Microsoft: Windows 7 punta sul touch. Ripristinato intanto il download del nuovo sistema operativo

di Alessandra Talarico |

Stati Uniti


Windows 7

Un successo andato al di la delle aspettative della stessa Microsoft, quello della versione beta del nuovo sistema operativo Windows 7.

La società di Redmond aveva presentato in anteprima il nuovo sistema operativo Windows in occasione del Consumer Electronic Show di Las Vegas annunciandone la disponibilità per il download gratuito a partire da venerdì mattina.

 

Ma l’alto numero di richieste ha costretto la società a interrompere immediatamente i download per aggiungere nuovi server e ad eliminare il tetto massimo di 2,5 milioni di download per consentire a tutti quelli che ne hanno fatto richiesta di ottenere la nuova versione del sistema operativo.

 

Windows 7 dovrebbe arrivare nella sua versione definitiva entro gennaio del prossimo anno e, a quanto pare, Microsoft sta puntando molto sulle tecnologie touch, che potrebbero presto sostituire il mouse.

N-trig Ltd, una start up israeliana specializzata nella produzione di componenti sensibili al tocco per gli schermi dei Pc dovrebbe annunciare a breve l’entità dell’investimento del gruppo di Redmond nell’ambito di un finanziamento complessivo di 24 milioni di dollari, che include anche la partecipazione di diversi venture capitalist.

L’investimento sarebbe volto ad accelerare l’integrazione delle tecnologie N-trig in Windows 7, che diventerebbe così il primo sistema operativo basato su tecnologie touch.

 

Se dovesse replicarsi lo stesso successo riscosso dagli schermi touch in ambito mobile, la scelta di Microsoft potrebbe rivelarsi la prima vera svolta nel business da almeno un decennio.

Bill Veghte, senior vice president della divisione Windows, ha comunque rassicurato che è ancora presto per anticipare la pensione delle tastiere, dal momento che le funzioni touch non possono servire per tutte le applicazioni, anche se il Ceo di N-trig prevede vicina la fine del mouse.

 

Le tecnologie touch, in circolazione già parecchio tempo, si sono molto evolute nel corso degli anni e sono definitivamente decollate grazie alla loro integrazione nei cellulari, in particolare nell’iPhone della Apple, fornendo un modo del tutto nuovo di interagire con le applicazioni sullo schermo grazie al tocco delle dita.

 

Le tecnologie N-trig sono già integrate nei Pc di Dell e HP e quest’ultima ne è stata la maggiore sostenitrice con la linea di Pc TouchSmart, le cui vendite, ha spiegato il CTO Philip McKinney, sono andate “ben al di la delle previsioni”.

Questi computer, venduti con Windows Vista, hanno però dovuto subire diversi aggiustamenti software per permettere un uso più agevole delle funzioni touch.

McKinney ha spiegato che Windows 7 accelererà i cambiamenti necessari per le nuove applicazioni touch, ma ha anche sottolineato che non tutto potrà essere fatto ‘a sfioramento’. Le tecnologie touch, insomma, “non sono una panacea”.

 

Il nuovo sistema operativo, intanto, promette una maggiore affidabilità e sicurezza e punta a rafforzare il ruolo del Pc quale ‘hub’ per integrare diverse esperienze digitali: streaming di musica, video e fotografie, riproduzione di un numero maggiore di contenuti e sincronizzazione con una più ampia varietà di dispositivi.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2021 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia