Scarsa attenzione di Stanca per le prerogative del Parlamento, secondo Panattoni. Dichiarazioni di Iovene e Scano

di |

Italia



¿La costituzione della nuova Commissione con il compito di definire gli standard di accessibilit&#224 ed i criteri per assegnare il cosiddetto “bollino blu” giunge come un acquazzone estivo nell”avanzare dell”iter parlamentare del disegno di legge sull”accessibilit&#224 del web ¿ ci ha dichiarato Roberto Scano, presidente dell¿International Webmasters Association (IWA) – L”eliminazione della precedente commissione che ha avuto il merito di sviluppare il libro bianco con una nuova commissione durante la discussione del disegno di legge sull”accessibilit&#224 &#232, a mio parere, un atto di mancato rispetto per l”organo parlamentare che si sta occupando di sviluppare la legge… sarebbe come voler stendere la moquette prima di costruire i muri di un immobile, quindi illogico e immotivato¿.

Ma veniamo ai fatti.

Lo scorso sabato 26 luglio, in un pomeriggio particolarmente assolato ed afoso, il ministero dell¿Innovazione ha diffuso, alle 15:22 un comunicato stampa in cui si dava conto della costituzione dei una ¿Commissione interministeriale per l¿impiego delle tecnologie dell¿informazione e della comunicazione per le categorie deboli e svantaggiate¿, presso il Ministro per l¿Innovazione e le Tecnologie.

¿La Commissione ¿ si legge nel comunicato stampa – diventa permanente e subentra al precedente analogo organismo a cui il ministro Lucio Stanca aveva demandato la realizzazione del ¿Libro bianco¿ ¿Tecnologie per la disabilit&#224: una societ&#224 senza esclusi¿, con il quale per la prima volta in Italia si &#232 analizzata dettagliatamente la condizione dei disabili rispetto alle nuove tecnologie. Sulla base dell¿indagine &#232 stato predisposto il disegno di legge Stanca, ora all¿esame del Parlamento, per l¿inserimento dei disabili mediante le nuove tecnologie informatiche e l¿abbattimento delle barriere digitali¿.

¿Tra i compiti della Commissione ¿ si legge ancora nel comunicato – ci sono la predisposizione di un rapporto sulle azioni da promuovere per avviare specifiche politiche attinenti agli obiettivi. Inoltre ogni anno sar&#224 redatto anche un rapporto propedeutico al varo di norme necessarie per adeguare l¿ordinamento nazionale ai livelli di qualit&#224 ritenuti pi&#249 appropriati¿.

¿Infine, sulla base delle indicazioni dell¿apposita Segreteria Tecnico-scientifica, la Commissione stabilir&#224 elementi e criteri per la definizione degli indicatori utili a definire i diversi livelli di accessibilit&#224 dei siti Internet e delle applicazioni informatiche, per la loro relativa misurazione ed eventuale certificazione¿.

Il senso del comunicato, con specifico riferimento ai compiti indicati nel precedente periodo, sembra perci&#242 confermare il j¿accuse di Roberto Scano.

Per queste ragioni abbiamo subito raggiunto l¿On. Giorgio Panattoni, che conosce molto bene l¿argomento, essendo uno dei membri pi&#249 attivi della IX Commissione, presso la quale sono all¿esame tutte le proposte di legge sull¿accessibilit&#224 ad internet a favore dei disabili.

¿Premesso che tutte le iniziative che tendono a facilitare l”impiego delle tecnologie ICT per le categorie deboli e svantaggiate (uso la terminologia del governo) sono positive, nel merito delle affermazioni del Ministro mi pare si possano fare le seguenti osservazioni. Innanzitutto ¿ ha commentato l¿On. Giorgio Panattoni – sono all”esame del Parlamento diverse leggi sulla materia e non solo la legge del governo. Anzi, le leggi di iniziativa parlamentare paiono pi&#249 articolate e complete di quella proposta da Stanca. E in questo senso non pare particolarmente apprezzabile la costituzione della ennesima struttura permanente alla quale delegare la materia, con l”approccio centralistico tipico di questo governo. D”altra parte il governo operer&#224 all”interno della delega e con i riferimenti che il Parlamento definir&#224 nell”apposita legge. Mi pare pertanto ¿ ha concluso l¿On. Panattoni – che la materia sia ancora in via di definizione e che occorra terminare l”iter legislativo per definire le procedure e gli assetti pi&#249 rispondenti alle specifiche necessit&#224, che peraltro deriveranno da una stretta concertazione con tutti i soggetti interessati. In questo quadro dovr&#224 inserirsi anche la Commissione istituita autonomamente dal Ministro, forse con troppa fretta e con scarsa attenzione alle prerogative del Parlamento¿.

Ugualmente preoccupata la posizione del Sen. Antonio Iovene, firmatario di una delle proposte di legge sull¿accessibilit&#224 all¿esame della IX Commissione.

¿La Commissione Interministeriale, di per s&#233, non costituisce una grande notizia. Potrebbe essere visto come un atto finalizzato a coordinare l¿attivit&#224 dei Ministeri ¿ ha commentato il Sen. Iovene – Tuttavia, se il ministro Stanca volesse veramente rispondere, nell¿Anno Europeo dedicato alle Disabilit&#224, agli impegni presi nei confronti dell¿opinione pubblica e soprattutto dei cittadini disabili, dovrebbe, assieme al Governo accelerare l¿iter della legge in discussione in Parlamento, chiedendo per essa, in virt&#249 delle potest&#224 governative, una corsia preferenziale attraverso il Ministro dei Rapporti con il Parlamento, per definire nel pi&#249 breve tempo possibile il nuovo assetto normativo.

¿&#200 evidente ¿ ha sottolineato Iovene – che questa commissione ha un carattere legato all¿operato dei singoli ministeri, ma l¿accessibilit&#224 dei siti internet della Pubblica Amministrazione, a cui fanno riferimento le proposte di legge in questione fra cui la mia, riguardano tutta l¿Amministrazione e non solo i ministeri¿.

¿Oggi, un cittadino disabile ¿ ha concluso Iovene – ha la precisa necessit&#224 di reperire notizie e informazioni dagli enti locali, dai servizi pubblici locali, dalle aziende private che forniscono servizi alla collettivit&#224. Tutte queste realt&#224 non sono n&#233 contemplate n&#233 sotto la competenza di questa Commissione¿.

· Articoli correlati alla campagna promossa da Puntoit e Key4biz.it a sostegno della Proposta di Legge Campa-Palmieri


. Adesioni a sostegno della campagna in favore della Proposta di Legge Campa-Palmieri


· Elenco dei Parlamentari che hanno aderito alla Proposta di Legge Campa-Palmieri


·Proposta di Legge Campa-Palmieri

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2024 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia