Auto connesse

Autostrade 5G, anche l’Italia con il Brennero sigla l’accordo Ue

Siglato a Bruxelles l’accordo per partecipare al progetto Ue di sviluppo di corridoi transfrontalieri per la sperimentazione di mezzi di trasporto a guida automatizzata.

di Paolo Anastasio | @PaoloAnastasio1 |

Alcuni stati europei, fra cui l’Italia, hanno siglato un accordo per la creazione di corridoi autostradali transfrontalieri per effettuare i primi test di coonected cars e mezzi di trasporto a guida automatizzata come camion. Il progetto rientra nel più ampio quadro di sviluppo di “un ambiente favorevole allo sviluppo di un ambiente di test e sviluppo della tecnologia 5G”. Lo ha reso noto la Commissione Ue in occasione del Digital Day che si è tenuto due giorni fa a Bruxelles, nell’ambito di un accordo quadro siglato dai 27 stati membri per la fase sperimentale del 5G a livello cross-border.

L’Italia con il Brennero parteciperà al progetto Ue delle ‘autostrade 5G’ per la mobilità connessa e automatizzata, dopo una lettera congiunta inviata alla Commissione Ue da parte dei presidenti dell’Euroregione Tirolo-Sud Tirolo-Trentino e una lettera del ministro dei Trasporti Graziano Delrio. Si tratta dell’iniziativa lanciata a settembre dello scorso anno per una prima serie di corridoi di prova su larga scala per lo sviluppo delle tecnologie 5G che consentono tra l’altro la guida automatizzata di mezzi di trasporto pesanti come i camion.

Trento, Bolzano e Sud Tirolo intendono quindi avviare questa cooperazione, aperta anche ad altri stati membri interessati, per il corridoio 5G dell’autostrada del Brennero, da cui transitano ogni anno 60 milioni di veicoli. Spagna e Portogallo hanno intanto formalmente già firmato oggi un memorandum d’intesa per testare la guida automatizzata tra Vigo e Porto e tra Evora e Mérida, mentre è stata avviata anche la collaborazione per la realizzazione del corridoio dei Balcani occidentali tra Bulgaria, Grecia e Serbia lungo l’asse Belgrado-Sofia-Salonicco. Fra le altre iniziative già avviate, quella tra Francia, Germania e Lussemburgo per il corridoio Lussemburgo-Metz-Merzig; quella tra Norvegia, Finlandia e Svezia con il corridoio E8 tra Tromso (Norvegia) e Ouolo (Finlandia) e l’E18 Helsinki-Stoccolma-Oslo. Infine, anche Belgio e Olanda con il corridoio Rotterdam-Anversa-Eindhoven.

La Commissione Ue spinge per la realizzazione di una rete di centinaia di chilometri di corridoi autostradali connessi, dove le sperimentazioni saranno condotte fino a consentire che “un’auto possa funzionare da sola, in presenza di un guidatore e a precise condizioni”. La Commissione considera le autostrade connesse una priorità e per questo annuncia il suo impegno per la risoluzione di tutte le problematiche in tema di sicurezza, privacy e gestione dei dati.

In questo senso, il commissario per l’Agenda Digitale Ue Andrus Ansip punta sull’accordo nelle prossime settimane degli stati membri sul nuovo pacchetto telecom “per aiutare il 5G a diventare realtà”, nel quadro dell’attuazione del Digital Single Market.

Sempre in occasione del Digital Day, 25 stati membri hanno siglato un accordo di collaborazione per lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale. Infine, la Commissione Ue ha lanciato un fondo pan-europeo di venture capital, un fondo dei fondi nel quadro del programma VentureEU, per spingere investimenti in start up innovative in Europa. Il fondo ha l’obiettivo di raccogliere 2,1 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati.

Per saperne di più su: 5G

© 2002-2018 Key4biz

Instant SSL