata la novità principale dei conti annunciati ieri dall’azienda guidata da Luigi Gubitosi. L’operazione, che per il momento si trova in fase embrionale e di cui non sono stati resi noti i dettagli, porta con sé diversi potenziali risvolti in tema di protezione dei dati conservati nei data center di Tim. Soprattutto se il memorandum fra Tim e Google dovesse estendersi anche alla newco dei Data Center, che Tim intende realizzare annunciata nel comunicato sui dati aziendali e richiamata nelle slide di presentazione dei dati.  

Il memorandum fra Tim e Google sul Cloud, si legge nella nota aziendale, prevede azioni congiunte di go-to-market per accelerare la digitalizzazione delle aziende italiane, dalle Pmi delle grandi industrie.  La slide della presentazione dei dati di Tim, qui di seguito, dà un’idea dell’accordo. Tra l’altro, la slide inserisce Google Cloud nel perimetro della newco dei data center annunciata da Tim.

Ma il deal riguarderà anche i dati della Pubblica Amministrazione?

Troppo presto per dirlo, ma non certo secondario visto il tema è delicato: i dati della PA e la loro tutela sul Cloud da parte dell’Agid, ad esempio, sono già stati al centro del dibattito su queste colonne nei mesi scorsi.

I dati degli italiani conservati nei data center di Tim andranno in mano a Google?

Resta da capire quali sono i servizi offerti da Google nel quadro dell’accordo.

Si tratta di web services?

Tim si legge nella nota aziendale, “è l’azienda leader di mercato nei servizi ICT, con oltre 20.000 clienti di cui oltre 16.000 in SaaS (Software as a Service) e oltre 5.000 in IaaS (Infrastructure as a Service)”.

Il mercato del cloud in Italia è atteso in crescita, si legge nella nota di Tim, “trainato dalla domanda di servizi di public, hybrid e edge computing che saranno ulteriormente sostenuti dall’integrazione di nuovi prodotti e applicazioni legate alla tecnologia 5G“.  

Tim ha annunciato l’intenzione di investire nella realizzazione di nuovi data center proprietari all’avanguardia e nell’assunzione e formazione nei prossimi anni di 800 ingegneri specializzati in Cloud e formati da Google, si legge nella slide.