Contraffazione e pirateria: la Ue propone misure penali per i reati contro la proprietà intellettuale

di |

Unione Europea


CD

La Commissione europea ha adottato una proposta di direttiva sulla lotta contro i reati di proprietà intellettuale che modifica la proposta già approvata il 12 luglio 2005. La Commissione trae così le conseguenze della sentenza della Corte del 13 settembre 2005 nella causa C-176/03, secondo la quale le disposizioni di diritto penale necessarie per l’effettiva attuazione del diritto comunitario sono materia di diritto comunitario. Di conseguenza, viene ritirata la proposta di decisione quadro relativa al rafforzamento del quadro penale per la repressione delle violazioni della proprietà intellettuale e le sue disposizioni sono ormai integrate nella proposta modificata di direttiva.


Secondo il vicepresidente della Commissione europea Franco Frattini, responsabile per il portafoglio Giustizia, Libertà e Sicurezza, il nuovo dispositivo proposto dalla Commissione costituisce l’aspetto penale della lotta contro la contraffazione e la pirateria in Europa. Il ravvicinamento effettivo del diritto penale degli Stati membri in questo settore rappresenta la base minima per condurre insieme un’azione incisiva volta a sradicare un fenomeno che arreca grave pregiudizio all’economia.

 

Attualmente le organizzazioni criminali investono in queste attività, che sono spesso più lucrative di altri traffici e ancora poco represse. I contraffattori e i pirati danneggiano imprese legittime e sono una minaccia per l’innovazione. Inoltre, in molti casi le contraffazioni sono pericolose per la salute e la sicurezza pubblica.

Le misure proposte sono volte a promuovere un ravvicinamento effettivo delle legislazioni penali e a migliorare la cooperazione europea per una lotta efficace contro gli atti di contraffazione e di pirateria, che sono frequentemente commessi da organizzazioni criminali, comportano spesso rischi per la salute e la sicurezza e ledono gravemente numerosi settori dell’economia europea.

 

Il dispositivo proposto si dovrà applicare a tutti i tipi di reati contro i diritti di proprietà intellettuale. La proposta di direttiva considera illecito penale qualsiasi attacco deliberato al diritto di proprietà intellettuale commesso su scala commerciale, compresi il tentativo, la complicità e l’incitazione.

 

La proposta stabilisce sanzioni penali minime per chi commette le infrazioni: quattro anni di reclusione per infrazioni commesse nell’ambito di un’organizzazione criminale o che comporti un rischio grave per la salute o la sicurezza delle persone. La sanzione pecuniaria comminata dovrà essere di almeno 100 000 EUR, o di 300 000 EUR se vi è collegamento con un’organizzazione criminale o rischio per la salute o la sicurezza delle persone. La proposta consente agli Stati membri di irrogare sanzioni più severe.

 

Per prendere visione delle statistiche aggiornate sulla contraffazione, clicca qui

 

La redazione di Key4biz.it esprime il proprio cordoglio per la morte a Nassyria degli italiani impegnati in Missione di Pace e la sentita partecipazione al dolore delle loro famiglie.
Il mondo ICT non è un’isola separata dal resto del mondo.

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2021 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia