Aderisce Follini: ¿la legge proceda speditamente¿. La testimonianza di Franco Bomprezzi

di |

Italia



Va avanti la campagna lanciata da Puntoit e Key4biz.it a sostegno della proposta di legge Campa-Palmieri per la piena accessibilit&#224 dei siti internet della Pubblica Amministrazione e dei siti di pubblica utilit&#224 favore dei disabili.

Da Bruxelles, dove ha partecipato ad una riunione sulla Convenzione Europea, l¿On. Marco Follini ha voluto testimoniare la propria adesione alla campagna, manifestando il proprio apprezzamento per le finalit&#224 dell¿iniziativa, non senza sottolineare opportunit&#224 ed urgenze dell¿iniziativa legislativa.

“D&#242 la mia adesione alla campagna lanciata da Puntoit e Key4biz.it a sostegno della proposta di legge Campa-Palmieri per la piena accessibilit&#224 dei siti della Pubblica Amministrazione e dei siti di pubblica utilit&#224 a favore dei disabili ¿ ci ha dichiarato l¿On. Marco Follini – Questa proposta di legge, appena giunta in Commissione Trasporti, ha il merito di aver posto in modo tempestivo l”attenzione su un problema annoso, nell”anno che l”Europa ha voluto dedicare proprio ai disabili.

¿Daremo il nostro fattivo contributo ¿ ha concluso l¿On. Marco Follini – perch&#233 la legge proceda speditamente, favorendo ogni spinta di ulteriore miglioria del testo, per rispondere in modo compiuto ed efficace alle attese dei disabili e delle loro famiglie e perch&#233 l”inclusione e la lotta alla marginalit&#224 vengano definitivamente estese anche alle risorse info-telematiche”.

E¿ la prima testimonianza di un segretario di partito. Certo, sar&#224 di non poca utilit&#224 verificare nei prossimi giorni le reali disponibilit&#224 di tutti gli attori della scena politica.

¿Nothing about us, without us¿, recita lo slogan dell¿Anno Europeo del Disabile.

Ecco perch&#233 avvertiamo l¿importanza delle testimonianze che ci giungono dal sociale e che negli ultimi giorni si stanno moltiplicando.

Di particolare attenzione quella di Franco Bomprezzi, 50 anni, responsabile editoriale di www.superabile.it, il portale Inail dedicato al mondo della disabilit&#224.

Franco Bomprezzi &#232 giornalista professionista dal 1984, vive e lavora in sedia a rotelle in seguito agli esiti di una malattia genetica. Dopo undici anni di attivit&#224 in un quotidiano, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno all¿informazione sulle tematiche della disabilit&#224 e dal 1999 &#232 consulente di Inail per la realizzazione del Progetto SuperAbile che ha dato vita, nel 2001, al Call Center SuperAbile (numero verde 800-810.810) e dal 5 marzo 2002, al Portale di informazione giornalistica e tematica www.superabile.it .

Il portale &#232 strutturato come un quotidiano on line, con una home page di carattere giornalistico, e quattro canali tematici (Senza barriere, SuperabiLex, Tempo Libero, Sport) affidati ad esperti di settore. Completano i servizi del portale i forum e la chat.

Molta cura &#232 stata dedicata sin dalla progettazione del sito al tema dell¿accessibilit&#224, partendo dalle norme del Consorzio W3C (proprio quelle che sono alla base della proposta di legge Campa-Palmieri), ma cercando anche di sperimentare soluzioni ancor pi&#249 rispondenti alle dinamiche di navigazione degli utenti con disabilit&#224 sensoriale e motoria. In particolare, ad esempio, la scelta dei colori, dei font, del corpo dei testi, del peso delle immagini (tutte descritte attraverso l¿alternate), delle alternative rispetto a soluzioni grafiche poco usabili, mantenendo elevato il livello di gradevolezza e di appeal per tutti, &#232 il frutto di un lavoro di &#233quipe assai accurato, che ha coinvolto nella sperimentazione off line numerosi utenti con disabilit&#224.

Attualmente il portale annovera una media di 1300 visitatori al giorno, con oltre diecimila pagine viste al giorno, e una permanenza media nel sito di oltre quindici minuti.

D. Allora Bomprezzi, quanto &#232 importante il concetto di accessibilit&#224?

R. Garantire l¿accessibilit&#224 dei siti web, a cominciare da quelli della pubblica amministrazione e di pubblica utilit&#224, attraverso una legge del Parlamento, &#232 un obiettivo di fondamentale importanza, una tappa che va perseguita con energia e realismo, trovando, nei prossimi mesi, i valori che uniscono tutti i soggetti interessati. Le leggi a volte rischiano di ¿ingessare¿ il dibattito tecnico, perdendosi in una serie di norme a volte di difficile interpretazione e applicazione. Basti pensare all¿iter complesso della normativa italiana sulle barriere architettoniche, che &#232 vissuta, nel corso degli ultimi due decenni, di successive sovrapposizioni e riscritture, rischiando a volte di vanificare lo spirito fondamentale della materia, ossia la necessit&#224 di garantire a tutti i cittadini la piena mobilit&#224, dentro e fuori casa, in vista di una integrazione vera, di una cittadinanza completa.

Se ancora oggi abbiamo troppe barriere architettoniche &#232 perch&#233 la cultura della piena integrazione e del diritto di cittadinanza delle persone con disabilit&#224 non &#232 considerato un valore imprescindibile e ovvio, ma un obbligo, o, nel migliore dei casi, una concessione.

D. E nel Web?

R. Nel web le cose stanno un po¿ diversamente perch&#233 la materia &#232 relativamente nuova, e perch&#233 i diretti interessati, ossia le persone con disabilit&#224, hanno fatto tesoro dell¿esperienza vissuta in tema di barriere architettoniche e non hanno delegato ad altri la propria rappresentanza culturale, contribuendo attivamente, attraverso vari strumenti (basti pensare al gruppo di lavoro all¿interno dell¿Aipa) alla crescita di una consapevolezza culturale delle grandi opportunit&#224 ¿per tutti¿ rappresentate dal corretto approccio al tema dell¿accessibilit&#224 e della usabilit&#224 dei siti web.

D. E la proposta di legge Campa-Palmieri intercetta o incontra queste esigenze?

R. La proposta di legge Campa-Palmieri (con le successive variazioni proposte dal ministro Stanca) arriva dunque in un momento cruciale. Non solamente perch&#233 il 2003 &#232 l¿anno europeo delle persone con disabilit&#224, e dunque in questo senso l¿Italia pu&#242 giocare un ruolo importante, finalmente di anticipazione e non ¿a rimorchio¿ del resto d¿Europa, ma anche perch&#233, fissando pochi principi chiari, e puntando sull¿incentivazione, tecnica ed economica, di chi vorr&#224 adeguarsi alle nuove norme, conferma un metodo corretto, che non deve basarsi solo sulle sanzioni (peraltro utili, specie in termini di prevenzione delle inadempienze), ma soprattutto sulle norme ¿positive¿.

D Cosa vuol dire, che si sta veramente facendo strada una nuova cultura?

R. Il largo e trasversale consenso alla proposta Campa-Palmieri &#232 la conferma che le tematiche del mondo della disabilit&#224 possono essere davvero un terreno di confronto scevro da strumentalismi di parte, e rappresentare al contrario un campo di civile dialogo fra forze politiche, capace di esaltare il ruolo del Parlamento come guida anche culturale dei processi di innovazione.

Dal mio punto di vista, di persona con disabilit&#224, ma anche di giornalista che ha incontrato e scoperto il web dopo aver cominciato il mestiere con la Olivetti lettera 22, non posso che essere professionalmente stimolato dalle novit&#224 e dalle grandi opportunit&#224 di comunicazione senza barriere offerte dalla Rete. Credo dunque, anche sulla base dell¿esperienza sperimentale e sempre in divenire di www.superabile.it, che una delle caratteristiche che dovr&#224 avere il testo definitivo della legge dovrebbe essere quello della sua continua ¿prova dei fatti¿, con la possibilit&#224 di adeguarsi rapidamente al nuovo e al meglio, senza creare rigidit&#224 applicative, ma badando alla sostanza e alla qualit&#224.

D. Rimane, come dice qualcuno, il problema di tutto ci&#242 che nel web non &#232 pubblica amministrazione o pubblica utilit&#224, quale &#232 la sua opinione?

R. Si, ma in questo modo sar&#224 pi&#249 facile coinvolgere ¿ e questo &#232 il mio auspicio ¿ anche tutti i siti di interesse generale (compresi quelli di e-commerce o di eLearning, tanto per fare qualche esempio) che spesso non si accorgono di perdere per strada un pubblico di potenziali consumatori e clienti, se &#232 vero ¿ come &#232 vero ¿ che una persona con disabilit&#224 &#232 sicuramente interessata ad usufruire del maggior numero di informazioni e di servizi on-line, e nelle diverse applicazioni multimediali (dai palmari ai telefoni cellulari) senza soluzione di continuit&#224.

Ben venga dunque una legge, alla cui definizione, ovviamente, dovr&#224 sempre essere presente in modo attivo e decisivo il mondo degli utenti con disabilit&#224.

· Articoli correlati alla campagna a sostegno della Proposta di Legge Campa-Palmieri

· Elenco dei Parlamentari che hanno aderito allaProposta di Legge Campa-Palmieri

·Proposta di Legge Campa-Palmieri

Key4Biz

Quotidiano online sulla digital economy e la cultura del futuro

Direttore: Raffaele Barberio

© 2002-2021 - Registrazione n. 121/2002. Tribunale di Lamezia Terme - ROC n. 26714 del 5 ottobre 2016

Editore Supercom - P. Iva 02681090425

Alcune delle foto presenti su Key4biz.it potrebbero essere state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, lo possono segnalare alla redazione inviando una email a redazione@key4biz.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.

Netalia