Digital divide: Microsoft e la Campania insieme. La tecnologia per accelerare l’integrazione di ceti sociali disagiati 

di Raffaella Natale |

Italia


Digital divide

Importante iniziativa a Scampia, nel cuore di uno dei quartieri più difficili d’Italia. All’Itis Galileo Ferraris di Napoli, Microsoft, insieme alla Regione Campania, davanti all’aula magna stracolma di studenti e docenti dell’istituto tecnico, ha annunciato un’iniziativa di formazione tecnologica avanzata di studenti e docenti. L’iniziativa, come spiega una nota, è un esperimento destinato ad allargarsi ad altre scuole della provincia e ad altre regioni, ha l’obiettivo di contribuire all’ingresso nel mondo del lavoro dei giovani, soprattutto in realtà disagiate e difficili.

 

Corrado Gabriele, assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Campania, ha inaugurato, quindi, il primo case study per la formazione e la valorizzazione delle opportunità lavorative nel campo dell’Information Technology. Sono intervenuti il responsabile della direzione Mercato Pubblica Amministrazione di Microsoft, Giovanni Stifano, gli assessori al Lavoro e Formazione della Provincia di Napoli, Giulio Riccio, e del Comune di Napoli, Nicola Oddati, il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Alberto Bottino, e il responsabile Progetto Microsoft, Francesco Rizzo.

 

La presentazione dei docenti candidati a partecipare all’iniziativa con i primi venti alunni è stata affidata al preside dell’Itis Galileo Ferraris, Giuseppe Pagano. Dalla voce diretta dei giovani e degli insegnanti è venuta fuori una grande voglia di raccogliere la sfida, cogliere le grandi opportunità della tecnologia e dell’innovazione per fare di più, scommettendo sulla propria realtà locale.

 

Giovanni Stifano ha dichiarato: “L’iniziativa presentata a Scampia, una delle aree simbolo in Italia della difficoltà dei giovani di trovare lavoro, ha un significato speciale per la società e per il forte senso di responsabilità che guida tutte le persone Microsoft in Italia”. Stifano ha spiegato che l’iniziativa “Ci permette infatti di rendere pienamente evidente lo sforzo che già da tempo stiamo conducendo per colmare il digital divide e nel contempo aiutare le persone a sviluppare le proprie competenze. Grazie anche al supporto mostrato da Regione Campania siamo sicuri che questa iniziativa avrà successo, e ci auguriamo che possa essere replicata su scala più ampia non solo in Campania ma anche in altre regioni d’Italia“.

“Già oggi abbiamo in corso contatti con amministrazioni locali di diverse aree territoriali, per poter implementare altri progetti del programma Partners in Learning e aiutare così le persone e le organizzazioni a realizzare pienamente il proprio potenziale.”

 

Corrado Gabriele ha sottolineato l’importanza di favorire lo sviluppo dell’attuale rete di scuole con competenze specifiche e certificate, in grado di consolidare e innalzare le conoscenze dei docenti e sviluppare la certificazione delle competenze degli studenti, secondo lo standard MOS (Microsoft Office Specialist) ed MCP (Microsoft Certified Professional), per agevolare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

“Sviluppare e diffondere specifiche competenze tecnologico/didattiche applicate al mondo della scuola, per favorire l’uso attivo delle tecnologie nelle attività didattiche e amministrative delle istituzioni scolastiche. Con questo obiettivo verranno proposti dei percorsi formativi, composti in parte da incontri in presenza e in parte da una continuazione di formazione online, con diversi livelli di approfondimento, dedicati a docenti e studenti. L’operazione – cita Gabriele – ha un carattere inedito nel territorio campano e rappresenterà un modello esportabile come un case study anche in altre realtà scolastiche”.

 

Il programma, secondo Microsoft, è di grande interesse per lo sviluppo di opportunità di lavoro in aree quali quelle del Mezzogiorno italiano, dove non mancano capacità e intelligenze ma dove occorre il contributo di tutti per facilitare l’integrazione e lo sviluppo. Microsoft intende usare l’arma tecnologica per imprimere un’accelerazione all’integrazione di ceti sociali disagiati e contribuire allo sviluppo competitivo del Paese attraverso forze importanti e risorse intellettuali enormi che sono attualmente largamente sotto-utilizzate.

 

Oggi la situazione campana vede circa 300 istituti di scuola superiore di II grado che attraverso le diverse discipline di insegnamento portano a diplomarsi ogni anno circa 50.000 giovani che hanno il diritto di poter lavorare o, per quelli che intendono continuare a studiare, di poter proseguire gli studi attraverso i diversi percorsi accademici presenti nella regione.

L’obiettivo è, pertanto, quello di diminuire il gap culturale e tecnologico che i neo-diplomati subiscono nell’affrontare il mondo del lavoro, offrendo loro la possibilità di ottenere una certificazione universalmente riconosciuta che li consenta di presentarsi in aziende pubbliche o private con un evidente bagaglio culturale più adeguato alle esigenze del mercato del lavoro.

 

Il progetto, che fa parte del programma Partners in Learning varato tre anni fa da Microsoft, nasce dalla volontà della società di Redmond di contribuire in cooperazione con Regione Campania alla diffusione e allo sviluppo della formazione in ambito IT.

Attivato in Italia con la firma del protocollo d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), Partners in Learning è in linea con le direttive ministeriali, e fornisce una valida risposta alle esigenze espresse dalle scuole in ambito didattico e tecnologico.

Il programma ad oggi ha già coinvolto circa 23mila professori: un successo che ha spinto Microsoft a declinarlo a livello regionale nell’intento di essere meglio aderente alle singole realtà locali.

 

Al termine del percorso formativo, è previsto il rilascio della certificazione Microsoft, che attesterà il livello di conoscenze raggiunte, e fornirà così alle persone coinvolte uno strumento utile per avvicinare sempre più il mondo della scuola a quello del lavoro.

 

Microsoft si rende, quindi, disponibile, in cooperazione con Regione Campania e l’istituzione scolastica, a realizzare un progetto formativo pilota per la realizzazione di una IT Academy PRO Platinum per la certificazione MCP (Microsoft Certified Professional) presso l’istituto Tecnico Industriale Ferraris.

 

Le iniziative verranno sviluppate agendo a due livelli distinti: da una parte attraverso lo sviluppo e la certificazione delle competenze dei docenti, e dall’altra con lo sviluppo e la certificazione delle competenze degli studenti.

La certificazione Microsoft è una delle più riconosciute a livello di settore, e attesta tanto l’esperienza tecnica quanto la conoscenza degli ambienti reali.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia