Frontiere della scrittura

Lineamenti di web writing
di di Giuliana Fiorentino | 20 maggio 2013, ore 12:00

BIBLIOTECH


Frontiere della scrittura

Carocci Editore

Pubblicato: maggio 2013

Pagine: 158

ISBN: 9788843068333

Prezzo: 18,00

 

Il fascino e il potere della parola scritta non sono mai stati così evidenti come nell’epoca del digitale e delle generazioni sempre connesse (always on); la scrittura non è mai stata una pratica così diffusa e calata nella quotidianità tanto da accompagnare gesti e momenti della vita pubblica e privata di ognuno di noi.

 

La scrittura non è più appannaggio di alcune professioni, ma in modi e toni diversi è il campo in cui ci misuriamo sempre più spesso, dalle comunicazioni leggere e briose dei social network alle comunicazioni di servizio o alla produzione di documenti di diversa tipologia che in molte attività professionali, ricreative o legate ad interessi e hobby, siamo invitati a pubblicare in rete.

 

Il volume propone una riflessione sulla scrittura e sulle particolarità della scrittura per il web, offre una classificazione ragionata dei tipi di testi che si scrivono in rete e infine suggerisce alcuni principi per realizzare testi efficaci in rete. Con un taglio il più possibile leggero, il testo cerca di accompagnare il lettore, soprattutto il meno esperto, nell’osservare cosa accade al processo di scrittura e ai testi quando vengono prodotti per la rete.

 

I più esperti troveranno indicazioni per approfondire in un’ampia bibliografia di articoli e volumi aggiornati pubblicati in Italia e all’estero.

(Nota a cura dell’editore)

 

Giuliana Fiorentino, insegna Linguistica e Web writing all’Università del Molise. Da un decennio si occupa di evoluzione dell’italiano elettronico, ha scritto diversi saggi sull’italiano del web e sulle nuove forme di scrittura e testualità in rete. È referente di diversi progetti didattici per la scrittura nella scuola. È iscritta all’albo dei consulenti del ministero degli Interni per la Semplificazione del linguaggio amministrativo. Per Carocci ha già curato Perché la grammatica? (2010).

 

Flavio Fabbri


© 2002-2014 Key4biz