Ritirare il decreto Urbani!! Nessuno se la sente? Ci penserà l¿Europa

di |

Italia



Confusione.
Sembra essere questo il dato pi&#249 rilevante dello stato del percorso del famigerato decreto Urbani.

E¿ allora sar&#224 forse di una certa utilit&#224 ripercorrere rapidamente le tappe pi&#249 importanti di questi giorni.

Il decreto Urbani viene approvato il 12 marzo 2004. Formalmente viene presentato come una misura tesa a finanziare il cinema italiano e a combattere la pirateria.

Pi&#249 semplicemente, un¿antica regola consociativistica consente da sempre una distribuzione a pioggia per finanziare il cinema italiano. Ne beneficiano componenti dell¿industria appartenenti a tutte le formazioni politiche. Si tratta di finanziamenti sostanzialmente fuori controllo, una volta erogati. Una consuetudine che ha sempre tenuto lontano settori importanti dell¿industria del cinema nazionale dalla semplice ma pur sempre importante regola del contenimento dei costi.

Ma si sa come ci si regola con i soldi pubblici.

In questi casi pi&#249 si spende meglio &#232.

Cos&#236 funziona il meccanismo.

L¿importante &#232 spendere tutti i soldi e la cosa ancor pi&#249 importante &#232 la corretta fatturazione.

Naturalmente (e per fortuna) il cinema italiano &#232 anche altro ed &#232 innanzitutto quella straordinaria new-wave di autori e attori che sta dando grande lustro e soddisfazione al Paese, agli spettatori ed al box-office.

Non &#232 un caso se molti di loro non hanno mai avuto una lira dai finanziamenti pubblici destinati al cinema.

Come nasce il decreto Urbani?

Facciamo qualche ipotesi.

Qualche tempo fa qualcuno si &#232 accorto dell¿esaurimento del filone di finanziamento pubblico al cinema.

E allora da dove prendere i soldi?

Da internet!!

E¿ stata la splendida idea suggerita da qualcuno pi&#249 realista del re.

Peraltro, non trattandosi di soldi pubblici, sar&#224 una risorsa aggiuntiva ai nuovi possibili filoni di finanziamento statale che si spera di attivare a breve.

Quindi non c¿&#232 tempo da perdere. Bisogna dichiarare la condizione di necessit&#224, lo stato emergenziale, la giustificazione del ricorso ad uno strumento inappropriato come quello di un decreto legge.

E l¿Europa?

Meglio ignorarla.

A nulla sono valse le considerazioni che, all¿interno dello stesso governo, hanno imposto di non procedere con il decreto sui bilanci delle squadre di calcio o sull¿Alitalia.

In questi due casi il rispetto o il timore dell¿Europa (o forse pi&#249 semplicemente gli avvertimenti preventivi di Bruxelles) hanno spinto i politici a soprassedere.

Ma allora perch&#233 nel caso del decreto Urbani non ci si &#232 fermati per tempo? Perch&#233 si dovr&#224 aspettare che ci fermi l¿Europa con una procedura d¿infrazione, da noi prevista, tanto temuta quanto umiliante?

Semplice.

Perch&#233 nel frattempo la lobby del cinema acquisir&#224 un po¿ di royalties che nessuno obbliga a restituire (quantomeno per le difficolt&#224 e seccature logistiche) in caso di decadimento del provvedimento.

Quando parlammo, nei primi giorni, della lobby del cinema intendevamo riferirci a questi presunti giochi di parrocchietta, che portano per&#242 non pochi quattrini.

Poi si &#232 sviluppata una forte opposizione al decreto: il popolo di internet, ma ancor di pi&#249 i provider, le associazioni dei consumatori ed altri soggetti rilevanti ai fini della catena del valore.

Il decreto, proseguendo il suo iter, &#232 stato quindi assegnato alla Commissione cultura della Camera dei Deputati.

Sono state fatte delle audizioni utili, ma pur sempre foglia di fico per nascondere la grave manchevolezza del non aver dato luogo ad una vera e propria consultazione pubblica.

Si deve dare atto a Gabriella Carlucci di aver messo molto impegno nel cercare le soluzioni.

Ma il risultato rimane deludente.

I problemi sono di struttura.

Tanto pi&#249 in considerazione di una serie di eventi di non facile comprensione e tra quelli delle ultime ore le rimostranze delle associazioni degli editori e dei discografici che hanno preso le distanze dal presunto testo emendato a cui il governo starebbe arrivando.

Ultimo arrivato il commento del presidente dell¿Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche (ANICA), avv. Gianni Massaro, che ha ribadito la sua ferma opposizione ””¿a qualsiasi compromesso che snaturi il provvedimento. Intendo confermare il pieno sostegno dell” Anica al Decreto Legge ed alla Relazione che lo ha accompagnato in sede di presentazione al Consiglio dei Ministri e la ferma opposizione a qualunque modifica che possa, comunque, legittimare ci&#243 che &#232 illegittimo o, peggio ancora, criminoso sulla base del diritto penale comune e dichiaro altres&#237 che l” Anica non ha alcun interesse all” ottenimento di un decreto qualsiasi cos&#237 come di qualunque altra norma soltanto per il piacere di dire che vi &#232 una legge o una norma¿.

Allora cosa accadr&#224 in Parlamento la prossima settimana?

Probabilmente il governo far&#224 propri tutti gli emendamenti emersi dai lavori della Commissione, riservandosi di acquisire eventuali altri elementi nel dibattito in aula.

Poi il passaggio al Senato, con una procedura di blindatura che impedir&#224 qualunque ripensamento.

Infine la possibile conversione.

Questo &#232 il copione scritto.

Ma la realt&#224 a volte pu&#242 essere molto diversa.

Resta da vedere intanto cosa accadr&#224 alla Camera.

Ma ancor di pi&#249 potrebbe calare il buio in sala, se la mano di Bruxelles decider&#224 di staccare la corrente su un percorso istituzionale che appare contrario alle procedure ordinarie previste dall¿Unione Europea.

Certo a qualcuno potrebbe non piacere, ma queste sono le regole dell¿Europa che vogliamo.


&#169 2004 Key4biz.it

Per ulteriori approfondimenti, consulta:

Archivio delle News sul Decreto Urbani, la Direttiva europea e la Proprieta¿ intellettuale