contratti di lavoro nazionali

Tlc, al via il negoziato per il rinnovo del CCNL per 150mila addetti

Ieri dall’incontro tra le delegazioni di Asstel e le Organizzazioni Sindacali di categoria SLC-CGIL, FisTel-CISL, UILCOM-UIL si è avviato il negoziato per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro delle Telecomunicazioni, che riguarda complessivamente circa 150.000 addetti.

di Redazione | @Key4biz |

Ha preso ieri avvio il negoziato per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro delle Telecomunicazioni, che riguarda complessivamente circa 150.000 addetti, con l’incontro tra le delegazioni di Asstel e delle Organizzazioni Sindacali di categoria SLC-CGIL, FisTel-CISL, UILCOM-UIL.

 

L’avvio del negoziato sul contratto del lavoro si colloca nel contesto di una fase di profonda trasformazione del settore, dettata dalla velocità dell’innovazione tecnologica e dall’evoluzione delle dinamiche di mercato e regolatorie. In questa fase, la filiera delle telecomunicazioni prosegue nel programma di realizzazione delle infrastrutture ultra-broadband sostenendo massicci programmi di investimento, pari ad oltre il 20% del fatturato del settore, mentre al proprio interno si confronta con importanti cambiamenti dei contenuti del lavoro e del suo svolgimento.

 

“In questo quadro estremamente complesso e in movimentoha affermato il presidente di Asstel Pietro Guindani nell’aprire la riunione –  è fondamentale dare attuazione all’Accordo di programma, sottoscritto dalle Parti il 23 novembre scorso, nel quale sono stati definiti i “Principi Direzionali”, ovvero le direttrici da sviluppare per effettuare il necessario cambio di paradigma contrattuale, orientato al raggiungimento di maggiori livelli di produttività, competitività, efficienza e qualità della filiera. In particolare è necessario semplificare le previsioni normative del CCNL affinché la contrattazione nazionale offra sempre maggiori spazi a quella di secondo livello; occorre definire soluzioni utili a favorire la sostenibilità complessiva delle attività di Customer Care e individuare soluzioni che promuovano l’occupabilità dei lavoratori nell’ambito delle trasformazioni che interesseranno il mondo del lavoro; infine, occorre aggiornare il contratto per le novità legislative intervenute. In sintesi questi principi hanno l’ambizione di favorire la trasformazione digitale del lavoro, per consentire lo sviluppo, da un lato, di azioni per promuovere nuove professionalità e nuovi mestieri e, dall’altro, imprimere una forte spinta alla riqualificazione/riconversione delle professionalità”.

 

“Nel riconfermare il ruolo del Contratto Collettivo Nazionale di categoria quale strumento di regolazione generale del lavoro e dei trattamenti economici e normativi di garanzia – ha sottolineato Guindani ora è il momento di impegnarci a fondo nello sviluppo e diffusione della contrattazione di secondo livello, quale strumento efficace e virtuoso per il miglioramento della produttività, a vantaggio dei lavoratori e delle imprese. Tale percorso si collocherà nell’ambito del modello di Relazioni Industriali e degli assetti della contrattazione definiti dall’Accordo Interconfederale del 9 marzo 2018, in grado di accompagnare la transizione della filiera verso condizioni di maggiore competitività delle imprese e valorizzazione del fattore lavoro”.

 

“Siamo consapevoli che la strada della ricerca di regole condivise è quella giusta per far evolvere il nostro  modello di Relazioni Industrialiha concluso il Presidente di AsstelL’obiettivo è costruire un contratto in grado di rispondere alle esigenze connesse ai diversi contesti organizzativi delle imprese e consentire, inoltre, il mantenimento nel tempo del valore delle persone sul mercato del lavoro”.

© 2002-2018 Key4biz

Instant SSL