Spammig: 13 Paesi Ue si alleano per combattere le email spazzatura

di |

Europa



Le Autorit&#224 di 13 Paesi membri della Ue hanno avviato un piano comune che prevede la condivisione di informazioni e la collaborazione nelle indagini contro lo spam, l¿invio massiccio di email commerciali non sollecitate.

L¿azione comune faciliter&#224 l¿individuazione dei colpevoli e consentir&#224 di agevolare le azioni legali contro gli spammer.

Il Commissario europeo per la Societ&#224 dell¿informazione e i Media, Viviane Reding, plaudendo all¿iniziativa ha invitato tutti gli Stati membri della Ue ad aderire al progetto: ¿Le autorit&#224 degli Stati membri incaricati di fare applicare la legge devono essere in grado di agire efficacemente contro lo spam che proviene da altri Paesi comunitari, anche se al momento la maggior parte di queste email arriva da Paesi terzi¿.

La Reding ha aggiunto che, contemporaneamente a questo accordo, si sta lavorando con i Paesi terzi sulla base di accordi bilaterali e nell¿ambito di alcuni forum internazionali, come l”OCDE e l¿International Telecommunication Union (ITU), per combattere il fenomeno dello spamming.

L¿accordo, che definisce una procedura legale comune per le azioni transnazionali in materia di spam, &#232 stato raggiunto attraverso la rete dei contatti delle Autorit&#224 antispam (Contact network of spam enforcement authorities – CNSA), creata per iniziativa della Commissione con la comunicazione del gennaio 2004.

La CNSA facilita la condivisione di informazioni e delle pratiche migliori per fare applicare le leggi antispam adottate dalle Autorit&#224 nazionali della Ue e da quelle dell¿EEA.

Le Autorit&#224 nazionali che hanno gi&#224 aderito all¿accordo sono: il ministero austriaco dei Trasporti, dell¿Innovazione e della Tecnologia, la Commissione belga della Privacy e del servizio pubblico federale, l¿Ufficio cipriota del commissario per la protezione dei dati personali, l¿Autorit&#224 ceca per la protezione dei dati, il Mediatore danese per la tutela dei consumatori, la Commissione francese per la protezione dei dati (CNIL), l¿Autorit&#224 greca per la protezione dei dati.

Ma anche la direzione ¿Comunicazioni¿ del ministero irlandese dei Trasporti, della Marina e delle risorse naturali e l¿ufficio del commissario per la protezione dei dati. E poi le Autorit&#224 competenti della Lituania, di Malta, dei Paesi Bassi e della Spagna. Per l¿Italia, all¿iniziativa ha aderito il Garante Privacy.

I Paesi che hanno firmato l¿accordo agiranno in comune contro le azioni legali avviate da parte di Paesi terzi, in modo da colmare le lacune di cui si avvantaggiano gli spammer e i pirati di dati.

L¿accordo si poggia sull¿esperienza crescente dei servizi di lotta allo spam in materia di cooperazione transnazionale.

Recentemente, per esempio, le Autorit&#224 francesi per la privacy hanno collaborato con quelle belga per fermare un¿operazione di spamming.

Questa forma di cooperazione ha anche permesso di perseguire un¿organizzazione che utilizzava lo spam per attirare i consumatori verso servizi di comunicazione a tariffe maggiorate.

Recenti azioni della Commissione Ue in materia di spamming

Raffaella Natale

Per ulteriori approfondimenti, consulta:

Archivio delle news sullo spam

© 2005 Key4biz.it

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia