Europa 2020. Kroes: nuove reti ‘Ossigeno digitale’ e per tornare a crescere, ‘Alzare i limiti dell’economia in modo sostenibile’

di Alessandra Talarico |

Europa


Neelie Kroes

La prosperità dell’Europa è in declino: 20 anni di sforzi sono stati spazzati via per rimborsare il debito pubblico e 7 milioni di persone si sono aggiunte alle liste di disoccupazione. Numeri che rispecchiano un grande sconvolgimento sociale che sarà difficile da superare.

 

Bisogna dunque che governi nazionali e istituzioni europee “alzino i limiti di velocità dell’economia, in maniera sostenibile”. Lo ha affermato il Commissario Ue per la Digital Agenda Neelie Kroes intervenendo all’ICT Business Summit TEFAF.

Certo, è più facile a dirsi che a farsi, ma è anche importante darsi degli obiettivi il più possibile ambiziosi e fare del proprio meglio per raggiungerli. La Commissione ne ha fissati 5, da realizzare entro il 2020: : il 75% delle persone di età compresa tra 20 e 64 anni deve avere un lavoro; il 3% del PIL Ue deve essere investito in R&S; i traguardi “20/20/20” in materia di clima/energia devono essere raggiunti; il tasso di abbandono scolastico deve essere inferiore al 10% e almeno il 40% dei giovani deve avere una laurea o un diploma; 20 milioni di persone in meno devono essere a rischio di povertà.

 

Al centro di questi obiettivi, c’è l’Agenda Digitale, il piano di lavoro a cui la Kroes si dedicherà per i prossimi 5 anni e che consiste di 6 temi principali, che avranno un forte impatto sulla vita e le attività quotidiane di cittadini e aziende:

 

Internet veloce: ha spiegato la Kroes, “è la dorsale del business del futuro. A velocità come 100Mbps, si possono inviare e ricevere importanti informazioni alla velocità di un battito di ciglia”.

 

Mercato Unico Digitale: “Siete stanchi delle difficoltà riscontrate quando si cerca di acquistare o vendere qualcosa online al di la dei confini nazionali? Il nostro obiettivo è di porre fine a questo patchwork di mercati nazionali”.

 

Cittadinanza digitale: “Hai bisogno di lavoratori qualificati, di accedere ai servizi pubblici online, di proteggere i tuoi diritti online? Il mio ruolo di coordinatore – ha detto la Kroes – renderà presto tutto questo una realtà”.

 

Priorità alla ricerca e all’innovazione nell’ICT: “Le nuove tecnologie non nascono per caso. Ci vogliono sangue, sudore e lacrime, ma anche molti soldi. Ci mobiliteremo per creare gli incentivi per ottenere più fondi pubblici e privati da destinare alla R&S e per sostenere gli imprenditori attraverso tutto il ciclo di vita della loro innovazione”.

 

Fiducia e Sicurezza: “Potrebbe sembrare ovvio, ma se non ci si fida della tecnologia, non la si usa: non dimenticheremo questo assunto basilare nella nostra strategia”.

 

Interoperabilità: “Una società digitale non può non decollare se le sue diverse parti e applicazioni sono interoperabili e basate su piattaforme e standard aperti”.

La Kroes ha assicurato che il suo team si concentrerà su azioni concrete, in grado di “…unire infrastrutture e regole con le idee e le energie dei cittadini.”

Il Commissario si è quindi soffermato sulla necessità delle infrastrutture internet di nuova generazione: “Ossigeno digitale” per le persone, le aziende e i servizi pubblici.

“Molto è stato fatto per aiutare le persone anziane a essere indipendenti e a monitorare la salute da casa. Coinvolgendo le autorità provinciali e diverse aziende, questo lavoro sta aiutando a migliorare la qualità della vita, a creare nuovi posti di lavoro e a risparmiare soldi pubblici”.

 

Una copertura a banda larga totale è, tuttavia, cruciale per massimizzare questi benefici e per raggiungere gli obiettivi che l’Europa si è prefissata è necessario che settore pubblico e privato lavorino insieme.

 

Gli investimenti nell’internet ad alta velocità sono ‘orizzontali‘ in grado cioè di far crescere tutti i settori e la produttività, aiutando, ad esempio, a essere più efficienti dal punto di vista energetico, a promuovere l’inclusione sociale o a guidare il settore pubblico verso una maggiore efficienza.

“E’ impressionante quanto ampio sia l’impatto e quanto la qualità della nostra vita sia direttamente collegata agli investimenti nell’infrastruttura internet “, ha aggiunto la Kroes.

 

La banda larga è essenziale per tutte le imprese – soprattutto le più piccole – affinché esse possano avere accesso al più grande mercato possibile, possano vendere o ottenere beni e servizi in maniera rapida e al prezzo più conveniente.

Per i governi, invece, l’infrastruttura broadband è un fattore chiave per affrontare problemi quali l’invecchiamento della popolazione e i problemi di esclusione sociale.

 

“Buone reti e un’ampia copertura sono dunque prerequisiti fondamentali perché l’Europa torni a crescere”, ha affermato la Kroes, ricordando che molti Stati si sono dotati di un piano per la transizione verso le nuove infrastrutture: la Francia con Numérique 2012, la Gran Bretagna con Digital Britain. La Germania con la Breitbandstrategie conta di garantire connessioni da 50 Mbps al 75% della popolazione.

“C’è bisogno – ha affermato il Commissario – di piani nazionali così, ma anche di coordinazione a livello europeo per massimizzare i vantaggi del mercato unico digitale e rendere l’Europa un luogo più attraente per gli investitori”.

 

Il presidente Barroso la scorsa settimana ha sottolineato che, “Dobbiamo costruire un nuovo modello economico basato su conoscenza, economia a basse emissioni di carbonio e alti livelli di occupazione e questa battaglia impone di mobilitare tutte le forze presenti in Europa”.

Più di questo – ha aggiunto la Kroes – “dobbiamo essere affamati di questa crescita ed essere consapevoli che non ci sono più profitti e crescita facile” e, soprattutto, non si debbono commettere errori: “…il resto del mondo sta lavorando sodo per la crescita e la realizzazione di tali piani. Cina, Brasile, Messico e Australia non sono fermi a pensare ma stanno cercando di superare i propri limiti in termini di riforme e innovazione e innovare e l’Europa – ha concluso – deve fare lo stesso”.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia