Il report

Il digitale terrestre verso lo switch off in Uk? La BBC finirà soltanto su Internet?

di |

Il dibattito sul futuro del digitale terrestre entra nel vivo nel Regno Unito, dove l'Ofcom delinea tre possibili scenari. Ma intanto cresce la campagna contro lo spegnimento.

Il digitale terrestre televisivo potrebbe ben presto diventare un ricordo del passato nel Regno Unito, dove l’Ofcom, il regolatore britannico, si interroga sul futuro di questa tecnologia in via di obsolescenza.

I broadcaster tradizionali, in particolare quelli del servizio pubblico BBC, Channel 4 e ITV, hanno fiutato l’aria e crescono i timori di uno switch off che non sembra poi così improbabile. La trasmissione televisiva tradizionale potrebbe ben presto doversi trasferire su Internet.

E’ quanto emerge da un’indagine condotta dall’Ofcom e pubblicata pochi giorni fa, da cui emerge che per la prima volta i broadcaster sono sul chi vive per un passaggio che sembra sempre più imminente.

Audience anziana penalizzata?

L’elemento più forte che sta ritardando un passaggio drastico sul web è il target degli anziani, che con un passaggio coatto alla tv su Internet rischiano “l’esclusione dalla Tv”.

In un rapporto scritto per il governo sul “futuro della distribuzione televisiva”, Ofcom ha rilevato che circa 5,3 milioni di famiglie accedono alla televisione esclusivamente su Internet, con la maggior parte del pubblico – 17,9 milioni di famiglie – descritto come “spettatori ibridi” che utilizzano la TV tradizionale e i servizi online.

Ma ha aggiunto che ci sono ancora 3,9 milioni di famiglie che “si affidano esclusivamente” alla televisione digitale terrestre (DTT) e al suo equivalente satellitare Freesat.

Ha ammesso che ciò includeva “persone anziane, meno abbienti o con disabilità” in mezzo alla diffusa preoccupazione che “alcuni potrebbero non passare mai” alla TV su Internet.

Le ipotesi

La piattaforma DTT fornisce l’accesso universale alla TV utilizzando le frequenze radio. Ofcom ha delineato tre diversi modelli per il futuro, compreso lo spegnimento del segnale terrestre. Gli altri due modelli suggeriti erano “l’investimento in un servizio DTT più efficiente” o la “riduzione” del servizio a servizio essenziale, con soltanto pochi canali pubblici mantenuti sul digitale.

Si prevede che la audience dei canali TV programmati tramite DTT scenderà dal 62% dei programmi nel 2023 al 22% entro il 2040.

Ma resta inteso che le emittenti del servizio pubblico, come BBC, ITV e Channel 4, devono essere presenti sulla televisione digitale terrestre, quindi sarebbe necessaria una modifica della legge perché non sia più così.

La campagna contro lo switch off di Broadcast 2040+

Un portavoce della campagna Broadcast 2040+, che mira a “garantire il futuro” delle trasmissioni televisive e radiofoniche fino al “2040 e oltre”, ha chiesto al governo di “proteggere a lungo termine la TV terrestre tradizionale, ricevuta gratuitamente via antenna”.

Il portavoce ha detto: “Qualsiasi dibattito sul futuro della televisione deve mettere al primo posto gli spettatori.

“Milioni di persone fanno affidamento sulla TV terrestre universale e in chiaro”.

Ed Leighton, direttore della strategia e della politica dell’Ofcom, ha dichiarato: ‘La televisione digitale terrestre si trova ad affrontare grandi sfide a lungo termine e il pubblico che fa affidamento su di essa merita una soluzione che sia sostenibile e adatta al futuro. Richiede una nuova visione e pianificazione nell’industria e nel governo”.

Le tre ipotesi dell’Ofcom

1. Investimenti in un servizio DTT più efficiente: un servizio DTT più efficiente ma completo potrebbe essere un’opzione se l’ampiezza dell’audience e gli investimenti potessero essere sostenuti nel corso degli anni ’30. Questa opzione potrebbe includere il sostegno al pubblico con nuove apparecchiature per segnali di trasmissione più efficienti.

2. Ridurre la DTT a un servizio centrale: la piattaforma DTT potrebbe mantenere un numero minimo di canali principali, ad esempio i principali canali di servizio pubblico e di notizie. Ciò significherebbe che gli spettatori utilizzerebbero principalmente Internet per accedere ai servizi televisivi, mantenendo allo stesso tempo le infrastrutture che potrebbero fornire radio o TV, anche in caso di interruzioni di Internet. Potrebbe essere fatto come una transizione temporanea verso uno switch off più completo o rimanere indefinitamente come fornitore di ultima istanza.

3. Verso la disattivazione della DTT a lungo termine: una campagna pianificata per garantire che le persone siano sicure e connesse ai servizi Internet, in modo che la DTT possa essere disattivata. Sarebbe necessaria un’attenta pianificazione per garantire l’universalità dei media di servizio pubblico, con il sostegno alle persone in modo che nessuno venga lasciato indietro. Ciò potrebbe avere vantaggi più ampi per l’inclusione digitale in altri settori della società.

Considerare le esigenze di tutti i pubblici deve essere al centro di qualsiasi approccio scelto, e il nostro rapporto odierno non segnala alcuna preferenza per alcuna opzione particolare. In tutti i casi, le industrie del broadcasting e della banda larga dovrebbero collaborare con il governo per definire una visione comune su come fornire in futuro servizi televisivi universali, seguita da una pianificazione dettagliata. Una transizione inclusiva richiederebbe 8-10 anni, quindi è positivo che il governo stia prendendo in considerazione queste questioni ora, in modo che l’industria possa essere pronta per qualsiasi cambiamento entro l’inizio degli anni ’30.