Nell’era digitale, carta e penna restano ancora regine degli uffici italiani

di |

Una ricerca condotta da HP a livello internazionale rivela che l’Italia è tra i primi Paesi in Europa ad utilizzare carta e penna in ufficio. È ultima, invece, nel pensare al lavoro nel tempo libero.

Italia


Carta e penna

“Verba volant scripta manent” dicevano gli antichi Romani. Niente di più vero: nonostante la nostra sia considerata l’era del digitale, carta e penna rimangono strumenti fondamentali per prendere le decisioni in ufficio.

 

E’ quanto emerge da una ricerca commissionata da HP nelle piccole e medie imprese di tutta Europa.  L’indagine ha l’obiettivo di verificare l’importanza dei materiali stampati sul posto di lavoro ed è stata condotta su un panel di sette Paesi europei: Francia, Germania, Italia, Olanda, Russia, Spagna e Gran Bretagna.

 

La Germania, con il 91% degli intervistati che afferma di fare uso di carta e penna in ufficio sempre o di solito, detiene il primato, mentre in Italia ben il 79% degli impiegati dichiara di usare carta e penna nei momenti di lavoro cruciali o prima di una riunione. Di questi il 52% ne fa uso sempre. Con il 57% si piazzano ultimi, invece, gli Olandesi, che ai fogli di carta preferiscono il computer.

 

“Nonostante l’importanza del computer nella vita quotidiana, per gli Italiani carta e penna in ufficio rimangono strumenti insostituibili. Come dimostrano i dati, in Italia l’era del lavoro senza la carta non è ancora arrivata”, ha commentato Marco Lanfranchi, IPG LaserJet & Enterprise Solutions Director, HP Italiana.

 

Dall’indagine emergono inoltre indicazioni sull’uso che le nuove generazioni di impiegati fanno del materiale cartaceo: l’84% dei lavoratori di piccole e medie imprese tra i 16 e i 24 anni fa uso di materiali stampati o scritti a lavoro, rispetto al 59% degli intervistati tra i 55 e i 64 anni.

 

Sono proprio gli impiegati più giovani, poi, ad essere i più flessibili a lavoro: il 47% del profilo più giovane risulta pronto a prendere le decisioni di lavoro in viaggio da e verso l’ufficio (su una media europea di tutte le fasce d’età del 36%), il 38% usa il weekend per valutare le decisioni (contro il 28% degli europei), e il 17% riflette sulle decisioni in vacanza.  

 

La ricerca rivela inoltre che i manager italiani, con il 10% degli intervistati pronti ad ammetterlo, pensano meno di tutti al lavoro durante il tempo libero. Un po’meglio di noi fanno solo i Francesi e gli Inglesi, col 25% degli intervistati a lavoro nel fine settimana. Stacanovisti del weekend sono invece i Russi che passano la maggior parte dei loro momenti liberi pensando al lavoro. Il 36% di loro, infatti, afferma di lavorare anche durante i periodi di riposo.

 

“Questa ricerca è significativa per capire i diversi approcci al lavoro e le specifiche necessità. I nostri servizi per le piccole e medie imprese assicurano che i prodotti rispondano a tutte le esigenze di lavoro”, ha commentato Chiara Radice, IPG LaserJet & Enterprise Solutions Category e Marketing Manager, HP Italiana.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2023 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia