Ma chi difende internet? L¿appello alle istituzioni ed alle associazioni di settore

di |

Italia



Da due settimane &#232 in corso al Parlamento europeo un confrontoserrato sul futuro normativo di una materia complessa e controversa, quale quella della propriet&#224 intellettuale. Un argomento di particolare importanza per la diffusione di contenuti nella Societ&#224 dell¿Informazione. Un argomento che impone la ricerca di soluzioni adeguate che salvaguardino le legittime prerogative degli autori, degli aventi diritto, degli editori. Ma senza che ci&#242 uccida le aspettative di sviluppo della rete.

E internet?

Chi difende internet e lo sviluppo della rete?

Puntoit e Key4biz lanciano un appello perch&#233 la Direttiva europea sulla propriet&#224 intellettuale in discussione a Bruxelles non recepisca le proposte di modifica avanzate dal relatore, l¿europarlamentare francese Janelly Fourtou.

Puntoit e Key4biz lanciano un appello alle istituzioni italiane ed alle associazioni di settore perch&#233 anche in Italia venga assicurato ad internet un futuro di sviluppo in linea con l¿affermazione della Societ&#224 dell¿Informazione.

Ma ricordiamo i termini della vicenda.

Lo scorso 30 gennaio 2003, la Commissione Europea invia al Parlamento Europeo una proposta di Direttiva sul rispetto dei diritti di propriet&#224 intellettuale, i cosiddetti IPR, gli Intellectual Property Rights. La Direttiva intende armonizzare le diverse legislazioni nazionali nel colpire la violazione dei diritti di propriet&#224 intellettuale, quando tale violazione &#232 commessa a fini commerciali o arreca danno considerevole agli aventi diritto. La definizione di propriet&#224 intellettuale accomuna sotto di s&#233 una incredibile quantit&#224 di ambiti, ma appare del tutto evidente che una delle preoccupazioni maggiori di alcuni settori industriali riguarda alla circolazione di file elettronici in rete per il trasferimento di contenuti audio, video o testuali.

Il 20 febbraio 2003 la signora Fourtou, europarlamentare eletta in Francia viene nominata relatrice.

Il 17 settembre 2003 la Fourtou presenta alla Commissione giuridica e per il mercato interno una relazione con proposte di emendamento destinate a suscitare parecchie polemiche. La pi&#249 rilevante di esse &#232 quella che propone di eliminare ogni restrizione della normativa alla violazione per ¿¿fini commerciali¿.

Il resto &#232 lo scontro di questi giorni.

L¿europea Net-Alliance, che include tra gli altri Deutsche Telekom, Vodafone, British Telecom, Telecom Italia,Verizon e Yahoo, solleva, tra i primi, il problema e si appellaalle istituzioni europee, sottolineando con fermezza che le disposizioni normative si dovrebbero concentrare solo sulle contraffazioni per uso commerciale escludendo l¿uso privato. In sostanza, sostiene Net-Alliance, la Direttiva non si dovrebbe estendere a chi commette delle violazioni dei diritti di propriet&#224 intellettuale inconsapevolmente, ma dovrebbe avere efficacia l&#224 dove le energie della criminalit&#224 sono state impiegate per usi commerciali, riprendendo di fatto quanto inizialmente prevedeva a tale proposito la Commissione europea, che aveva detto chiaramente che le nuove norme si sarebbero applicate solo ai casi ¿¿in cui la violazione fosse commessa per uso commerciale, o causasse danni significativi ai titolari dei diritti di propriet&#224 intellettuale¿.

Fanno subito eco le pi&#249 importanti testate, dal Financial Times al New York Times, mentre il tam tam coinvolge immediatamente la rete in tutta Europa.

Al centro dell¿attenzione due rischi.

Il primo timore &#232 quello di considerare come fuorilegge chiunque usi una rete P2P per condividere copie non licenziate di musica, film o altri prodotti dell¿industria dell¿intrattenimento.

La Direttiva sull¿IPR &#232 l¿ultima di una serie di iniziative legislative assunte dall¿Europa in ambito internet, preceduta dalla direttiva sul marketing di rete e contro lo spamming

Il secondo rischio &#232 che chiunque (tra aventi diritto ed editori) ritenga di essere stato danneggiato potrebbe rivolgersi alla legge ottenendo una serie di informazioni sulle persone e sulle loro abitudini personali dagli internet providers o dalle societ&#224 di web hosting. Ma il rischio ancor pi&#249 grande &#232 che chiunque pu&#242 essere accusato di aver commesso un illecito anche per una riproduzione ad uso esclusivamente personale, o addirittura per una copia di back-up.

Il sito della BBC, da canto suo, ha lanciato un grido d¿allarme inequivocabile: ¿Ogni nuova legge deve trovare un equilibrio tra gli interessi dei possessori di diritti, grandi multinazionali ed individui, e quelli della pi&#249 ampia comunit&#224. Copyright e brevetti rappresentano un contratto tra pubblico e creatori di una qualunque opera, da un racconto ad una canzone, e un contratto deve tener conto di ambedue i contraenti. E forse non &#232 una pura coincidenza il fatto che l¿europarlamentare Janelly Fourtou, che si sta battendo per le modifiche alla proposta di Direttiva, &#232 la moglie di Jean-Ren&#233 Fourtou, presidente di Vivendi Universal, uno dei pi&#249 importanti marchi multimediali del mondo¿.

Un articolo, quello pubblicato da Bbc.co.uk, che denuncia il rischio di una Direttiva liberticida, ad uso esclusivo degli interessi di una industria discografica che reagisce in modo scomposto, esclusivamente sanzionatorio e quindi poco innovativo, alle prospettive del dopo Napster.

Ma a fianco, sembra, francamente, di sentire anche le pruderie del mondo cinematografico, che non ha ancora elaborato un modello di relazione con internet e lo sviluppo della rete.

Ci&#242 che si intravede all”orizzonte &#232 una precisa volont&#224 di criminalizzazione di fasce d”utenza della rete.

E sono evidenti leinevitabili ricadutesulle fasce giovanili, che non sono solo il futuro della rete.

Sono il futuro della societ&#224 dell”informazione.

Anzi sono il futuro della societ&#224.

Ed in Italia?

Nulla.

E¿ necessario che anche l¿Italia eserciti il proprio peso.

Cosa, oggi, ancor pi&#249 necessaria, se si considera la coincidenza con la Presidenza di turno della UE.

La Direttiva ha, davanti a s&#233, un suo percorso e gli Stati nazionali dovranno poi adottarla ed armonizzarla alle normative nazionali. Naturalmente i margini per modificare con efficacia gli orientamenti ed il dettato devono affermarsi ora, nel corso della procedura di approvazione della Direttiva medesima. Poi sar&#224 troppo tardi e chiunque di noi rischia di essere considerato come un malfattore per il solo fatto di aver duplicato una copia del concerto di Colonia di Keith Jarrett (che &#232 sul player nel nostro studio) alla moglie o al figlio che vuole ascoltarlo da solo (sul player in camera sua o nel soggiorno).

Ecco perch&#233 non c¿&#232 un solo minuto da perdere.

Ci&#242 che temiamo appartiene ancora al mondo delle proposte.

Gravi.

Ma ancora proposte.

E¿ necessario che anche nel nostro Paese venga sollecitata una iniziativa in tale direzione, perch&#233 si dia luogo ad una forte e rapida consultazione pubblica sul tema.

E¿ necessario che un tema di cos&#236 grande rilevanza venga posto senza esitazione all¿attenzione delle istituzioni nazionali, delle associazioni dei consumatori e degli utenti, alle imprese di settore.

La posta in gioco &#232 il futuro di Internet e con essoil rispetto di quelle prerogative di Privacy per le quali il nostro Paese rappresenta un punto di eccellenza riconosciuto in Europa.

Raffaele Barberio

Per approfondimenti, consulta:

Archivio delle news sul Decreto Urbani, la Direttiva Europea e la Proprieta¿ intellettuale

Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativa alle misure e alle procedure volte ad assicurare il rispetto dei diritti di propriet&#224 intellettuale

PROGETTO DI RELAZIONE sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle misure e alle procedure volte ad assicurare il rispetto dei diritti di propriet&#224 intellettuale

La redazione di Key4biz.it esprime il proprio cordoglio per la morte a Nassyria deimilitari e civili italiani impegnati in Missione di Pace e la sentita partecipazione al dolore delle loro famiglie.

Il mondo ICT non &#232 un¿isola separata dal resto del mondo.

Il messaggio di Ciampi ai familiari e al Paese