L'indagine

Media, il 55% degli editori mondiali contro Facebook e Google ‘Minacciano il mercato’

Le web company distruggono il mercato dei media tradizionali e sono percepiti dalla metà degli editori come “una delle più grandi minacce per il 2018”. Un editore su dieci dichiara di pianificare un futuro di notizie quasi senza pubblicità sui display.

di Flavio Fabbri | @FabbriFlav2 |

Giganti come Google, Twitter, Facebook e Apple sono ormai un problema per i media tradizionali. Prendiamo Google, con i suoi 110 miliardi di dollari di valore, secondo il Brand Finance Global 50, è il brand che produce più fatturato al mondo. Lo scorso anno ha registrato l’attivazione di 2 miliardi di device con sistema operativo Android.

 

Proprio in tema di smartphone, negli ultimi tempi è cresciuta l’attenzione generale sul tema delle dipendenze tecnologiche: secondo il Rapporto “Journalism, media and technologies trends and prediction 2018, realizzato da Nic Newman per conto del Reuters institute for the study of journalism, il 46% degli utenti di tutto il mondo legge le notizie dal letto e il 32% in bagno.

Strumenti utilissimi, che ampliano le nostre opportunità di informazione, di comunicazione, di divertimento e di business, ma che allo stesso tempo generano criticità nuove, come un alto livello di distrazione, principalmente a scuola, ma anche in strada e al volante di un auto, nonché un motivo di disturbo per il prossimo, un elemento di vulnerabilità per la nostra sicurezza informatica e uno strumento, soprattutto tra i più giovani, sempre più spesso utilizzato per bullizzare il prossimo.

 

Questioni sociali a parte, è sul mercato che le grandi piattaforme web creano scompiglio. Il 44% delle media company tradizionali percepiscono aziende come Twitterl Facebook e Google “come una delle più grandi minacce per il 2018”.

Il sentimento nei confronti di Facebook, in particolare, sembra essere peggiorato notevolmente a seguito del suo ruolo nel promuovere fake news e lo scarso successo che hanno avuto i video.

Banner Tiesse

 

Il campione di coloro che si preoccupano fortemente dello strapotere delle web company sale al 55% se consideriamo anche gli editori della carta stampata, che si ritengono – forse a ragione – molto più penalizzati dall’ascesa delle piattaforme di rete, che oltretutto raccolgono sempre più pubblicità (danneggiando proprio i giornali).

 

Un confronto, quello sul terreno dell’advertising, che non è possibile sostenere per gli editori di ogni settore. Le web company sono più forti, possono far ricorso a più soluzioni e strumenti, potenziando la capacitò di ingaggiare il pubblico.

 

Accade allora che gli editori provano a cambiare strada: il 44% afferma che l’abbonamento digitale rappresenta un flusso di entrate molto importante rispetto a qualsiasi altra opzione. I video (ads o sponsorizzati) interessano circa la metà degli editori, la “membership” è considerata molto importante per il 16% degli interpellati, mentre le “donazioni una tantum” interessano il 7% degli intervistati.

 

Dall’indagine si evidenzia, infatti, l’idea crescente che la pubblicità diventerà via via meno importante nel tempo (62%), con un editore su dieci (10%) che dichiara di pianificare attivamente un futuro di notizie con pubblicità sui display ridotta o nulla.

 

Interessante, infine, il commento allo studio sul sito dell’INPGI: “Spostarsi quindi verso una strategia del “reach + ads a engagement + subscriptions” non è solo un semplice cambiamento nel modello di business, ma obbliga gli editori a ripensare i contenuti che creano, e al pubblico che intendono prendere di mira”.

 

 

 

© 2002-2018 Key4biz

Instant SSL