L'operazione

Il Governo spagnolo aumenta la sua quota in Telefonica per bilanciare la saudita STC

di |

La Società statale di partecipazioni industriali (Sepi) spagnola ha raggiunto una partecipazione nella compagnia Telefonica di 484,11 milioni, pari all'8,53% del capitale.

La Società statale di partecipazioni industriali (Sepi) spagnola ha raggiunto una partecipazione nella compagnia Telefonica di 484,11 milioni, pari all’8,53% del capitale. Lo ha segnalato la Sepi, il braccio industriale dello Stato spagnolo, in una comunicazione alla Commissione Nazionale Mercato Valori.

Soltanto una settimana fa Sepi aveva notificato di aver raggiunto il 7% dell’azionariato della compagnia di telecomunicazioni, considerata strategica. L’obiettivo è raggiungere il 10% dell’azionariato, indicato dalla società di partecipazioni industriali dopo che nel settembre scorso la compagnia saudita Saudi Telecom Company ha annunciato l’acquisto del 9,9% del capitale di Telefonica. 

Secondo la legge spagnola, Telefonica è classificata come “fornitore di servizi di difesa” e “società strategica”. L’investimento del Governo nella società spagnola di telecomunicazioni “contribuisce alla protezione delle capacità strategiche di un’azienda chiave nel settore delle telecomunicazioni”.

Leggi anche: Il Governo spagnolo rileva il 3% di Telefonica e punta al 10%

Il Governo spagnolo medita il ritorno in Telefonica per contrastare i sauditi di STC