sicurezza informatica

Phishing. R. Cazzola (Trust Italia): “In arrivo per le email il VMC per certificare il mittente”. Come il badge blu su Twitter

di |

La videointervista a Riccardo Cazzola, ceo di Trust Italia: “Con il ‘verified mark certificate’, nelle email in arrivo vedremo, accanto al nome mittente, un logo che indica l’azienda certificata. Potrà essere utilizzato dai titolari di un marchio registrato. Il servizio sarà disponibile in un paio di mesi”.

Se i siti fraudolenti sono “l’esca” per farci abboccare al phishing, “l’amo” è lanciato, spesso, via email. Per evitare che il phishing arrivi attraverso la posta elettronica, “tra un paio di mesi sarà disponibile la soluzione Verified Mark Certificates (VMCs)”, ha sottolineato Riccardo Cazzola, ceo di Trust Italia, nella videointervista trasmessa, in live streaming, questa mattina da Key4biz.

La videointervista

Come funziona Verified Mark Certificate per certificare con un logo il mittente delle email

“Il Verified Mark Certificate permetterà”, ha spiegato Cazzola, “di visualizzare su tutti i client di posta elettronica, che utilizzeranno il nuovo protocollo, il brand dell’azienda certificata. Nella lista delle email in arrivo, prima di aprirle, vedremo un logo per indicare, in modo immediato, che il mittente dell’email corrisponda realmente a quello indicato”. 

Ecco 3 esempi. Accanto al nome mittente dell’email il logo di Comcast, CNN e Groupon

Il Verified Mark Certificate è l’equivalente del segno di spunta blu utilizzato da Twitter per indicare un profilo-utente verificato e come il badge verificato su Instagram. Ecco 3 esempi. Accanto al nome mittente dell’email il logo di Comcast, CNN e Groupon.

In fase di test negli Usa

“Il Verified Mark Certificate”, ha concluso Riccardo Cazzola, ceo di Trust Italia, azienda specializzata nei certificati SSL, “potrà essere utilizzato dalle aziende titolari di un marchio registrato e che noi potremo verificare nel processo di rilascio dell’VMC. È in fase di test negli USA e Google, per esempio, lo sta sperimentando in Gmail: il servizio sarà disponibile in un paio di mesi”. 

Key4biz oggi con Riccardo Cazzola ha aperto un filone interessante su sicurezza online, pagamenti digitali e strategie contro il phishing. È un tema che tocca da vicino ognuno di noi e per questo ne parleremo in modo più approfondito in un webinar che si terrà prossimamente. Vi faremo conoscere la data e l’agenda con i relatori.

Per vedere l’intervista

GUARDA SU YOUTUBE