Digital divide: Nokia Siemens Networks punta sulla tecnologia I-HSPA, alternativa al WiMax

di |

Attraverso la rete UMTS/HSPA, tempi di risposta comparabili alla banda larga fissa

Mondo


Nokia Siemens Networks

Nokia Siemens Networks Internet HSPA (High Speed Packet Access) è la soluzione per l’accesso ad Internet a banda larga che offre l’opportunità di portare il servizio anche nelle aree dove, ad oggi, non è possibile offrire l’accesso con tecnologie come l’ADSL o garantire un’esperienza migliore nel consumo dei servizi dati da parte dei consumatori mobile.

Inoltre, Internet HSPA permette agli operatori mobili di rendere sostenibile il business dei servizi dati a banda larga, basato su tariffe attraenti per il consumatore come, per esempio, il flat-rate.

 

Internet High Speed Packet Access (I-HSPA) è una soluzione tecnologica in grado di offrire servizi di accesso a Internet a banda larga, a casa o in piccoli uffici, attraverso la rete UMTS/HSPA, comparabile – in termini di qualità e tempi di risposta – alle tecnologie fisse tipo ADSL. Questa soluzione contribuisce in modo rilevante alla risoluzione del problema del digital divide in alcune aree del Paese.

 

Infatti, dove risulta costoso portare tecnologie di tipo ADSL, la soluzione Nokia Siemens Networks I-HSPA garantisce il servizio utilizzando l’UMTS/HSPA che, attraverso una più ampia copertura di rete, è in grado di ampliare il bacino di utenza giustificando così l’investimento degli operatori in termini di costi strutturali. D’altra parte, per poter indirizzare un segmento di mercato – come l’accesso a larga banda – con tecnologie di accesso mobili, risulta necessario semplificare l’architettura di rete al fine di ottimizzare l’esperienza del consumatore, nonché ridurre i costi dell’infrastruttura di rete per rendere sostenibile il business.

 

Grazie a I-HSPA, in quanto tecnologia alternativa al WiMax, gli operatori mobili sono in grado di offrire agli utenti servizi a valore aggiunto, fruibili non più solo da un PC fisso, ma anche da dispositivi mobili come smartphone e cellulari di ultima generazione, in grado di gestire applicazioni e servizi complessi come la navigazione satellitare, il download di file musicali o la comunicazione tramite i più comuni “messengers” come Skype, MSN Messenger, Google Talk o il VoIP.

 

In un mercato che offre una grande quantità di dispositivi tecnologici avanzati, il presupposto fondamentale per abilitare questi servizi a valore aggiunto, è la disponibilità della connessione a Internet mobile ma, soprattutto, tariffe di tipo analogo a quanto offerto oggi nell’accesso a tali servizi da rete fissa, ovvero tariffe di tipo flat-rate.

 

Gli operatori mobili hanno, infatti, già iniziato ad offrire tariffe di tipo flat-rate e il riscontro sul mercato è senza dubbio positivo, ma, affinché i consumatori si convincano ad utilizzare questo servizio, è importante che l’offerta – in termini di prezzo – sia interessante e, soprattutto vantaggiosa. Questa, però, non è l’unica variante che guida il mercato. Ciò che fa la differenza, in termini di soddisfazione del cliente e quindi di utilizzo della tecnologia, è soprattutto il tempo di risposta nell’accesso ad un dato servizio. Il consumatore, infatti, è molto più invogliato ad usufruire dei servizi a valore aggiunto – come per esempio la navigazione GPS – se i tempi di risposta nella visualizzazione delle informazioni sono brevi e confrontabili all’esperienza da PC fisso.

 

Grazie alle sue caratteristiche tecniche rispetto ad altre tecnologie di accesso, come GSM, UMTS o HSPA stessa – I-HSPA permette infatti di ridurre il tempo di risposta al “click” dell’utente, rendendo quindi l’esperienza mobile molto vicina, se non superiore, a quella del PC con accesso a banda larga. Inoltre, una volta ridotto il tempo di risposta, la velocità offerta dalla tecnologia HSPA (oggi 3.6 Mbps di picco e nell’arco di 2-3 anni fino a 42 Mbps) consente di avvicinate l’esperienza mobile all’ottimale.

 

Se pensiamo al download di file musicali, ancora una volta la velocità offerta da HSPA e il tempo di risposta offerto da Internet HSPA, potrebbero convincere il consumatore a scaricare i file direttamente dalla rete mobile piuttosto che dal PC senza dover poi sincronizzare i dati con il cellulare. La stessa cosa vale per la possibilità di chattare o di parlare con applicativi come Skype o MSN Messenger o Google Talk. In questo caso più che mai, il fattore fondamentale su cui concentrarsi nell’offrire il servizio è la riduzione al minimo del ritardo della conversazione, offrendo la massima qualità.

 

I-HSPA fornisce all’operatore anche la possibilità di offrire tariffe tipo flat-rate, tenendo in grande considerazione la sostenibilità di questo business da parte degli operatori mobile.

Essendo i ricavi degli operatori mobili dal business di accesso ad internet a banda larga basati su flat-rate, quindi indipendenti dal traffico generato dagli utenti stessi o dal tempo di connessione ad Internet, risulta necessario semplificare e svincolarne i costi delle infrastrutture – a cui gli operatori mobili devono far fronte per sostenere il business – dal traffico generato dagli utenti stessi.

 

La soluzione Nokia Siemens Networks Internet HSPA rende i costi dell’infrastruttura di rete molto poco dipendenti dal traffico generato dagli utenti stessi, rendendolo invece proporzionale al numero di utenti, in linea con la curva dei ricavi. Questo importante passo avanti permette di rendere il business sostenibile nel medio e lungo termine, soprattutto in previsione di una velocità a 42 Mbps in ricezione e 11 Mbps in trasmissione, previste nei prossimi anni dalla tecnologia HSPA.

 

Tale opportunità risulta possibile grazie alla semplificazione dell’architettura di rete che Nokia Siemens Networks Internet HSPA offre, nonché da una minore esigenza di mobilità nella gestione dei servizi dati a banda larga, dovuta alla natura dei servizi stessi.

 

I-HSPA è, quindi, la soluzione, unica nel suo genere, in grado di indirizzare un segmento di mercato come l’accesso a banda larga, con tecnologie di accesso mobili, semplificando l’architettura di rete al fine di ottimizzare l’esperienza del consumatore, nonché ridurre i costi dell’infrastruttura di rete per rendere sostenibile il business per l’operatore.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia