banner tiesse
Previsioni

Sms e voce in crisi: 104 miliardi di dollari il conto per le Telco agli OTT nel 2017

Secondo Juniper Research proseguirà anche quest’anno l’emorragia di ricavi da servizi per gli operatori Tlc sempre più insidiati dalle piattaforme di instant messaging.

di Paolo Anastasio | @PaoloAnastasio1 |
telco-625x350

Continuerà anche nel 2017 l’erosione dei ricavi per servizi voce e Sms da parte delle piattaforme di messaggistica istantanea e dei social network. Il trend, oramai noto da anni, è stato quantificato da Juniper Research in 104 miliardi di dollari di ricavi in meno a livello globale per gli operatori tradizionali nel 2017 a vantaggio degli OTT (Over the top) verso i quali anche quest’anno proseguirà la migrazione degli utenti.

Un buco di entrate che rappresenta il 12% in meno del fatturato globale da servizi per gli operatori Tlc.

Nel nuovo report appena pubblicato da Juniper Research si ribadisce come diverse piattafrome abbiano impattato in maniera sostanziale i margini degli operatori, con WhatsApp in particolare che da solo genera ormai un traffico tre volte superiore rispetto a quello degli Sms.

Se la minaccia ai ricavi degli operatori da parte degli OTT non è una novità, il report di Juniper research evidenzia però che le piattaforme di messaggistica incorporano sempre più servizi nuovi di comunicazione, come ad esempio le chat multiple video e voce. Nuovi servizi che contribuiranno all’ulteriore erosione dei servizi tradizionali.

Per arginare l’emorragia di ricavi, secondo Juniper Research gli operatori dovrebbero implementare nuove fonti di entrate, in particolare pacchetti di big data e analytics destinati ai consumatori e nuovi device IoT, introducendo servizi di pagamento mobile e nuove opzioni più flessibili di fatturazione e infine sviluppando servizi di identità mobile per i consumer.

Secondo il report, un altro fattore da non trascurare è la fornitura di contenuti originali da parte degli operatori, contenuti in grado di differenziare l’offerta e attrarre così clienti.

Smartphone e tablet sono diventati gli strumenti principali per la fruizione di contenuti video ed è per questo, chiude Juniper Research, che l’offerta di film popolari, serie ed eventi sportivi in esclusiva attraverso molteplici canali diventa un vantaggio competitivo concreto.

© 2002-2017 Key4biz