storia del giorno

Il 1 ottobre 1791 Maria Antonietta d’Austria viene eletta regina dei Francesi

di |

Questa data cade in un limbo per l’ultima regina dell’Ancien Régime: nel 1791, Maria Antonietta non è più sovrana di Francia per volontà divina, ma ‘solo’ regina dei francesi, in un percorso verso la monarchia costituzionale. Andrà male e, come sappiamo, la regina morirà solo due anni più tardi.

Imaginarea” è la finestra quotidiana di Inarea, la società di design, leader nel campo del branding, che ci accompagnerà quotidianamente con immagini e storie, scandendo ricorrenze, curiosità ed eventi legati a quella particolare data..

Questa data cade in un limbo per l’ultima regina dell’Ancien Régime: nel 1791, Maria Antonietta non è più sovrana di Francia per volontà divina, ma ‘solo’ regina dei francesi, in un percorso verso la monarchia costituzionale. Andrà male e, come sappiamo, la regina morirà solo due anni più tardi.

Ma a parte questa triste fine, Maria Antonietta (1755-1793) è sempre stata poco simpatica al popolo di Francia: un po’ per l’aspetto pingue del marito, che stonava dovunque lo si posasse, un po’ per la particolare ‘stoffa’ di questa signorina, per cui non c’era trementina che tenesse. Su di lei, però, esiste anche un profluvio di luoghi comuni e quel “se non hanno più pane, che mangino brioche” non è che il più noto, ma forse anche il più falso. Era, infatti, un modo di dire in voga alla corte francese del tempo; ma probabilmente la regina non l’ha mai detto. 

Nel 2006, la regista Sofia Coppola fa spuntare dal guardaroba di Maria Antonietta un paio di Converse lilla. Ma la storia, in realtà, aveva già fatto tutto da sola: nel 1783, un dipinto della regina (oggi al Met), veniva ritirato dal Salon perché la sovrana vi era raffigurata in un abito di mussolina. Era come mostrarsi al mondo in abbigliamento intimo, o in pigiama. 

Eppure, se questo stile è arrivato fino a Madonna, a Dolce & Gabbana o a “Sex and the City”, di una cosa siamo certi: alla pari del metro che fu introdotto a sua volta in quegli anni (1791), ci sono delle affermazioni che non trovano accoglienza e consenso immediati, ma nel tempo diventano unità di misura per tutti.