Web Tv: P2p-Next riceve 10 mln di euro dalla Ue. G. Wright (BBC), ‘Fondi sufficienti per potenziare Tribler e lo streaming live’

di Raffaella Natale |

Unione Europea


P2P

Un consorzio europeo di 21 partner comprendenti emittenti televisive e istituti di ricerca ha ricevuto una sovvenzione pari a 10 milioni di euro dalla Ue per elaborare nuove forme di televisione via Internet. Nei prossimi quattro anni il progetto P2p-Next studierà applicazioni peer-to-peer al fine di sviluppare un sistema di prossima generazione di distribuzione della televisione online.

 

Impiegando le reti a banda larga già esistenti, ogni computer partecipante, denominato “peer”, funziona sia come client, sia come server per una data applicazione. Un network P2p consente di condividere file di contenuti o flussi di audio, video e dati.

 

George Wright, capo del dipartimento Future Media & Technology della BBC, ha dichiarato: “Stiamo creando un nuovo sistema peer-to-peer legale, basato su software free-open source a piattaforma incrociata”.

Il progetto si sviluppa intorno a Tribler, una tecnologia core sviluppata dal Politecnico di Delft sulla falsa riga del protocollo peer-to-peer di BitTorrent ma questa volta in grado di supportare lo streaming live.

 

Sulla base di Tribler, ha detto ancora Wright, “…disponiamo di fondi sufficienti per i prossimi quattro anni per fornire una serie di potenziamenti di Tribler, comprendenti lo streaming P2p dal vivo, un’interfaccia utente migliorata, raccomandazioni incorporate e molto altro”.

Oltre alla BBC, sono partner del progetto anche il Politecnico di Delft, la European Broadcasting Union, l’Università di Lancaster, Markenfilm, Pioneer Digital Design Centre Ltd e il centro di ricerca tecnica finlandese Vtt.

 

La BBC utilizzerà il nuovo client BitTorrent per lo streaming di alcuni dei suoi programmi televisivi.

 

I finanziamenti saranno spalmanti in quattro anni, per permettere a Tribler di migliorare e diffondere un numero sempre maggiore di contenuti.

La tecnologia potrebbe, infatti, essere potenzialmente integrata nei servizi video on demand (Vod); si sta inoltre pianificando il modo di provare il sistema nell’ambito di importanti eventi televisivi su un’ampia gamma di dispositivi per i consumatori. Il progetto intende rendere disponibili le tecnologie software core come open source, sperando di poter fare emergere nuovi modelli aziendali.

 

Secondo gli analisti, circa il 50% degli utenti utilizza BitTorrent per scaricare show televisivi dalla rete. P2P-Next quindi tenterà di aiutare i vari broadcaster a raggiungere target specifici di utenti.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2021 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia