Top di gamma

Cosa Compro. OnePlus 3T: nuovo smartphone OnePlus 3 con il Turbo

Ricordate il OnePlus 3, l'ottimo smartphone top di gamma della casa produttrice cinese di cui abbiamo parlato verso la fine di giugno proprio in questa rubrica? Bene, il gruppo asiatico rilancia con un dispositivo ribattezzato OnePlus 3T

di Silvio Spina |
OnePlus 3T

Rubrica settimanale Cosa Compro, frutto della collaborazione fra Key4biz e SosTariffe. Un servizio al consumatore: qualità, virtù e difetti dei prodotti hitech di uso quotidiano. Per consultare tutti gli articoli clicca qui.

Ricordate il OnePlus 3, l’ottimo smartphone top di gamma della casa produttrice cinese di cui abbiamo parlato verso la fine di giugno proprio in questa rubrica? Bene, il gruppo asiatico, a quasi cinque mesi di distanza dall’annuncio e dal lancio sul mercato del OP3, rilancia con un dispositivo differente, ribattezzato OnePlus 3T: secondo quanto scritto dal quotidiano nazionale La Stampa, è un dispositivo “uguale, ma migliore” rispetto al terminale di punta di quest’anno, una frase che racchiude il fulcro di questo modello.

 

Design identico ma colori differenti

 

Ad un livello superficiale qualcuno potrebbe confonderli: le linee del OnePlus 3T, infatti, sono praticamente le stesse, con dimensioni (152,7 x 74,7 x 7,4 mm) e peso (158 grammi) che ricalcano quelle del 3. Cambiano, invece, le colorazioni: la scocca unibody in alluminio è disponibile nella variante Gunmetal (canna di fucile) e Soft Gold (oro). Apparentemente, quindi, sembra proprio che ci si trovi di fronte allo stesso dispositivo.

 

Processore più potente

 

Ma, come sappiamo bene, l’apparenza inganna: la prima differenza sta nel processore, un chipset Qualcomm Snapdragon 821 a 2,35 Ghz, più performante rispetto allo Snapdragon 820 del OnePlus 3. La GPU, invece, rimane la stessa: si tratta dell’Adreno 530. Abbiamo lo stesso quantitativo di RAM: ben 6 GB, quasi un record per dei dispositivi mobili. Le differenze sostanziali delle performances dovrebbero essere più visibili nell’uso intenso del terminale, come ad esempio il gaming, mentre nell’utilizzo standard non dovrebbero esserci troppe differenze con la versione standard.

 

Miglior connettività

 

Pur essendo compatibile con le reti LTE come il OP3, il 3T può sfruttare anche le telefonate in 4G e le telefonate via Wireless (se volete sapere di più sul 4G in Italia potrete utilizzare il comparatore gratuito di tariffe LTE messe a disposizione da SosTariffe.it, sempre aggiornato alle ultime novità tariffarie). Per il resto le caratteristiche sono identiche al predecessore: è un dual sim, con il supporto per il Wi-fi 802.11 a/b/g/n/ac, DLNA, NFC, GPS/A-GPS/GLONASS e USB Type-C. Purtroppo non è presente la radio FM (non è disponibile neppure nella versione standard).

 

oneplus-3tFotocamera frontale raddoppiata

 

Se la fotocamera posteriore resta quella – ottima – del OnePlus 3, il nuovo OnePlus 3T mostra i muscoli anche nel frontale: abbiamo, infatti, una 16 Megapixel anche sul lato anteriore (targata Samsung e non Sony, come sul 3), con apertura ƒ/2.0 e funzioni per il videorecording in Full HD.  Gli scatti dovrebbero essere di ottima qualità, anche in situazioni di scarsa luminosità.

 

In realtà si notano delle differenze anche nel modulo principale, come ad esempio lo zaffiro per la protezione dell’obbiettivo, una maggiore stabilizzazione del video e qualche altra piccola chicca a livello software che va a migliorare le prestazioni generali.

 

Batteria maggiorata

 

L’autonomia del nuovo OnePlus 3T è maggiore rispetto al 3, grazie alla batteria che passa da 3000 a 3400 mAh. Grazie alla funzionalità per la ricarica rapida (Dash Charge), inoltre, è possibile avere una carica del 60% in circa mezz’ora. Non abbiamo ancora dei dati precisi sulla durata effettiva della batteria, ma dovrebbe comunque garantire un’intera giornata anche con utilizzo importante del terminale.

 

Memoria più capiente

 

Oltre alla versione da 64 GB, il OnePlus 3T viene commercializzato anche in una versione da ben 128 GB, ma solamente nella colorazione Gunmetal. Come il OP3, anche questo modello è sprovvisto di slot per l’espansione della memoria, ma i GB sono più che sufficienti per l’installazione di numerose applicazioni e l’archiviazione di files.

 

Sistema Operativo aggiornato all’ultima versione

 

Il OnePlus 3T arriva sul mercato con la versione Oxygen basata su Android 7.0 Nougat (il OnePlus 3 monta la versione 6.0.1 Marshmallow), con tutte le novità implementate sul nuovo sistema operativo open source.

 

Prezzo più alto ma acquisto aperto a tutti

 

Uno dei limiti del OnePlus 3 era, come molti di voi sapranno, l’impossibilità di ordinare il terminale fin da subito: era necessario, infatti, un invito per poter accedere allo shop ufficiale. Il OnePlus 3T, invece, sarà acquistabile da tutti fin dalla data di lancio, prevista per il 28 novembre. Il prezzo di vendita è superiore al OnePlus 3: 439 euro se si acquisterà la versione da 64 GB oppure 479 se si opterà per quella da 128 GB. L’acquisto è possibile solo online, come del resto i predecessori.

 

Insomma, il OnePlus 3T è davvero molto simile al 3, ma con dei miglioramenti interessanti che non passano certo inosservati. Vale la pena, quindi, sborsare qualche decina di euro in più per questo nuovo prodotto? Se volete avere un prodotto migliorato, con processore leggermente più performante, una maggiore autonomia e qualche altra novità in più, probabilmente si. E’ l’unica alternativa, invece, se volete un OnePlus con 128 GB di memoria. Il OnePlus 3 resta comunque un ottimo terminale, che verrà comunque supportato dalla casa produttrice.

© 2002-2018 Key4biz

Instant SSL