Per l¿OCSE necessaria una cooperazione internazionale contro lo spamming

di |

Mondo



I governi del mondo intero dovrebbero unirsi nella lotta allo spam, perch&#233 si tratta di un fenomeno che non conosce frontiere.

Questo il monito che l¿Organizzazione per la Cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) lancer&#224 nel corso di un summit contro le eMail commerciali non sollecitate (UCE ¿ Unsolicited Commercial eMail), previsto per oggi e domani a Bruxelles.

Sconfiggere lo spam &#232 oggi l¿obiettivo fondamentale dei governi e delle imprese, viste le dimensioni che sta assumendo il problema.

Secondo dati forniti dalla Commissione europea, la met&#224 del traffico di posta elettronica &#232 costituito da spam, questo &#232 molto grave non solo perch&#233 rappresenta un attentato alla privacy degli utenti, ma anche perch&#233 arreca pregiudizio a chi usa la posta elettronica per motivi di lavoro.

Sempre secondo le cifre della Commissione, sono altissimi i costi dello spamming per le imprese in termini di tempo perso dai lavoratori per eliminare le eMail che affogano quotidianamente le loro caselle di posta.

Le stime delle perdite in produttivit&#224 dovute alle eMail spazzatura nel 2002 ammontavano a 2,5 miliardi di euro, ma la crescita esponenziale del fenomeno sembra giustificare le ipotesi pi&#249 pessimistiche, secondo le quali la sola economia britannica nel 2003 ha subito danni per 3,2 miliardi di euro.

Il problema &#232 ancora pi&#249 grave se si pensa che sempre pi&#249 spesso queste mail vengono utilizzate per veicolare virus informatici a danno degli ignari utenti.

O peggio ancora per avviare truffe online, intercettando le carte di credito dei consumatori o dettagli bancari.

“Lo spam non &#232 un problema di un singolo Paese (…) &#232 un problema mondiale“, ha detto l”organizzazione in un documento che anticipa i temi dell”incontro.

“E” sempre pi&#249 chiaro che gli sforzi a livello nazionale devono essere accompagnati da strategie coordinate a livello internazionale per far fronte alle minacce transfrontaliere che lo spam pone”.

La Ue e gli Stati Uniti hanno scelto approcci diversi al problema. L¿Unione ha adottato nel luglio 2002 la Direttiva europea 2002/58/CE sulla privacy e le comunicazioni elettroniche, che rende illegale l¿invio di eMail non sollecitate, a meno che gli utenti non ne abbiano fatto esplicitamente richiesta. Approccio detto di opt-in.

Ma fino a oggi, solo la met&#224 dei Paesi della Ue ha armonizzato le proprie legislazioni con le nuove disposizioni europee in materia di spam.

Sono ancora ben nove, infatti, gli Stati (Germania, Belgio, Francia, Grecia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Finlandia e Svezia) che non si sono conformati alla disposizioni comunitarie, entro il termine ultimo del 31 ottobre 2003. A dicembre &#232 stata anche avviata una procedura di infrazione contro i Paesi inadempienti.

L¿Italia ha gi&#224 provveduto al recepimento della Direttiva con l¿adozione del Decreto legislativo n.196 del 30 giugno 2003, il “Codice in materia di protezione dei dati personali”, meglio noto come “T.U. sulla privacy“.

La legge antispam americana, entrata in vigore il primo gennaio, ha invece un approccio verso il problema delle junk-mail, detto di opt-out, poich&#233 spetta all¿utente segnalare di non voler ricevere alcuna comunicazione commerciale elettronica.

¿E¿ assolutamente imperativo che si stabilisca una cooperazione mondiale¿, ha insistito anche Richard Nash, segretario generale dell¿European Internet Services Providers Association.

Secondo International Data Corporation, il numero degli indirizzi di posta elettronica dovrebbe raddoppiare entro il 2005 per raggiungere 1,2 miliardi contro i 700 milioni di oggi.

Nel maggio 2003, Aol, primo fornitore mondiale d¿accessi a Internet, ha bloccato 2,7 miliardi di spam al giorno.

Raffaella Natale

Per approfondimenti leggi:

Ue: interventi urgenti nella lotta allo spamming e pi&#249 collaborazione con i Paesi terzi

La Ue in prima linea contro lo spamming. Liikanen propone le guidelines

Spamming e protezione dei dati. Uno studio della commissione UE

Spamming e sicurezza: entrata in vigore la Direttiva Ue sulla Privacy e le Comunicazioni elettroniche

Spamming: entro ottobre gli Stati Ue dovranno conformarsi alla direttiva comunitaria

Spamming: la Ue riunisce governi e industrie in vista dell¿entrata in vigore della direttiva sulle comunicazioni elettroniche

Giro di vite contro lo spamming. Chi lo fa per profitto rischia il carcere

Leggi anti-spam: gli Usa prendano esempio dall¿Europa

Regole e Spamming: Europa e Usa a confronto