L¿adesione di Castagnetti: ¿contribuire all¿iter della legge¿. La testimonianza di Nicola Cuomo

di |

Italia



Nuove adesioni alla campagna lanciata da Puntoit e Key4biz.it a sostegno della proposta di legge Campa-Palmieri per la piena accessibilit&#224 dei siti internet della Pubblica Amministrazione e dei siti di pubblica utilit&#224 a favore dei disabili.

Dal Parlamento giunge l¿adesione importante e significativa dell¿On. Pierluigi Castagnetti, presidente del gruppo della Margherita, DL-L¿Ulivo alla Camera e membro della Commissione Politiche dell¿Unione Europea.

E¿ un¿adesione importante perch&#233 espressa dal Presidente di un gruppo parlamentare rappresentativo e significativa perch&#233 proveniente dalle forze di opposizione, a testimonianza di come questa campagna pu&#242 far superare, su un tema cos&#236 particolare, tutte le tradizionali divisioni tra le forze politiche.

¿La campagna lanciata da Puntoit e Key4biz.it ¿ ha dichiarato l¿On. Pierluigi Castagnetti – merita l¿attenzione del Parlamento intero, perch&#233 agisce da impulso e stimolo al processo di sensibilizzazione dei cittadini e della Pubblica Amministrazione sui temi delle disabilit&#224, temi per i quali il nostro Paese ancora tanta strada deve percorrere¿.

¿Un sito web, infatti, per essere ¿navigabile¿ deve soddisfare i bisogni primari del singolo utente, cio&#232 informarlo, rendendo semplici e veloci i processi di navigabilit&#224 e acquisizione dell¿informazione, consentendo un adeguato livello di comprensione dei contenuti. Esistono gi&#224 delle linee guida standard per la realizzazione dei siti web, (W3C) ¿ ha concluso l¿On Pierluigi Castagnetti – ma dobbiamo fare molto di pi&#249, rendere internet quella grande, inesauribile fonte di informazione e comunicazione accessibile a tutti, senza restrizioni e vincoli di alcun modo, per uno Stato sempre pi&#249 vicino al cittadino.¿

E a conferma dello spirito unitario che sta accompagnando questa proposta di legge, vorremmo ricordare come tra i tanti parlamentari che hanno gi&#224 firmato figurino tanti esponenti delle opposizioni, da Pietro Folena a Katia Belillo, da Carla Rocchi a Renzo Lusetti.

Parallelamente, si registrano tante adesioni dal mondo del sociale. Adesioni di cui vi daremo debitamente conto domani, per dar spazio ad una ¿testimonianza dall¿interno¿. Abbiamo raggiunto un testimone attento quale il Nicola Cuomo, docente di Pedagogia presso il Dipartimento di Scienze dell”Educazione dell¿Universit&#224 di Bologna, fondatore dell¿Associazione “Emozione di Conoscere” (www.unibo.it/emozione ) e ricercatore in ambito delle problematiche didattico-pedagogiche per l”integrazione dei diversamente abili nella scuola e nel mondo del lavoro. Nicola Cuomo &#232 non vedente.

D. Professor Cuomo, l¿associazione di cui lei &#232 fondatore ha come obiettivo primario anche quello di promuovere e realizzare attivit&#224 ed iniziative di carattere formativo per i disabili, con l¿obiettivo di superare i noti gap esistenti. Nel concreto, quali sono gli strumenti pratici da lei individuati per colmare questo gap?

R. ¿Nell¿ambito della nostra attivit&#224 noi facciamo formazione, informazione e ricerca. Nel concreto, quindi, il lavoro di tutti noi consiste nel determinare situazioni e contesti, sia fisici che relazionali, che permettano il superamento delle barriere create dagli handicap, grazie alla creazione di quelle condizioni culturali che sviluppino il supporto umano necessario affinch&#233 si realizzi l¿equazione ambiente uguale risorsa. Con la speranza che la cultura, innanzitutto un nuovo modo di porsi di fronte al problema, costituisca il primo gradino per il successivo superamento di tutti quegli ostacoli pratici, cui la legge pu&#242 portare rimedio¿.

D. Professore Cuomo, ritiene che la proposta Campa-Palmieri, una volta divenuta legge, possa realmente contribuire all¿integrazione socio-professionale dei diversamente abili grazie alle potenzialit&#224 del mezzo telematico?

R. ¿Tutto ci&#242 che diventa legge, indubbiamente costituisce un punto a favore. Tuttavia, l¿obbligatoriet&#224 da sola non &#232 sufficiente senza l¿adeguata partecipazione emotiva, umana e culturale, l¿inclusione si raggiunge attraverso un lavoro di collaborazione attiva e collettiva.

La richiesta d¿aiuto da parte dei disabili deve incontrare la giusta attenzione da parte di chi ha la possibilit&#224 di soddisfarla, ma non solo per dovere. Altrimenti sarebbe come ritrovarsi in un mondo dominato da meccanismi automatici, privi di quella umanit&#224 che rende una societ&#224 veramente civile¿.

D. Secondo lei, l¿accesso diretto al mondo della Rete pu&#242 comportare dei rischi, almeno per coloro che presentano disabilit&#224 pi&#249 gravi? E in questo caso la legge, da sola, pu&#242 bastare a tutelarne i diritti?

R. ¿I rischi sussistono sempre, ma costituiscono un elemento imprescindibile della vita. Impedire ai disabili di correrli, sarebbe quasi come togliere loro la dignit&#224 della libert&#224 di scelta. Anzi, l¿elemento di rischio sottolinea quella necessaria collaborazione da parte della societ&#224, degli operatori e delle istituzioni al tanto agognato processo d¿integrazione. Non mi stancher&#242 di ripeterlo, legge e cultura devono andare di pari passo. E se i rischi sussistono, saranno proprio i disabili a sconfiggerli, con la loro voglia di riuscire, di vivere appieno la propria condizione di esseri umani¿.

D. L¿iter della proposta di legge Campa-Palmieri sembra aver imboccato un sentiero incoraggiante. Ed appare anche molto importante la presenza delle imprese fra coloro che hanno espresso la propria adesione. Crede davvero che, in un futuro prossimo, sia possibile realizzare un¿inclusione realmente compiuta dei disabili nel circuito lavorativo e produttivo del Paese e dell¿Europa?

R. ¿Non mi stancher&#242 mai di ripetere che l¿inclusione dei disabili nel mondo del lavoro &#232, ancora una volta, un prodotto culturale. Dobbiamo quindi puntare prima di tutto su questo versante. Il loro coinvolgimento nei processi produttivi del Paese non &#232 un passaggio automatico. La proposta Campa-Palmieri ne segna solo il primo passo. Sotto questo profilo, l¿adesione alla campagna da parte delle imprese &#232 un grande indicatore di civilt&#224. I tempi forse non sono ancora completamente maturi per un pieno completamento di questo processo, tuttavia, importanti traguardi sono gi&#224 stati segnati e questa campagna lo testimonia.

Bisogna alimentare nei disabili ¿l¿emozione di conoscere¿, oltre al ¿desiderio di esistere¿, ma educare la societ&#224 ad orientare l¿intelligenza verso una vita di incontro e cooperazione. La proposta di legge, lodevole e importante nel suo genere, non deve rimanere un esempio isolato. La mia speranza &#232 che ad una prima normativa ne segua magari immediatamente una seconda e poi una terza. Che la proposta di legge Campa-Palmieri segni l¿apertura di un sentiero lungo ma percorribile¿.

· Articoli correlati alla campagna a sostegno della Proposta di Legge Campa-Palmieri

· Elenco dei Parlamentari che hanno aderito allaProposta di Legge Campa-Palmieri

·Proposta di Legge Campa-Palmieri

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2021 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia