Blitz in Cina: smantellata associazione di contraffattori software. Sequestrati prodotti per 2 mld di dollari

di |

Centinaia di clienti Microsoft hanno fornito prove per aiutare l’FBI e il Public Security Bureau cinese a smantellare il sistema criminale.

Mondo


Microsoft

Al culmine di un’investigazione pluriennale contro la maggiore associazione di contraffattori di software situata nella provincia di Guangdong, nel sud della Cina, l’FBI e il PSB (Public Security Bureau) Cinese sono arrivati al cuore dell’organizzazione, che produceva e commercializzava illegalmente software Microsoft, componenti software e certificati di autenticità.

 

Le forze dell’ordine e gli specialisti del settore, che hanno utilizzato informazioni a disposizione dell’FBI di Los Angeles e di Microsoft, hanno identificato numerose fabbriche coinvolte nella produzione di CD, punto di partenza dei prodotti Microsoft contraffatti che venivano venduti ad aziende e consumatori in tutto il mondo.

 

I software contraffatti, trovati in 27 paesi e in 5 continenti, contenevano versioni falsificate di 13 dei prodotti Microsoft più popolari – incluso Windows Vista, Microsoft Office 2007, Office 2003, Windows XP e Windows Server. I prodotti contraffatti sono stati prodotti in almeno 8 lingue: croato, olandese, inglese, tedesco, italiano, coreano, spagnolo e cinese semplificato.

 

“Microsoft apprezza profondamente il lavoro del PSB nell’intraprendere una così forte azione di polizia, con blitz e arresti avvenuti nel sud della Cina”, ha dichiarato Brad Smith, Senior Vice President e General Counsel di Microsoft. “Questo caso rappresenta una pietra miliare nella lotta contro la pirateria software – governi, forze dell’ordine e aziende private hanno lavorato insieme con clienti e rivenditori di software per porre fine a questa associazione internazionale di contrabbando. Questo dovrebbe servire come monito per i contraffattori. Clienti di tutto il mondo stanno denunciando il fatto, governi e forze dell’ordine stanno facendo del loro meglio e le aziende private agiranno in modo deciso per proteggere la proprietà intellettuale”.

 

All’organizzazione criminale sono stati attribuiti oltre 55.000 copie di software contraffatte di qualità avanzata: questi prodotti contraffatti sono stati confiscati dalla polizia e dalle autorità doganali attraverso le segnalazioni ricevute dai clienti e partner Microsoft, ma si ritiene che i 55.000 CD esaminati costituiscano meno del 1% delle milioni di copie contraffatte che si stima siano state prodotte e distribuite nei paesi di tutta Europa, Medio Oriente, Asia, Australia, USA e Canada. A seguito di queste azioni si prevede un’importante diminuzione del volume di software contraffatto nei paesi del mondo.

 

I clienti Microsoft e i rivenditori software hanno giocato un ruolo di primo piano nell’aiutare FBI e PSB a identificare e costruire il caso contro l’associazione di contraffattori basata in Cina. Decine di migliaia di clienti si sono avvalsi della tecnologia anti-piracy Microsoft Windows Genuine Advantage per identificare il software falso che stavano usando. Più di 1.000 di questi clienti hanno successivamente sottoposto le copie fisiche contraffatte di Windows XP ad analisi. In questo modo Microsoft è stata in grado di collegarle all’associazione dei contraffattori. Inoltre, più di 100 rivenditori Microsoft hanno giocato un ruolo chiave per rintracciare il software contraffatto e hanno fornito la prova fisica per procedere per vie legali, come messaggi eMail, fatture e pagamenti.

 

“La prova fornita dai clienti attraverso lo strumento di reporting Microsoft relativo alla pirateria è risultato essenziale per rintracciare questa associazione criminale”, ha dichiarato David Finn, Associate General Counsel per il Worldwide Anti-Piracy e Anti-Counterfeiting di Microsoft. “È nostro dovere proteggere gli utenti con la massima serietà dai rischi legati al software contraffatto in termini di produttività e sicurezza, e siamo costantemente impegnati a educare i clienti su cosa prestare attenzione e cosa evitare, a sviluppare innovazioni che permettano di proteggere il software in maniera ottimale e a perseguire legalmente tutte le azioni criminali quando sia necessario, allo scopo di proteggere clienti e partner”. 

 

Globalmente, la contraffazione sottrae ogni anno all’industria del software circa 40 miliardi di dollari. Il fatturato perso dall’industria è solo all’inizio; il quarto studio annuale di BSA e IDC sulla pirateria del software a livello globale (maggio 2007) ha stimato un tasso di pirateria informatica a livello mondiale pari al 35% nel 2006. Secondo lo studio, la riduzione di questo tasso di solo il 10% nei prossimi quattro anni potrebbe potenzialmente generare 2.4 milioni di nuovi posti di lavoro, una crescita economica di 400 miliardi di dollari e 67 miliardi di dollari di nuovo gettito fiscale per l’economia mondiale. Solo negli ultimi 18 mesi la polizia ha sequestrato più di 914.177 unità di software Microsoft contraffatto in tutto il mondo.

 

Microsoft ha lanciato Genuine Software Initiative nel 2006 e da allora ha intensificato i suoi sforzi per proteggere i clienti e i partner di canale dai rischi di software contraffatti attraverso un’attenzione crescente sull’educazione, la progettazione di software e numerosi controlli.

Come parte della Genuine Software Initiative, Microsoft sta continuando a investire in tecnologie anticontraffazione e funzionalità di prodotto che consentano di proteggere la proprietà intellettuale e avvertano i consumatori della presenza di software contraffatto. 
Windows Genuine Advantage permette ai clienti di convalidare da remoto il loro software, dando agli utenti il potere di verificare se stanno utilizzando software originale. Dal luglio 2005, 512 milioni di utenti in tutto il mondo hanno convalidato la loro copia di Windows attraverso Windows Genuine Advantage. Nel 2006 ci sono state quasi 400 milioni di convalide, con un tasso di non conformità del 22,3 per cento.