Da Washington

Tofalo (Difesa) ‘Più partnership Pubblico-Privato per rafforzare la cybersecurity. Il Governo non può farcela da solo’

di |

L'Italia della cybersecurity è volata in Usa per presentare al pubblico americano quella che è l'architettura cyber italiana. Angelo Tofalo (Sottosegretario alla Difesa): "Abbiamo approfittato dell'occasione per presentare al pubblico americano quella che è l'architettura cyber italiana".

Il settore cyber sta conoscendo oggi uno sviluppo rapidissimo. Per fare Sistema Paese e’ importantissimo costruire un network solido, dobbiamo stimolare le realtà del mondo produttivo che sono capaci di innovare e sviluppare nuove tecnologie. Non possiamo permetterci di restare indietro”, ha dichiarato il Sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo intervenuto ieri al workshop Cybersecurity Challenges and Opportunities for Italy and the U.S.” organizzato presso l’Ambasciata italiana a Washington.

Il Governo non può proteggere il dominio cibernetico da solo, abbiamo bisogno di rafforzare le partnership pubblico-private. Dobbiamo lavorare con i principali stakeholders“, ha evidenziato Tofalo durante il suo intervento.

La tavola rotonda sulla cybersecurity promossa dal ministero degli Affari esteri attraverso l’Ambasciata d’Italia a Washington è stato pensata nell’ottica di una partnership sempre più stretta tra le due sponde dell’Atlantico, per proporre il meglio che il nostro ecosistema cyber ha da offrire.

Tofalo durante l’evento ha sottolineato il lavoro dell’Ambasciatore Armando Varricchio che ha favorito l’importante appuntamento “consentendo a una delegazione estremamente eterogenea come la nostra di dialogare con un approccio interministeriale in un contesto di importanza strategica per il nostro Sistema Paese.

“La conferenza e’ stata un’importante occasione per arricchire le nostre conoscenze sulle dinamiche che caratterizzano l’approccio statunitense nella valorizzazione e nella difesa delle aziende che sviluppano tecnologie inerenti il dominio cibernetico“, ha aggiunto il Sottosegretario. “Abbiamo approfittato dell’occasione per presentare al pubblico americano quella che è l’architettura cyber italiana grazie ad un intervento molto approfondito del Vice direttore del DIS, con delega alla sicurezza cibernetica, professor Roberto Baldoni.”

Nel succedersi dei panel il tema della Sicurezza Cyber è stato trattato dalla prospettiva militare grazie al contributo del Generale Francesco Vestito, Comandante del CIOC (Comando Interforze per le Operazioni Cibernetiche). L’Ambasciatore Francesco M. Talo’ e il Consigliere Andrea Mazzella hanno parlato del ruolo del MAECI rispetto ai futuri sviluppi del quinto dominio.

In rappresentanza del MISE, il Consigliere del Vice Premier Di Maio, Carmine America, ha parlato degli investimenti fatti su nuove tecnologie, sulla Blockchain e Intelligenza Artificiale.