pirateria

Copyright, come la blockchain può combattere la pirateria?

Molti esperti ritengono che nuove tecnologie rivoluzioneranno il mondo del copyright e della produzione di contenuti intellettuali nei prossimi anni. Ecco tre approcci pratici su come la blockchain potrebbe svolgere un ruolo essenziale nella lotta alla pirateria.

di Piero Boccellato | @pieroboccellato |
Pirateria

Digital TV Research, società di ricerca dell’industria televisiva americana ha previsto lo scorso anno che la perdita di incassi di serie TV e film dovuta alla pirateria online raggiungerà negli Stati Uniti la cifra 52 miliardi di dollari entro il 2022.

 

In Italia il business della pirateria è di sei miliardi di euro l’anno, quasi la metà del fatturato del traffico degli stupefacenti, e solo quella audiovisiva vale, secondo i dati di Ipsos per Fapav, circa 617 milioni di euro l’anno causando anche la perdita di 5.700 posti di lavoro.

 

Molti esperti ritengono che nuove tecnologie come la blockchain rivoluzioneranno il mondo del copyright e della produzione di contenuti intellettuali nei prossimi anni. Una delle applicazioni blockchain che ci si aspetta di vedere è un registro della proprietà intellettuale, perché può essere molto difficile tracciare la proprietà per le opere protette da copyright.

 

La pirateria è comportamentale hanno confermato recenti studi e non ci sono prove sufficienti a dimostrare perché le persone lo fanno, secondo un rapporto di CREATe, un ente di ricerca sul copyright del Regno Unito. I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte delle conoscenze sulla condivisione non autorizzata di file si riferisce alla musica, sottolineando che le ragioni per cui le persone condividono illegalmente la musica non sono necessariamente le stesse con le altre forme di contenuto. L’idea che determinati contenuti non abbiano alcun valore finanziario potrebbe anche essere la vera causa.

 

Alcuni esperti suggeriscono che potrebbe diventare impossibile o estremamente difficile condividere i contenuti multimediali in modo illegale se l’intero Internet fosse costruito sulla tecnologia blockchain. Ciò potrebbe accadere un giorno, ma al momento, ecco tre approcci pratici su come la blockchain potrebbe svolgere un ruolo essenziale nella lotta alla pirateria.

 

1. Venue: la blockchain per facilitare la sorveglianza dei contenuti

Vevue è il servizio di blockchain streaming che sta lavorando su una tecnologia, un contratto intelligente di sorveglianza con il nome in codice che sarà in grado di tracciare il ciclo di vita di qualsiasi contenuto protetto da copyright. “Se qualcuno copia i contenuti tracciati dalla nostra tecnologia con ogni mezzo possibile, incluso il video o la registrazione di uno schermo, la nostra piattaforma sarà in grado di identificare il proprietario del dispositivo / sistema in cui è stato giocato l’ultimo contenuto”, ha affermato il fondatore Thomas Olson.

 

“Anche se il processo di tracciamento e identificazione dei contenuti copiati è complesso e va oltre la blockchain”, ha aggiunto Olson, “Vevue sta sviluppando un motore di calcolo intelligente, che è in attesa di brevetto, per svolgere il compito di proteggere i contenuti”.

 

2. CustosTech: Blockchain come piattaforma di cacciatore di taglie

CustosTech, una società con sede in Sudafrica, utilizza la blockchain Bitcoin per aiutare i proprietari di proprietà intellettuale a combattere la pirateria. CustosTech ha sviluppato una tecnologia brevettata per la filigrana legale che consente di incorporare una ricompensa monetaria – Bitcoin, in questo caso – che è collegata a un numero seriale univoco in file multimediali, come video, audio, eBook e audiolibri.

 

Tuttavia, CustosTech sta utilizzando la natura globale di blockchain e Bitcoin per incentivare il consumatore medio a cacciare file multimediali che potrebbero essere stati illegalmente condivisi a livello globale. Chiunque può aderire al programma di caccia di taglie Bitcoin di CustosTech registrandosi sul proprio sito. Se assunto, il cacciatore di taglie riceve uno strumento chiamato “Privateer” da utilizzare nei contenuti di screening protetti da CustosTech per la pirateria. Una volta che un cacciatore di taglie trova contenuti piratati, estrae il Bitcoin collegato a quel file nel proprio portafoglio Bitcoin. Il processo di estrazione invia il numero di serie univoco, che rivela l’origine del contenuto piratato, a CustosTech e al proprietario dei contenuti per l’azione di violazione del copyright desiderata: azione legale, cancellazione di account e blacklist, ad esempio.

 

3. Dot Blockchain Media 

Un’altra startup, Dot Blockchain Media sta sviluppando un nuovo formato di file – soprannominato “.BC” – per aiutare a unificare la gestione dei diritti nell’industria musicale, sta anche usando watermarking forense per incorporare l’indirizzo blockchain in file musicali. A differenza di CustosTech, Dot Blockchain non sta cercando di dare la caccia ai pirati dei file musicali, almeno non direttamente. Invece, vuole solo che l’intero settore musicale registri le informazioni musicali, dall’artista al produttore, e altre informazioni commerciali sul sistema immutabile che è blockchain. La società ha già rilasciato un file musicale “.BC”. Insomma, l’utilizzo della tecnologia blockchain è fondamentale per la distribuzione e la validazione dei diritti d’autore.

© 2002-2019 Key4biz

Instant SSL