consumatori

Sos Energia. Il mercato libero dell’energia ti spaventa? Ecco come tutelarsi

di Davide Raia |

Rubrica settimanale Sos Energia, frutto della collaborazione fra Key4biz e SosTariffe. Una guida per il consumatore con la comparazione dei prezzi dell’elettricità, del gas e dell’acqua. Per consultare tutti gli articoli, clicca qui.

L’addio al regime di Maggior Tutela con l’apertura totale al mercato libero dell’energia è slittata al 2019. I fattori che hanno comportato questo spostamento sono diversi e, tra questi, troviamo la volontà da parte delle Istituzioni tutelare gli utenti garantendo un passaggio controllato che non si traduca in un aumento generalizzato dei prezzi.

Un aspetto che ha giocato un ruolo significativo nello slittamento dell’arrivo del mercato libero dell’energia è rappresentato anche una scarsa informazione degli utenti che non conoscono i vantaggi offerti dal mercato libero dell’energia le cui offerte sono riepilogate dal comparatore di SosTariffe.it per energia elettrica.

Il mercato libero dell’energia elettrica e del gas punta a garantire ai consumatori, sia utenti domestici che piccole e medie imprese, la possibilità di individuare, di volta in volta, le tariffe più convenienti, cambiando operatore a seconda delle condizioni. L’obiettivo principale, a conti fatti, è quello di ridurre la spesa per le bollette dell’energia individuando le migliori soluzioni offerte dal mercato in cui vigerà un regime di libera concorrenza tra gli operatori.

Già oggi è possibile attivare un nuovo contratto di fornitura, scegliendo tra le tariffe proposte dagli operatori del mercato libero, con la garanzia di poter contare su di un prezzo bloccato per la durata di 12 mesi per l’energia e per il gas (ovvero sui costi variabili delle bollette). Per quanto riguarda l’energia elettrica, l’utente ha la possibilità di scegliere tra tariffe monorarie, biorarie o triorarie al fine di attivare la soluzione tariffaria più vantaggiosa in relazione alle proprie esigenze. Per il gas, invece, sono presenti tariffe a prezzo fisso per 12 mesi.

La struttura del mercato libero ha proprio l’obiettivo di massimizzare la libertà degli utenti di scegliere, in modo molto semplice, il proprio operatore individuando, di volta in volta, le soluzioni economicamente più vantaggiose che possono nascere anche da partnership con operatori di altri servizi come, ad esempio, i servizi di telefonia.

Che cos’è la Tutela Simile

Per permettere agli utenti di poter sperimentare i vantaggi del mercato libero, conservando però un regime tariffario controllato, l’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI) ha messo a disposizione il nuovo regime di Tutela Simile, attivo dall’inizio del 2017.

Chi sceglie la Tutela Simile ha la possibilità di attivare un contratto, della durata di 12 mesi non rinnovabile, offerto da fornitori del Mercato Libero ma contenente condizioni contrattuali definite dall’Autorità, obbligatorie ed omogenee per tutti i venditori, che ricalcano le caratteristiche della Maggior Tutela. Una volta terminato tale contratto, l’utente potrà decidere se aderire ad un’offerta del mercato libero con lo stesso operatore o con un operatore differente o ritornare nel regime tutelato.

Nonostante lo slittamento della fine del regime di Maggior Tutela, gli utenti hanno la possibilità, già da oggi, di attivare una nuova tariffa vantaggiosa per l’elettricità e per il gas naturale (le due forniture non sono obbligatoriamente vincolate tra loro ed è possibile scegliere due operatori differenti) tra le varie proposte del mercato libero. Il prezzo bloccato e le tariffe flessibili rappresentano delle importanti occasioni di risparmio per gli utenti che, con la giusta informazione, possono davvero registrare un calo dell’importo delle bollette energetiche. Analizzare periodicamente il comparatore di SosTariffe.it può, ad esempio, essere una soluzione decisamente valida per tenere sotto controllo il mercato dell’energia ed individuare le proposte più vantaggiose in qualsiasi momento.

© 2002-2017 Key4biz