Rai in alta definizione: quali le caratteristiche del decoder zapper in vendita? Intervista a Roberto Pantani di Telesystem  

di |

a cura di Giorgio Sebastiano

Italia


Roberto Pantani

La decisione della Rai di trasmettere in Alta Definizione i prossimi Europei di calcio sulla piattaforma digitale terrestre, ha trovato un solo produttore pronto a scommettere “al buio” questo evento: la TELE System , una multinazionale specializzata in sistemi di ricezione dei segnali digitali terrestri e satellitari. Proprio in questi giorni è stato presentato alla stampa il Ricevitore Digitale Terrestre HD TS6510 di tipo “zapper”, senza cioè i decoder per ricevere i programmi a pagamento trasmessi attualmente da Mediaset e La7.

 

Il ricevitore è prenotabile online sul sito e nei negozi Darty a 159 euro; il lancio nei negozi è previsto per il 3 giugno, e sarà disponibile nelle catene: Auchan, Carrefour, Mediaworld, Saturn e nei migliori negozi di TV Digitale.

L’acquisto del decoder consentirà ai possessori di un TV Full HD o HD Ready con presa Hdmi compatibile con il protocolli 1.2 o superiori potranno vedere i prossimi Europei di calcio con una qualità Audio/Video pari a quella di SkyHd, bitrate adeguato permettendo.

La decisione della Rai, che si è mossa al di fuori del gruppo DGTVi, ha sollevato polemiche e dubbi, alcuni dei quali abbiamo cercato di sciogliere con l’intervista a Roberto Pantani, direttore commerciale di Telesystem, l’azienda produttrice del decoder.

 

K4B. Perché avete messo in commercio un decoder zapper, che consente la visione solamente dei canali in chiaro?

 

Pantani. Gli Europei in alta definizione di Rai saranno un prodotto trasmesso in “chiaro” visibili senza abbonamento, ed anche i programmi futuri già comunicati da Rai, come ad esempio i mondiali di ciclismo di Varese a Settembre, nonché altre trasmissioni che seguiranno, lo saranno. Quindi abbiamo deciso di proporre un ricevitore che permettesse di fruire degli eventi ma senza gravarlo di costi aggiuntivi non necessari. 

 

K4B. Per quando è prevista la versione con smart card?

 

Pantani. Il lancio di un ricevitore con accesso condizionato per offerte a pagamento è previsto alla fine di agosto.

 

K4B. Lo standard di trasmissione utilizzato e lo stesso che sta sperimentando Mediaset?

 

Pantani. Questa domanda permette di chiarire un aspetto importante: esiste uno standard Europeo denominato DVB- T MPEG4 H264, questo standard è adottato già da molti paesi Europei (Francia, Germania, etc.). Quindi le emittenti si adeguano a questo standard, diversa è la questione legata ai sistemi di codifica ed all’interattività, dove evidentemente ci sono scelte delle emittenti diverse per vari fattori, come la protezione alla pirateria, il livello di interattività richiesto, etc..

 

K4B. La Rai ha già comunicato con quale standard cripterà un eventuale offerta pay?

 

Pantani. Non ci sono progetti operativi ufficiali relativi ad un offerta  “pay” nel digitale terrestre di Rai.

 

K4B. Avete in cantiere una versione “universale” con anche la scheda satellitare?

 

Pantani. Quel fantomatico prodotto ha un nome ed esiste già nella versione digitale terrestre standard definition, si chiama COMBO BOX, significa un box che concentra in un’unica macchina due decoder indipendenti, satellitare e digitale terrestre, con anche la possibilità di inserire una cam (conditional access module) che con la card di un operatore pay permette anche la decodifica di segnali criptati. A settembre contiamo di lanciare il combo box anche per il digitale terrestre in alta definizione.

 

K4B. Lo standard Hd Ready prevede, otre la componente, anche una presa Vga, buona anche per i monitor utilizzati da molti utenti come media center. Prevedete in futuro di utilizzare questa presa?

 

Pantani. I monitor di ultima generazione hanno l’ingresso HDMI e noi utilizziamo tale porta.

 

K4B. Come mai lo standard hdmi utilizzato è 1.2 e non 1.3?

 

Pantani. Per i servizi di broadcasting la versione 1.2 è più che sufficiente e gli attuali chipset studiati per i decoder supportano lo standard 1.2

 

K4B. Poiché molte HDTV di prima generazione hanno una sola presa hdmi, prevedete una versione con lettore blu-ray?

 

Pantani. Esistono degli splitter che permettono di collegare più sorgenti ad una sola presa HDMI. E’ la soluzione più economica ed intelligente per il consumatore finale.

 

K4B. Quanto è importante per l’industria italiana che si apra al più presto una offerta di Alta definizione in chiaro?

 

Pantani. E’ estremamente importante per dare al consumatore finalmente un servizio che possa veramente fare apprezzare il valore del denaro speso con l’acquisto di un tv HD READY o FULL HD. Diversamente senza un offerta di tv digitale HD assisteremo all’insoddisfazione diffusa di clienti delusi dalla qualità dell’immagine del proprio Tv.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia