Antitrust: OK dalla Ue all’acquisto di AOL. Telecom Italia diventa il secondo operatore broadband con oltre 2 milioni di accessi

di Raffaella Natale |

Riccardo Ruggiero (Telecom Italia): 'Un ulteriore passo in avanti nella strategia di focalizzazione sull’offerta di servizi e contenuti a banda larga su scala internazionale'.

Germania


Riccardo Ruggiero

Disco verde dell’Antitrust Ue all’acquisizione, da parte di Telecom Italia, delle attività tedesche di accesso internet di AOL.

La Commissione europea ha autorizzato l’operazione in quanto “…non è suscettibile di ostacolare in maniera significativa una concorrenza effettiva nello Spazio economico europeo (SEE)  o in una parte sostanziale di esso”.

 

Fornitore di servizi online interattivi tramite diversi marchi (AOL, MapQuest, AIM, Moviefone, ICQ e Netscape) e di servizi di accesso internet negli Stati Uniti e in Europa, AOL è controllata al 100% da Time Warner, colosso internazionale del mercato media ed entertainment.

 

In Germania, AOL offre servizi di accesso internet, sia a banda stretta che a banda larga, e altri servizi correlati, attualmente tramite AOL Services Germany GmbH e una serie di società operative sotto il controllo diretto o indiretto di AOL Europe Sarl, holding europea del gruppo.

Sul mercato tedesco, Telecom Italia opera nel settore delle telecomunicazioni e, più nello specifico, dell’accesso residenziale a banda larga e della telefonia vocale, mediante HanseNet Telekommunication GmbH, filiale del gruppo controllata al 100%.

 

Dall’esame del progetto di transazione effettuato dalla Commissione, risultano “…limitate sovrapposizioni orizzontali tra le attività di Telecom Italia e di AOL Germania (ovvero servizi di accesso internet a banda stretta e a banda larga); la società che risulterà dall’acquisizione continuerà a confrontarsi a una serie di concorrenti forti ed efficaci, quali attualmente Deutsche Telekom”.

 

L’accordo tra Telecom Italia e Time Warner è stato siglato nel settembre scorso per 675 milioni di euro.

Vista la forte crescita della domanda di accessi a banda larga in Germania (il mercato tedesco ha registrato oltre 12 milioni di accessi ADSL al 30 giugno 2006, che si prevede possano quasi raddoppiare nel prossimo triennio), con questa operazione la società italiana dà un importante impulso al percorso di rafforzamento della propria presenza nel Paese. Un cammino iniziato nel 2003 con l’acquisizione di Hansenet e proseguito con la successiva crescita interna.

 

Concluso l’accordo, Riccardo Ruggiero, amministratore delegato di Telecom Italia, ha dichiarato: “Questa acquisizione rappresenta un ulteriore passo in avanti del Gruppo Telecom Italia nella sua strategia di focalizzazione sull’offerta di servizi e contenuti a banda larga su scala internazionale. Partendo dall’acquisizione di Hansenet, avvenuta nel 2003, infatti, la nostra presenza in Germania si è andata progressivamente rafforzando fino a questo importante accordo di co-branding con AOL“. 

 

Dick Parsons, presidente e amministratore delegato di Time Warner, ha commentato: “La decisione di vendere AOL Germania rappresenta l’ultimo passo nella strategia di focalizzazione di Time Warner sul proprio core business aumentandone  la profittabilità. La nostra partnership con Telecom Italia anticipa la transizione su scala mondiale di AOL da un’attività basata principalmente sull’accesso a Internet verso un modello di business legato al mondo dell’advertising”.

“Speriamo  ha aggiunto Parsons alla firma del contratto – che AOL continui nel suo percorso di crescita nel business dell’advertising online sia nel mercato US che all’estero al fine di creare ulteriore valore per i suoi azionisti”.

 

Jon Miller, presidente e amministratore delegato di AOL LLC, ha sottolineato: “La partnership di AOL con Telecom Italia evidenzia il valore del business degli accessi internet che abbiamo creato in Germania e anche dei nostri contenuti e della rete pubblicitaria. I contenuti e le caratteristiche di AOL rafforzeranno il servizio internet di Telecom Italia, e le dimensione della nostra rete pubblicitaria in Germania – il secondo mercato online in Europa – crescerà. Con questo accordo prosegue la forte evoluzione del nostro business pubblicitario mondiale al servizio di un pubblico molto vasto e attento”.

 

Grazie a questo accordo, Telecom Italia diventa il secondo operatore broadband in Germania con oltre 2 milioni di accessi a banda larga su un totale complessivo di 3,2 milioni di clienti.

Il gruppo, già leader per accessi broadband attraverso la sua presenza in Italia, Francia, Germania e Olanda, con questa operazione avrà in portafoglio circa 9 milioni di clienti a banda larga in Europa.  

A giugno 2006, AOL Germania era il terzo operatore a banda larga con 1,1 milioni di accessi e il secondo narrowband con 1,3 milioni di clienti.

 

Official Journal of the European Union

 

 

 

27 novembre 2002 – 27 novembre 2006

        

Da 4 anni Key4biz ti accompagna con le sue news, gli approfondimenti, le analisi.

Da 4 anni al servizio della Community di settore.

Da 4 anni sempre al tuo fianco

E ora, in occasione del 4° compleanno, anche con Radio Key (www.radiokey.biz).

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2024 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia