Investire in comunicazione fa bene alle aziende

di |

Il Web 2.0 e la concorrenza agguerrita accrescono il bisogno di investire in comunicazione

Europa


pubbliche relazioni

Secondo una ricerca indipendente condotta a livello globale da LEWIS PR, agenzia internazionale di relazioni pubbliche, il 78% dei CEO considera l’attività di pubbliche relazioni come parte integrante del sistema aziendale. Di fatto, quest’anno, circa due terzi delle aziende hanno visto crescere il budget destinato proprio a tale attività.

La ricerca è stata condotta da Brainjuicer, società leader in Europa per le ricerche di mercato online, su un campione composto da 150 Senior Manager appartenenti ai mercati US, UK e EMEA, prevalentemente con responsabilità di funzioni marketing. Dallo studio si evince che ben il 96% delle aziende riconosce l’importanza delle attività di Pubbliche Relazioni. I due terzi degli intervistati ritengono inoltre che grazie al Web 2.0 le Pubbliche Relazioni hanno potuto rendere ancora più visibili i propri processi; inoltre la maggior parte ha anche aggiunto che una accresciuta visibilità è da considerarsi senza dubbio uno sviluppo positivo. Inoltre, il 60% ritiene che l’avvento del giornalismo di tipo consumer abbia reso le PR business-critical, considerando i social media come strumenti ad elevato impatto in termini di profitto e soddisfazione per l’utente.

Dalle risposte degli intervistati emerge un notevole livello di coinvolgimento da parte dei CEO nell’ambito dell’attività di PR, non correlato alla tipologia di azienda in cui operano. Di fatto, per oltre i due terzi del campione, è proprio quando il CEO aziendale viene coinvolto in prima persona che l’attività di PR è percepita come più rilevante.

Maria Teresa Trifiletti, General Manager di LEWIS PR in Italia, ha affermato: “Le Pubbliche Relazioni sono un’attività no-stop, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, e le aziende che scelgono di rispondere sempre tempestivamente o di adottare un approccio aperto hanno maggiore probabilità di avere successo nel lungo periodo. I nuovi media hanno creato le basi per un nuovo e moderno concetto di PR e le aziende che scelgono di non comunicare in tempo reale o in prima persona con il proprio pubblico di riferimento perderanno le numerose opportunità che ha in serbo per loro il Web 2.0. Al contrario, la chiave sta nell’abbracciare il Web 2.0 e utilizzarlo per poterne trarre vantaggio“.