Alcatel-Lucent al Forum PA: le nuove reti per superare il digital divide e rilanciare l’economia del Paese

di |

Italia


Alcatel-Lucent

Le nuove reti di comunicazione hanno un doppio potenziale: da una parte, sono il mezzo per superare un digital divide che non è solo tecnologico ma anche di servizi, cultura, opportunità economiche. Dall’altra, soprattutto quando si parla di rete a larghissima banda, sono strumento di opportunità anticiclica, per il rilancio dell’economia, per il sostegno della ricerca e per ‘fare sistema’. E’ questo il messaggio che Alcatel-Lucent Italia ha lanciato in occasione del Forum PA, dove ha presentato la propria visione dello sviluppo della larga banda in Italia e ha illustrato diversi progetti, che assumono particolare rilievo in un momento critico per l’economia e l’industria italiana ed europea.

 

“L’innovazione tecnologica è stata tradizionalmente considerata soprattutto una leva per la competitività delle imprese e il miglioramento dei servizi al cittadino. Oggi, la rete a larga banda di nuova generazione ha tutte le caratteristiche per diventare anche una potente leva per la ripresa economica, che non possiamo prenderci il lusso di sprecare. Dalla collaborazione tra imprese, università, governo ed enti locali può nascere un nuovo ciclo virtuoso”, ha sottolineato l’amministratore delegato di Alcatel-Lucent Italia, Stefano Lorenzi, intervenendo al Forum PA in corso a Roma (11-14 maggio), di cui l’azienda è partner.

 

“Nell’affrontare un tema come il digital divide, la priorità deve essere data alla qualità dei servizi, anche nei rapporti tra cittadini e imprese con la PA, che, in un paese avanzato come il nostro, dovranno sempre più essere online. È il concetto di servizio universale, di facile utilizzo e accessibile a tutti: non ci possono essere cittadini o aziende di Serie A – quelli adeguatamente connessi alla larga banda e ai nuovi servizi che questa rende possibili  – e quelli di Serie B, non altrettanto fortunati, che devono sopportare maggiori costi e disservizi. Spiace vedere che, secondo le stime più recenti, il 12% delle linee (che si stima servano quasi 7.5 milioni di cittadini) ancora non permettono di collegarsi all’Internet veloce”, ha detto ancora l’amministratore delegato di Alcatel-Lucent Italia, indicando nei progetti di eGovernment 2012, un potenziale propulsore di iniziative da valorizzare. “Per questi obiettivi, l’azienda mette a disposizione il proprio patrimonio tecnologico, un’esperienza unica in campo mondiale, il know-how dei propri laboratori italiani e competenze che, come nel caso delle tecnologie ottiche, hanno proprio nel nostro paese il centro mondiale di competenza del gruppo.”

Alcatel-Lucent è il leader nell’accesso a larga banda e nelle reti di trasmissione ottica – in Italia e nel mondo – e si sta preparando per la nuova generazione della rete d’accesso. In quest’ottica, rientra anche una nuova collaborazione del valore di oltre un milione di euro con il Politecnico di Milano, per promuovere lo sviluppo di nuove tecnologie fotoniche d’avanguardia in campo mondiale.

 

“Il nostro impegno per lo sviluppo della ricerca, del know-how alla base dei nuovi servizi e il superamento del digital divide sono una risorsa e un’opportunità a disposizione del paese“, ha commentato ancora Lorenzi

 

Sono diverse le aree in cui Alcatel-Lucent sta portando il proprio contributo alla diffusione della “PA digitale” in Italia: dalla realizzazione di infrastrutture generali (larga banda, sistemi di trasmissione ottica e wireless) al VoIP (la telefonia sulle reti Internet), alle soluzioni per la convergenza e la ‘collaboration’, in grado di migliorare l’efficienza degli uffici e delle pubbliche amministrazioni. Rientrano tra queste anche le tecnologie per la convergenza fisso-mobile, che permettono di ottimizzare l’utilizzo delle reti e la rintracciabilità del personale selezionando in ogni istante la connessione a minor costo, nonché le reti e le tecnologie per la building automation, la sicurezza e la videosorveglianza, oggi più efficaci ed economiche anche nella gestione grazie proprio alle tecnologie IP (Internet Protocol). L’obiettivo di fondo è far leva sulle nuove tecnologie delle reti per ridurre i costi e nello stesso tempo aumentare il ventaglio e la qualità dei servizi a disposizione dei cittadini.

 

Alcatel-Lucent è impegnata in una serie di realizzazioni d’avanguardia riguardanti la Pubblica Amministrazione e il territorio. Tra queste, le tecnologie per superare il digital divide portando la larga banda wireless nei comuni della Provincia Autonoma di Trento con tecnologie WiFi e HyperLAN (203 comuni coperti con 750 siti). Analoghe soluzioni per la provincia di Bergamo, con 64 comuni serviti da circa 150 antenne e la rete ottica metropolitana Megalab nell’area di Roma – un vero e proprio ‘grid’ interconnesso –  destinata in particolare al collegamento di utenze del mondo sanitario, della ricerca, della Pubblica Amministrazione. Alcatel-Lucent è, inoltre, anche fornitore di riferimento di uno dei più innovativi progetti in Italia volti al superamento del digital divide geografico, come la rete WiMax di Aria, basata in Umbria, volta a portare a cittadini, piccole imprese e pubblica amministrazione servizi di qualità soprattutto in aree difficilmente raggiungibili con le soluzioni convenzionali su cavo.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2023 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia