A rischio il futuro della banda larga: i big europei delle Tlc e degli ISP contro le modifiche alla Direttiva IPR

di |

Italia



Cresce sempre pi&#249 in tutta Europa l¿attenzione nei confronti della Direttiva sull”enforcement dei diritti di propriet&#224 intellettuale (IPR).

I maggiori operatori di telecomunicazioni di 34 paesi europei (tra cui spicca la presenza di Deutsche Telekom, British Telecom, Telecom Italia, France Telecom e Telefonica) hanno lanciato un preciso allarme: sulla proposta di direttiva pesano proposte di emendamenti che rischiano di bloccare lo sviluppo della banda larga. Lo afferma un comunicato appena diffuso dall”ETNO, l”Associazione europea degli Operatori Nazionali di Telecomunicazione, che rende conto dell”Assemblea Generale dell¿associazione appena svoltasi a Malta.

Alcuni parlamentari europei (su tutti, come noto, l¿europarlamentare francese M.me Fourtou, relatrice presso il Comitato Giustizia del Parlamento Europeo) hanno recentemente apportato all”originaria formulazione della proposta di Direttiva degli emendamenti che portano ad ampliare l”ambito di applicazione della Direttiva medesima, originariamente finalizzata a combattere la contraffazione e la pirateria, sino a ricomprendere anche atti che non siano mossi da un intento commerciale ovvero atti che non creano un pregiudizio significativo ai titolari dei diritti coinvolti.

¿Ci&#242 potrebbe avere rilevanti conseguenze per il settore e i consumatori¿ , ha sottolineato nella nota Michael Bartholomew, direttore di ETNO, avvertendo in sostanza che si rischia di incriminare i normali utenti di internet anche per violazioni assolutamente casuali e non volute e per giunta a prescindere dall”entita” del danno causato.

¿Si pensi, ad esempio, ai download di file ad uso strettamente personale da parte dei consumatori ¿ ha proseguito Michael Bartholomew ¿ ¿le conseguenze? Un inevitabile effetto di demotivazione e scoraggiamento per l”uso della banda larga e, pi&#249 in generale, dell”industria di Internet, con ripercussioni a catena su operatori di rete, internet provider, fornitori di contenuti e titolari di diritti di propriet&#224 intellettuale. E questo, nonostante il fenomeno del peer-to-peer abbia portato a galla una potenziale domanda di contenuti considerevole, che potrebbe rappresentare il volano per il definitivo sviluppo della banda larga e il rilancio dell”economia europea in un periodo di stagnazione. Senza considerare il fatto che in questo modo si arriverebbe a perseguire anche i cosiddetti ””reati bagatellari””, reati cio&#232 privi di una vera e propria lesivit&#224 e avvertiti come tali solo dalla coscienza del legislatore con eccessivo dispendio di risorse pubbliche (da parte dei tutori dell”ordine) e private (da parte degli operatori di rete e degli ISP chiamati ad un”improba attivita” di monitoraggio) e con un effetto paradossale, simile a quello che si avrebbe cercando di pescare un branco di sardine con una rete da calcio¿.

Parallelamente anche l”EuroISPA, l”Associazione dei Services Providers Europei, a cui aderisce per l”Italia l”AIIP, Associazione Italiana Internet Providers, unitamente alle corrispondenti associazioni degli ISP della Spagna, Francia, Austria, Germania, Irlanda, Olanda ed UK ( per un totale di oltre 800 ISP) &#232 contraria ad un”estensione dello scopo della Direttiva e supporta gli emendamenti che limitano le finalit&#224 di contraffazione.

In particolare EuroISPA si &#232 dichiarata favorevole a tutti quegli emendamenti che:

  • conferiscono ai diritti di informazione del rightholder una maggiore certezza giuridica (procedure di autorizzazione dell”autorit&#224 giudiziaria), secondo criteri di proporzionalit&#224 e ragionevolezza della rihiesta del rightholder.

  • escludono la figura dell”ISP (operatore intermedio) dalla “partecipazione” alla violazione.

Le richieste di EuroISPA sono principalmente motivate dalla necessit&#224 che la direttiva enforcement non pregiudichi l”attuale E-commerce Directive, che stabilisce il principio generale di mere conduit dell”operatore Internet.

¿Riteniamo che la proposta iniziale della Commissione sia ragionevole ¿ ha commentato Luigi Gambardella, Presidente di Puntoit ¿ In particolare, con riferimento specifico al campo di applicazione. La Commissione ha proposto infatti di limitare lo scopo della Direttiva a violazioni commesse a fini commerciali o che creano danni considerevoli ai titolari dei diritti. A noi sembra un approccio equilibrato¿.

Raffaele Barberio

Leggi anche:

Pirateria DVD: il presidente di Gaumont parla di eventuale ¿limite alla copia privata¿

CD-DVD: dopo la Ue anche gli Usa discutono sulle norme contro la pirateria

Ma chi difende internet? L¿appello alle istituzioni ed alle associazioni di settore

Beneficiari inconsapevoli inconsapevolmente vessatori?

Rischi per il futuro: la Ue discute discute di propriet&#224 intellettuale e scoppia la polemica

Internet dal futuro incerto: battaglia su Direttiva Ue e propriet&#224 intellettuale. Presa di posizione di Fiori e Bartolozzi

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2022 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia