WCC 2008: soddisfazione di AICA. Occhini, ‘Per la prima volta ricerca e impresa protagonisti di un confronto scientifico mondiale’  

di Raffaella Natale |

Italia


Giulio Occhini

Dopo la chiusura del ventesimo World Computer Congress, evento mondiale a cadenza biennale per la prima volta in Italia, promosso da IFIP (International Federation of Information Processing) e rappresentato da SIRMI in qualità di Media Partner, si è tratto un primo bilancio.

 

L’evento è stato organizzato da AICA (Associazione Italiana per il Calcolo Automatico), membro di IFIP, con il patrocinio della Presidenza della Repubblica e del Governo Italiano, oltre che della Comunità Europea e dell’UNESCO, con il contributo della Amministrazione Pubblica Locale, della Regione Lombardia e del Comune di Milano, e di numerosi partner dell’industria ICT, con Telecom Italia “main partner”.

 

Un notevole sforzo organizzativo di AICA, che per la prima volta ha presentato insieme alle tradizionali conferenze scientifiche (ben 13), una serie di convegni applicativi (16 Industry Oriented Conferences e Cross Sessions) aperti a presentazioni di utenti ed operatori del settore ICT. Tanti i temi trattati, più di 1.000 i partecipanti, tanti giovani, a conferma che l’ICT è ancora un settore trainante; impossibile commentarli tutti.

 

“Per la prima volta un confronto scientifico di valore mondiale ha aperto alle testimonianze delle imprese che animano l’evoluzione alla società digitale. L’esperienza è stata molto positiva, soprattutto per le imprese italiane che hanno potuto contare su un’importante vetrina internazionale“, ha dichiarato Giulio Occhini, Presidente del Comitato Organizzativo dell’evento e Direttore Generale di AICA, che in Italia rappresenta IFIP e che ha animato l’iniziativa con il supporto di ITG.

“Il testimone passa ora a Brisbane, Australia, dove nel 2010 si terrà la prossima edizione del WCC, che non a caso replicherà l’approccio sperimentato a Milano”.

 

Nella ricerca emergono studi su Intelligenza Artificiale e Robotica, Reti e Reti di sensori, Knowledge Management e Learning, e poi Security, tema pervasivo e delicato, che ha visto anche l’intervento apprezzato di Francesco Pizzetti, Presidente della Autorità Garante della privacy, che nella discussione ha sottolineato l’importanza di una stretta collaborazione tra operatori di tecnologia, legislatori e politici per la formazione di una vera “etica” di rete, oltre all’esigenza di una standardizzazione di regole tra Europa, Stati Uniti e Asia. Molti anche gli interventi e i partecipanti alle sessioni sull’Open Source, al confine tra il mondo accademico ed il mondo del business delle imprese di sviluppo software nei settori di punta; ad esempio, le applicazioni per le Reti ed il Mobile: brillante lo speech di Fabrizio Capobianco, fondatore di Funambol, una start up di successo operante nella Sllicon Valley.

 

L’ICT come Servizio e l’ICT per il business dei Servizi, insieme alle architetture di sviluppo per l’implementazione della SOA, sono stati oggetto della sessione sulla Service Science, aperta da IBM e poi condotta dall’Università di Pavia, e argomento pervasivo di altre conferenze applicative come il WEB 2.0 e l’Enterprise 2.0, con interventi di Telecom Italia, e di presentazioni di studi avanzati come il keynote speech di Carlo Ghezzi “The Challenges of Open World Software”.

 

Significativa anche la presenza degli operatori della Pubblica Amministrazione e delle Utilities: il Comune di Milano ha sponsorizzato e partecipato alle sessioni di apertura e chiusura, l’INAIL ha addirittura tenuto in parallelo un suo Convegno interno dedicato alla formazione e sviluppo, l’ENEL ha contribuito alla conferenza sulle Smart Grids, progetto europeo per le reti intelligenti di distribuzione (con l’evoluzione del “contatore intelligente” che abbiamo ormai in casa, l’Italia è leader nel mondo).

 

Le sessioni generali di apertura e chiusura, moderate da AICA e IFIP, hanno visto l’intervento di esponenti del settore accademico, dell’industria ICT, in particolare di Confindustria e dei Giovani Imprenditori di Assolombarda, della politica e della Pubblica Amministrazione, ed hanno discusso tra l’altro del ruolo dell’ICT come fattore abilitante di una Globalizzazione equilibrata e dell’Innovazione, del gap dell’Italia rispetto al resto del mondo (come ha detto l’imprenditore indiano Vivek Jacob, Partner di AICA per l’ECDL/EUCIP in India, l’India sforna ogni anno un numero di laureati in informatica pari al numero totale di addetti al settore ICT in Italia…), e dell’importanza della formazione di una cultura digitale diffusa per realizzare la eInclusion, una delle priorità della Comunità Europea.

 

I numeri:

 

Più di 1.500 delegati provenienti da 60 paesi, 30 appuntamenti di valore internazionale fra convegni, simposi e tavole rotonde, un’estesa partecipazione del mondo accademico e dell’impresa.

 

L’evento è stato teatro di iniziative di spicco. Fra quelle che più hanno riscosso eco di pubblico sono:

 

* i convegni sulle sfide dell’alfabetizzazione informatica e le iniziative a livello europeo per evitare l’emarginazione delle fasce sociali più deboli; e quello su Donne e Tecnologie;

* i confronti sui temi di punta dell’Information & Communication Technology (ICT), come quelli sull’evoluzione del software libero e dell’intelligenza artificiale;

* i seminari sul Web di nuova generazione (Web 2.0) e all’uso innovativo dell’ICT in ambito sanitario (con Telecom Italia); sulle reti intelligenti per la sanità (con Siemens e Techint); sul Service Science (con IBM); sul governo delle reti elettriche di nuova generazione (con Enel);

* gli incontri sulle potenzialità dell’ICT nei settori più diversi: dai beni culturali, alla moda, allo sport.

Significativa è poi stata la scelta del World Computer Congress (WCC) per l’assegnazione di tre premi di rilievo nel mondo dell’ICT:

* il Premio Perotto, per l’innovazione nelle imprese informatiche italiane, vinto da WLAB srl  (Roma) e che è conciso con ulteriori riconoscimenti a Montalbano Technologies Spa (Genova) e Iso Sistemi Srl (Genova);

* i Giorgio Sacerdoti Award, per le realtà pubbliche e private che eccellono nel knowledge management, assegnati a Costa Crociere, Finmeccanica, Unicredit, Azienda Ospedaliera di Vimercate, Istituto Don Gnocchi, Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento;

* i Premi di Laurea AICA-Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici alle migliori tesi nel campo dell’ICT, assegnati a Angelo Coluccia (Università del Salento), Nicholas Caporusso (Università di Bari); Lisa Giuliani (Università Roma Tre); Mattia Tonetto (Università di Padova).

 

   

Per maggiori informazioni:

  

WCC 2008

AICA

IFIP

 

Gli atti saranno editi dalla Springer e resi disponibili tramite AICA

 

  

Leggi anche:

 

Si chiude con successo la prima edizione del World Computer Congress. Premi di laurea AICA-Confindustria per le migliori tesi in tlc  

  

World Computer Congress: assegnato il premio Perotto per l’innovazione digitale    

   

WCC: per B. Lamborghini (AICA), ‘Non bisogna temere la globalizzazione, perché la conoscenza condivisa moltiplica la cultura’       

     

World Computer Congress: il gotha dell’Ict si confronta sulla società del futuro. Ecco come il digitale cambierà ancora la nostra vita 
   

Da web 2.0 a Ict per la sanità. A Milano dal 7 al 10 settembre il World Computer Congress, in collaborazione con Telecom Italia 
  
World Computer Congress: grande attesa per l’appuntamento mondiale dell’informatica per la prima volta in Italia 
  
World Computer Congress per la prima volta in Italia. Lamborghini (Aica), ‘Occasione unica per rilanciare lo sviluppo del settore e gli investimenti’

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2023 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia